di Laura Villani - foto Antonio Caradonna

Dalla Fiera a Palazzo Fizzarotti: tutte le opere di Corradini, l'artista dimenticato
BARI – Ha realizzato alcuni degli edifici più importanti di Bari, eppure di lui si conosce veramente poco. Parliamo di Cesare Augusto Corradini, architetto e pittore romano attivo agli inizi del 900: un artista che, giusto per fare qualche esempio, ha messo la firma su Palazzo Fizzarotti, Fiera del Levante, Palazzo Ingami-Scalvini e sede della Fiat (oggi facoltà di Lingue). (Vedi foto galleria)

Tutti “monumenti” apprezzati ancora oggi per il loro eclettismo: una qualità che li differenzia dai tanti fabbricati costruiti nel secolo scorso. Ma sorprendentemente di Corradini non si sa quasi nulla. Sulla sua opera e sulla sua vita non ci sono né monografie né pubblicazioni, i libri di storia cittadina gli dedicano solo poche righe e su Internet è praticamente uno “sconosciuto”. Per non parlare delle fotografie: impossibile risalire al suo volto.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Per fortuna proprio quest’anno l’architetto Simone de Bartolo, nel volume “Bari ‘900 tra eclettismo e liberty”, gli ha dedicato qualche riga. Secondo lo studioso, Cesare Augusto sarebbe nato a Roma nel 1870 e morto sempre nella Capitale nel 1950.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Tramite ricerche di archivio sono riuscito a sapere qualcosa – ci dice De Bartolo – anche se in effetti non quanto mi sarei aspettato. Probabilmente, come altri esponenti dell’eclettismo storicista, nel corso del tempo è stato ritenuto superato dalla critica modernista: non degno quindi di uno studio approfondito».

La sua opera quindi sarebbe stata sottovalutata e con il tempo dimenticata. A questo aggiungiamo il suo non essere barese, elemento che forse l’ha reso meno “popolare” in città rispetto ad altri maestri quali Saverio Dioguardi. E infine la sua appartenenza alla massoneria, associazione che durante il Fascismo divenne addirittura illegale.

Quel che è certo è che a Bari l’artista ha lasciato una chiara impronta. «Venne qui al seguito del collega romano Ettore Bernich per realizzare Palazzo Fizzarotti», evidenzia De Bartolo.

A lui si deve infatti la creazione dello splendido edificio di corso Vittorio Emanuele, commissionato nel 1904 dal banchiere leccese Fizzarotti. Un’opera che ancora oggi sorprende per l’intrigante facciata in stile neogotico veneziano ricca di richiami massonici, dettagli esoterici e stemmi misteriosi. Cesare Augusto si occupò anche delle decorazioni interne, firmando le tele che adornano il salone medievale. Ritraggono l’ingresso a Bari del doge Orseolo dopo la sconfitta dei Saraceni (la cosiddetta “Vidua Vidue”) e il matrimonio di Federico II con Jolanda di Brienne a Brindisi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Negli anni successivi l’architetto sposò la terlizzese Teresa Lamparelli e con il nipote della donna, Rodolfo de Sario, aprì anche uno studio nel capoluogo pugliese, in via Melo 192, dove forse si trovava anche la sua abitazione.


Nel 1923 realizzò il Palazzo Laterza di via Sparano (sostituito dal quello attuale negli anni 60) e nel 1924 venne coinvolto in due lavori, entrambi al fianco del ben più noto pittore veneziano Mario Prayer. Il primo riguardò la direzione artistica della decorazione della memorabile Aula Magna dell’Ateneo, di ispirazione rinascimentale. Il secondo il progetto del palazzo Ingami-Scalvini situato tra via Cairoli e via Putignani. Un edificio che colpisce per il bestiario medievale che ne anima le facciate e per l’abbondanza di richiami esoterici.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il 1926 fu l’anno del progetto del quadrilatero della Fiera del Levante, “quartiere” che aperto quattro anni dopo alla presenza di re Vittorio Emanuele III. Corradini realizzò anche l’ingresso monumentale che si affaccia sul mare, con i suoi possenti torrioni laterali, l’arco centrale e le finestrelle bifore.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Due anni dopo venne inaugurata in via Garruba la sede della Fiat (l’attuale sede della facoltà di Lingue), progettata da Cesare Augusto assieme l’ingegnere Francesco De Giglio e destinata all’esposizione e alla vendita di automobili del grande marchio torinese. L’edificio, dall’aspetto innovativo e austero, fu il primo in città a sfoggiare pareti finestrate già in uso in palazzi industriali parigini.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E dal 1932 al 1935 affiancò l’altro grande nome dell’architettura barese di inizio 900: Saverio Dioguardi. Con lui supervisionò la realizzazione degli interni del Palazzo della Provincia di Bari.

Tra un capolavoro e l’altro realizzò anche i due villini neoclettici di via Umberto Giordano, nella zona di San Francesco, il mausoleo di Raffaele Resta (a forma di pantheon) nel Cimitero Monumentale di Bari e l’altare Fizzarotti nella chiesa di San Giuseppe, nel rione Madonnella.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Perché non c’è quartiere della città dove Corradini non abbia lasciato un segno. Per questo, seppur con un ritardo di diversi decenni, è forse arrivato il momento di riscoprire l’opera di questo “misterioso” artista, a cui Bari deve tanta della sua bellezza.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica) 

* con la collaborazione di Nicola Imperiale

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Laura Villani
Scritto da

Antonio Caradonna
Foto di

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved