http://www.barinedita.it/ Notizie inedite da Bari. it Tue, 10 Jun 2003 09:41:01 GMT http://blogs.law.harvard.edu/tech/rss Weblog Editor 2.0 info@barinedita.it (Marco Montrone) info@netboom.it (Netboom) BarInedita storie e interviste La storia di Rinaldo il "cantante di via Sparano": Ma i baresi non mi apprezzano piu http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n3560-la-storia-di-rinaldo-il-equot;cantante-di-via-sparanoequot;--ma-i-baresi-non-mi-apprezzano-piu La storia di Rinaldo il "cantante di via Sparano": Ma i baresi non mi apprezzano piu

BARI – «Ormai i baresi sono indifferenti alla mia voce, gli unici che si fermano ad ascoltarmi sono i turisti stranieri». É lo sfogo del 65enne Rinaldo Allegrini, meglio noto come "il cantante di via Sparano", uno dei "personaggi" più famosi di Bari. Da 13 anni infatti, ogni giorno, si esibisce in modo più o meno intonato nella strada dello shopping, sperando di racimolare offerte dai passanti. (Vedi foto galleria) Anche se la sua popolarità da un po’ di tempo sembra essere in netto declino

]]>
Mon, 15 Jul 2019 12:37:00 +0100
Ama il mare e i bagni al tramonto: e Henry la bianca mascotte del rione San Girolamo http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n3559-ama-il-mare-e-i-bagni-al-tramonto--e-henry-la-bianca-mascotte-del-rione-san-girolamo Ama il mare e i bagni al tramonto: e Henry la bianca mascotte del rione San Girolamo

BARI – È candido e morbido, grande e buono e soprattutto amante del mare e dei bagni al tramonto. Di chi parliamo? Di Henry, il pastore maremmano che da cinque anni è diventato la mascotte del quartiere San Girolamo di Bari. Un cane che, nonostante la sua evidente natura “montanara”, si è ben adattato al clima e alle abitudini baresi, tanto da frequentare assiduamente una spiaggia del rione: quella che si trova all’inizio del Lungomare IX Maggio. (Vedi foto ga

]]>
Fri, 12 Jul 2019 13:54:00 +0100
Elegante sorridente e sempre in giro: e Cerino il "personaggio" piu amato dai baresi http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n3555-elegante-sorridente-e-sempre-in-giro--e-cerino-il-equot;personaggioequot;-piu-amato-dai-baresi Elegante sorridente e sempre in giro: e Cerino il "personaggio" piu amato dai baresi

BARI – È il “personaggio” più amato di Bari: sempre allegro, affettuoso, elegante e praticamente onnipresente per le vie cittadine. Lui è il 53enne Antonio Cerino (nella foto), sordomuto e affetto dalla nascita da una tetraparesi spastica (anche se in molti affermano sia stato in realtà vittima di un incidente stradale) che non gli permette di muovere completamente il corpo. Ma questo grave handicap e la sua forza di volontà sono stati una “molla”: gli hanno permesso di crearsi una via di comunicazione alternativa, fatta di ampi gesti e soprattutto di grandi sorrisi. Gli stessi che hanno conquistato i baresi. «Chi non conosce Antonio? È la “mascotte” di Bari – sottolinea il 47enne Mimmo, proprietario di un ristorante di

BARI – «Tutti si fanno beffe di me, ma io davanti a Dio mi sento un vero e proprio sacerdote». Quella che vi raccontiamo oggi è la storia di una persona che da più di trent’anni si alza la mattina e indossa per tutto il giorno una lunga talare nera da prete, pur non essendo un prete. È il barese Pierluigi (nella foto), 53enne con problemi psichici, a cui è sempre stata negata la possibilità perlomeno di “sognare”. L’uomo abita a Poggiofranco con l’anziana mamma e da un po’ di tempo frequenta la parrocchia del Santissimo Sacramento di via Pasubio, nel

BARI – Un tempo ce n’erano tantissimi, disseminati tra le vie dei quartieri storici di Bari. Parliamo dei forni pubblici, luoghi che venivano incontro alle esigenze di una popolazione non ancora dotata in casa di cucine. Vi si portavano gli alimenti da cuocere che venivano poi restituiti pronti per essere mangiati. Nel corso dei decenni il progresso e la tecnologia hanno permesso ai baresi di poter fare a meno di questi locali, che sono pian piano andati scomparendo. Eppure qualcuno resiste, in qualche paese certo, ma anche a Bari citt&

]]>
Fri, 5 Jul 2019 12:33:00 +0100
Bari quando nelle enoteche venivano offerte le uova sode: Servivano a ubriacarsi meglio http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n3550-bari-quando-nelle-enoteche-venivano-offerte-le-uova-sode--servivano-a-ubriacarsi-meglio Bari quando nelle enoteche venivano offerte le uova sode: Servivano a ubriacarsi meglio

BARI – In qualche “cantina” di Bari è possibile ancora trovarle: ceste di uova sode posate sui banconi accanto a taniche di vino e bottiglie di birra. Si tratta di un vecchio rito che fino a qualche decennio fa era la regola per ogni enoteca che si rispettasse: far mangiare qualcosa al “beone” di turno, per permettergli di assorbire più alcol possibile. Le uova infatti permettevano di “riempire” il corpo evitando di bere a stomaco vuoto. Inoltre, magari condite con sale e pepe, creavano qu

]]>
Wed, 3 Jul 2019 13:43:00 +0100
Tris impiccato salsicciotto battaglia navale: la storia dei "giochi di carta e matita" http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n3534-tris-impiccato-salsicciotto-battaglia-navale--la-storia-dei-equot;giochi-di-carta-e-matitaequot; Tris impiccato salsicciotto battaglia navale: la storia dei "giochi di carta e matita"

"Tris", "Nomi, cose e città", "Battaglia navale", "L'impiccato", "Salsicciotto". Alzi la mano chi da piccolo non si è mai cimentato in questi giochi. Svaghi per i quali occorrevano solo un foglio e una matita e che avevano un sapore di trasgressione, in quanto compiuti a scuola, di nascosto dagli insegnanti. Un po’ come accadeva con le figurine dei calciatori. «Si trattava di passatempi "poveri", alla portata di tutti, diffusisi nella seconda metà dell'800 quando la carta divenne un materiale di uso comune», sottolinea il 54enne Andrea Angiolino, giornalista romano e grande esperto dei cosiddett

]]>
Mon, 17 Jun 2019 13:16:00 +0100
La storia di Tommaso il "biciclettaio" che ripara da 53 anni le due ruote dei baresi http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n3536-la-storia-di-tommaso-il-equot;biciclettaioequot;-che-ripara-da-53-anni-le-due-ruote-dei-baresi La storia di Tommaso il "biciclettaio" che ripara da 53 anni le due ruote dei baresi

BARI – «Ormai lo faccio solo per passione: mi basta recuperare le spese e avere la sicurezza ogni giorno di poter maneggiare le mie “due ruote”». Parole del 79enne barese Tommaso De Carne, che da 53 anni gestisce una bottega in cui ripara ogni tipo di bicicletta. Un mestiere in disuso. Del resto oggi con qualche euro è possibile comprarsi un mezzo nuovo: sono quindi in pochi coloro che decidono di “perdere tempo” a farsi aggiustare il proprio veicolo. Ma Tommaso resiste, perché quello con le bici è un legame unico, che dura da una vita. Tra l’altro lui è stato anche ciclista: seppur amatoriale è riuscito a conquistare numerosi trofei che espone nel suo laboratorio di via Gorizia 18, al

MONOPOLI – «Non venderò mai la casa costruita con tanto amore dai miei genitori». Sono le parole della 70enne Maria che, assieme ai suoi cani e le sue galline, abita una pittoresca e antica masseria affacciata sul mare di Monopoli. La dimora si trova sulla scogliera che cinge la spiaggia di Porto Ghiacciolo, forse la più “festaiola” tra le 19 calette sabbiose simbolo del litorale sud del paese costiero. Qui, tra bar e ombrelloni, si mostra questa ]]> Wed, 12 Jun 2019 13:37:00 +0100 Circoli esclusivi maggiordomi e balli di corte: la nobilta in Italia e viva e vegeta http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n3529-circoli-esclusivi-maggiordomi-e-balli-di-corte--la-nobilta-in-italia-e-viva-e-vegeta Circoli esclusivi maggiordomi e balli di corte: la nobilta in Italia e viva e vegeta

Sono decaduti da più di 70 anni, dal momento in cui la Costituzione stabilì che nell’Italia repubblicana non sarebbero più stati riconosciuti i loro titoli. Parliamo dei nobili: re, principi, duchi, marchesi e conti, che dopo secoli di monarchia, a partire dal 1948, sono stati costretti a “trasformarsi” in persone comuni. Ma davvero la nobiltà in Italia è sparita? Davvero gli aristocratici hanno accettato questo “declassamento” senza battere ciglio? La risposta sembrerebbe essere “no”. Nel 2019 nel Belpaese esistono ancora circoli esclusivi, feste mondane e balli di corte che tendono a

]]> Fri, 7 Jun 2019 14:01:00 +0100 Noci per fischietti nocciole come biglie: quando i bambini creavano i propri giochi http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n3528-noci-per-fischietti-nocciole-come-biglie--quando-i-bambini-creavano-i-propri-giochi- Noci per fischietti nocciole come biglie: quando i bambini creavano i propri giochi

ALTAMURA – Fischietti fatti con i gusci di noci, nocciole utilizzate a mo’ di biglie, trottole di legno, aeroplanini di carta: sono i “giochi di una volta”, quelli con cui si dilettavano i nostri nonni quand’erano bambini. Passatempi “poveri”, praticati per strada e soprattutto realizzati artigianalmente dai piccoli di un tempo. Attività che però stanno rischiando di finire nel dimenticatoio. Nell’epoca del “tutto pronto” e della tecnologia ad ogni costo, concetti come manualità e riutilizzo appaiono infatti datati e ingenui. Per fortuna c’è ancora chi difende strenuamente quell’idea di infanzia. Abbiamo parlato della federazione dei giochi e sport tradizionali e oggi vi racconteremo la

]]>
Thu, 6 Jun 2019 13:45:00 +0100
Nelle campagne di Bari un'antenna di metallo che tocca le nuvole: sara alta 120 metri http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n3524-nelle-campagne-di-bari-un-antenna-di-metallo-che-tocca-le-nuvole--sara-alta-120-metri-- Nelle campagne di Bari un'antenna di metallo che tocca le nuvole: sara alta 120 metri

BARI – Un’enorme struttura di metallo, alta ben 110 metri, sta sorgendo in questi giorni nelle campagne baresi. Dal 9 maggio infatti una ditta specializzata di Brescia è alle prese con l’innalzamento di un’antenna radio che andrà a sostituire la vicina “Torre Eiffel”, costruita nel 2011 ma in procinto di essere smantellato. (Vedi foto galleria) Siamo nell’estrema periferia a sud-est del centro abitato, in quell’area ch

]]>
Fri, 31 May 2019 13:15:00 +0100
"Dove passano loro non cresce piu l'erba": ecco tutte le leggende sulle donne mestruate http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n3516-equot;dove-passano-loro-non-cresce-piu-l-erbaequot;--ecco-tutte-le-leggende-sulle-donne-mestruate- "Dove passano loro non cresce piu l'erba": ecco tutte le leggende sulle donne mestruate

Prima il web, popolato dalle foto di mamme “pancine” che festeggiano con torte, regali e feste a tema il menarca delle figlie. Poi il noto marchio della Lines, ideatrice di una linea di tamponi apposita per la comparsa delle prime mestruazioni, con tanto di pochette in omaggio. É la celebrazione moderna del “ciclo” femminile: un'accoglienza che assume tratti bizzarri e talvolta sconfina in trovate commerciali di dubbio gusto. Una considerazione esagerata che non rappresenta però una novità: sono infatti millenni che alle mestruazioni viene riservata grande “attenzione”, anche attraverso spiacevoli leggende, riti e superstizioni, per fortuna legati più che altro al passato.   «Ric

]]>
Mon, 27 May 2019 13:58:00 +0100
Animali motori e chiacchierate con gli astronauti: e la Cittadella della scienza di Bari http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n3513-animali-motori-e-chiacchierate-con-gli-astronauti--e-la-cittadella-della-scienza-di-bari Animali motori e chiacchierate con gli astronauti: e la Cittadella della scienza di Bari

BARI - «La scienza viene percepita dagli studenti come una serie di formule incomprensibili: proprio per questo motivo è nata l’idea di creare un luogo dove i ragazzi possano finalmente avvicinarsi con piacere a un mondo incredibile». Parole della docente di Fisica in pensione Maria Catalano, colei che gestisce la Cittadella mediterranea della scienza: un grande capannone ubicato nella Zona Industriale di Bari dove è possibile dal 2006 “entrare” nell’universo della chimica, della fisica, dell’astronomia o della zoologia. Voluta dall’Università di Bari, è stata realizzata per combattere la cronica diminuzione di iscritti ai corsi di

E anche le ultime due “bandiere” del calcio italiano se ne sono andate. Daniele De Rossi e Sergio Pellissier nei giorni scorsi hanno annunciato l’addio alla propria squadra di appartenenza: rispettivamente la Roma e il Chievo. Parliamo di giocatori che hanno segnato la storia del loro club: Pellissier ha infatti disputato 17 stagioni con i gialloblu (dal 2003 al 2019), De Rossi addirittura 18 con i giallorossi (dal 2002 al 2019). Non si tratta però di record assoluti, visto che c’è chi è stato capace di raggiungere le 25 stagioni consecutive disputate con la stessa maglia. È il caso di Paolo Maldini e Francesco Totti, vere e proprie “istituzioni” di Milan e Roma. Calciatori che hanno debuttato quando avevano appena 16 anni, per poi appendere le scarpe al chiodo alla “veneranda” età di 41. Vanno poi sottoline

]]> Wed, 15 May 2019 13:35:00 +0100 App brand e badge: l'Ateneo di Bari si "svecchia". Ma il merito e tutto degli studenti http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n3502-app-brand-e-badge--l-ateneo-di-bari-si-equot;svecchiaequot;.-ma-il-merito-e-tutto-degli-studenti App brand e badge: l'Ateneo di Bari si "svecchia". Ma il merito e tutto degli studenti

BARI - «Gli studenti non dovrebbero stare solo sui libri ma proporre idee, per essere così coinvolti nelle decisioni della scuola che frequentano». Parole di Enrico, iscritto all'ultimo anno della facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Bari: uno di quei ragazzi "visionari" che, a colpi di innovazioni tecnologiche, hanno il merito di star letteralmente "svecchiando" lo storico Ateneo. Il gruppo fa parte dell'associazione "Up

]]>
Mon, 13 May 2019 11:08:00 +0100
Omicida e suicida: la vita di Filippo Cifariello l'artista che ha scolpito "mezza Bari" http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n3493-omicida-e-suicida--la-vita-di-filippo-cifariello-l-artista-che-ha-scolpito-equot;mezza-bariequot; Omicida e suicida: la vita di Filippo Cifariello l'artista che ha scolpito "mezza Bari"

BARI – Le sue opere sono conosciutissime da tutti i baresi e campeggiano nei giardini e nei palazzi più importanti della città, eppure il suo nome ai più non dice nulla: d’altronde le istituzioni gli hanno dedicato solo una brevissima via nel quartiere San Paolo. Stiamo parlando dello scultore Filippo Cifariello, colui che ha scolpito "mezza Bari" e autore tra l'altro della statua equestre di re Umberto I, posta nella

BARI - Gli orrori di una lunga guerra, la fame, la lealtà verso la donna amata. Sono gli "ingredienti" dei racconti del 97enne barese Vincenzo Calabrese (nella foto), testimone privilegiato di un avvenimento che ha fatto la storia dell'Italia: la fuga a Brindisi del re Vittorio Emanuele III, del quale l'anziano fu il macellaio di fiducia. Per immergersi in quel contesto drammatico è necessario tornare al 1943, nel pieno del secondo conflitto mondiale. É l'8 settembr

]]> Mon, 29 Apr 2019 12:43:00 +0100 Ginosa pescatore apre la pancia di uno squalo spiaggiato e salva 50 avannotti: il video http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n3495-ginosa-pescatore-apre-la-pancia-di-uno-squalo-spiaggiato-e-salva-50-avannotti--il-video Ginosa pescatore apre la pancia di uno squalo spiaggiato e salva 50 avannotti: il video

TARANTO – Una scena per certi versi raccapricciante, ma al tempo stesso eccezionale. È quella a cui hanno assistito due persone che stavano passeggiando sul litorale tarantino, all’altezza di Ginosa Marina. I passanti hanno immortalato in un video il salvataggio di ben 50 avannotti: i piccoli di una verdesca che, rimasta imbrigliata in una rete da pesca, si era spiaggiata perdendo la vita. La singolarità della storia consiste nel fatto che i “cuccioli” sono stati estratti direttamente dal ventre della madre, con le mani. Quasi fosse un chirurgo infatti, un pescatore che si trovava nei paraggi ha di fatto apert

]]>
Fri, 26 Apr 2019 12:52:00 +0100
Bari lo scoglioso e degradato litorale sud diventa la "casa" del raro fratino http://www.barinedita.it/storie-e-interviste/n3490-bari-lo-scoglioso-e-degradato-litorale-sud-diventa-la-equot;casaequot;-del-raro-fratino Bari lo scoglioso e degradato litorale sud diventa la "casa" del raro fratino

BARI – Un piccolo uccello bianco e grigio che ha scelto lo scoglioso e degradato litorale sud di Bari per nidificare a due passi dal mare. Parliamo del fratino, volatile che di solito preferisce la sabbia per deporre le proprie uova, ma che da qualche anno mimetizza il proprio nascondiglio tra le pietre della costa che si estende sino a San Giorgio. Sono sette i nidi rinvenuti dagli ornitologi: due all’altezza di