http://www.barinedita.it/ Notizie inedite da Bari. it Tue, 10 Jun 2003 09:41:01 GMT http://blogs.law.harvard.edu/tech/rss Weblog Editor 2.0 info@barinedita.it (Marco Montrone) info@netboom.it (Netboom) BarInedita Le storie i negozi e i palazzi di via Sparano: strada di Bari in perenne trasformazione http://www.barinedita.it/reportage/n3574-le-storie-i-negozi-e-i-palazzi-di-via-sparano--strada-di-bari-in-perenne-trasformazione- Le storie i negozi e i palazzi di via Sparano: strada di Bari in perenne trasformazione

BARI -  Strada pedonale dello shopping, asse centrale del quartiere Murat, “biglietto da visita” della città, palcoscenico degli artisti, tradizionale punto di incontro. Tutto questo è via Sparano, l’arteria più famosa di Bari: un boulevard ottocentesco in perenne trasformazione ma in fondo sempre fedele a sé stesso. (Vedi foto galleria) Lunga 750 metri, via Sparano congiunge la stazione al centro storico, attraversando tutto il borgo murattiano. Il suo nome, quello di un

BARI - Annunciato da una semplice iscrizione sul suo portone d’ingresso, quasi sfugge all’occhio dei baresi, ricavato com’è nella struttura del Teatro Piccinni e frequentato da giornalisti e politici più che da residenti ed elettori. Eppure Palazzo di Città, la sede del Comune di Bari, nasconde al suo interno quattro elegantissime sale arricchite da incredibili sculture, ritratti e affreschi. Un tesoro sconosciuto ai più che siamo andati a visitare. (Vedi foto galleria) L’edificio si trova nel

ACQUAVIVA DELLE FONTI – È il paese della famosa cipolla rossa e dei caratteristici e antichi pozzi disseminati nel suo centro storico, ma non solo. Acquaviva delle Fonti può infatti vantare uno dei luoghi più suggestivi di tutta la provincia di Bari: piazza dei Martiri. Su questo largo, ristrutturato da poco più di 3 anni e reso completamente pedonale, si affacciano i monumenti più importanti del borgo: la Cattedrale, il Palazzo de Mari e la Torre dell’orologio. Siamo andati a visitarlo (vedi foto galleria).

]]>
Wed, 24 Jul 2019 12:15:00 +0100
Mola trenta dimore d'epoca nascoste su una collina: e il "Poggio delle antiche ville" http://www.barinedita.it/reportage/n3562-mola-trenta-dimore-d-epoca-nascoste-su-una-collina--e-il-equot;poggio-delle-antiche-villeequot; Mola trenta dimore d'epoca nascoste su una collina: e il "Poggio delle antiche ville"

MOLA DI BARI – Trenta splendide dimore d’epoca nascoste nella fitta vegetazione di una collina. Parliamo del “Poggio delle antiche ville”, un luogo che comprende due contrade di Mola di Bari: San Materno e Brenca, situate a quattro chilometri dal centro abitato. (Vedi foto galleria) Qui, a 130 metri d’altezza, tra il 700 e i primi del 900 la borghesia molese ha eretto le sue sontuose magioni, in uno scenario fatto di natura incontaminata: l’ideale per sfuggire all’afa dei mesi estivi. Il posto (paragonabile alla monopolitana

CONVERSANO -  Si narra che anche Giovanni Pascoli abbia solcato le sue acque con un piccola barca, attratto dalla bellezza bucolica dell’ambiente in cui è immersa. Stiamo parlando della “Piscina del Conte” di Conversano: un luogo magico e nascosto che, a distanza di 300 anni dalla sua costruzione, è riuscito a mantenere intatto il suo fascino. (Vedi foto galleria) Si tratta di un piccolo lago artifici

]]> Tue, 16 Jul 2019 12:57:00 +0100 Acquaviva e il suo "oro blu": alla scoperta dei preziosi pozzi nascosti nel centro storico http://www.barinedita.it/reportage/n3549-acquaviva-e-il-suo-equot;oro-bluequot;--alla-scoperta-dei-preziosi-pozzi-nascosti-nel-centro-storico Acquaviva e il suo "oro blu": alla scoperta dei preziosi pozzi nascosti nel centro storico

ACQUAVIVA DELLE FONTI – Lo dice lo stesso nome del paese: sotto il suolo di Acquaviva delle Fonti scorre una grande falda acquifera che ha permesso nel corso dei secoli di rendere fertile il territorio della cittadina a sud-est di Bari. Si tratta di un vero e proprio tesoro, tra l’altro “spiabile” attraverso antichi pozzi, ancora esistenti e utilizzabili, che punteggiano il centro storico del borgo. Siamo così andati alla scoperta di queste caratteristiche “bocche” nascosti in stradine, piazzette e persino all’interno di antichi edifici. (Vedi foto galleria) Il nostro punto di partenza è piaz

]]>
Tue, 2 Jul 2019 12:28:00 +0100
Alla scoperta del centro storico di Molfetta il "brutto anatroccolo" del nord barese http://www.barinedita.it/reportage/n3548-alla-scoperta-del-centro-storico-di-molfetta-il-equot;brutto-anatroccoloequot;-del-nord-barese Alla scoperta del centro storico di Molfetta il "brutto anatroccolo" del nord barese

MOLFETTA – Il centro storico di Giovinazzo, il lungomare di Bisceglie, la Cattedrale di Trani: sono le classiche e frequentatissime mete del litorale a nord di Bari. Un trio fortunato che da sempre conta un'unica esclusa: Molfetta, cittadina dal passato travagliato, da sempre considerata più un porto che un paese in grado di attrarre turisti. Ma in realtà questo borgo adagiato sul mare conta una notevole parte antica, un’area medievale colma di pittoresche viuzze e chiese secolari, caratterizzata da un inconfondibile

]]>
Mon, 1 Jul 2019 13:32:00 +0100
Viaggio nel Quartier generale dell'Aeronautica: quello che fu il primo aeroporto di Bari http://www.barinedita.it/reportage/n3547-viaggio-nel-quartier-generale-dell-aeronautica--quello-che-fu-il-primo-aeroporto-di-bari Viaggio nel Quartier generale dell'Aeronautica: quello che fu il primo aeroporto di Bari

BARI – Un sorta di “città nella città”, grande 20mila metri quadri e attraversata da una pista di atterraggio lunga quasi tre chilometri. È l’ex Aeroporto civile e militare, situato a Palese-Macchie, in un’area adiacente a quella occupata dall’aeroporto internazionale Karol Wojtyla. (Vedi foto galleria)   Creato nel 1930 con il nome di “Umberto di Savoia” (poi diventato dal 1939 “Jacopo Calò Carducci”), questo e

]]>
Fri, 28 Jun 2019 14:01:00 +0100
Antico pittoresco e dimenticato: Loseto il quartiere che vive lontano da Bari http://www.barinedita.it/reportage/n3539-antico-pittoresco-e-dimenticato--loseto-il-quartiere-che-vive-lontano-da-bari Antico pittoresco e dimenticato: Loseto il quartiere che vive lontano da Bari

BARI – Un borgo medievale che tra i suoi stretti vicoli annovera un castello, un duomo e numerose chiese rurali. Quello di cui stiamo parlando non è uno dei tanti paesini che caratterizza il territorio pugliese, ma al contrario è la descrizione di un vero e proprio quartiere di Bari: Loseto. (Vedi foto galleria) Si tratta di una sorta di “piccola isola urbana” completamente circondata dalla campagna che affonda le radici nell’XI secolo. La sua “età dell’oro” risale al periodo in cui fu acquisita dal nobile napoletano Ce

]]>
Tue, 25 Jun 2019 10:35:00 +0100
Corato quell'edificio in bugnato che ricorda Ferrara: e il "Palazze de re pete pezzute" http://www.barinedita.it/reportage/n3545-corato-quell-edificio-in-bugnato-che-ricorda-ferrara--e-il-equot;palazze-de-re-pete-pezzuteequot; Corato quell'edificio in bugnato che ricorda Ferrara: e il "Palazze de re pete pezzute"

CORATO - Una piccola perla dell'architettura rinascimentale pugliese che gode di un curioso soprannome: è Palazzo De Mattis, edificio cinquecentesco situato nel cuore di Corato, meglio conosciuto come Palazze de re pète pezzute, cioè "palazzo dalle pietre appuntite". (Vedi foto galleria) Il motivo sta nel suo affascinante rivestimento rossiccio in bugnato a punta di diamante. Un accorgimento architettonico particolare che ricorda quello di una costruzione più antica e famosa: il Palazzo dei Diamanti di Ferrara. E non si tratta di un caso. É l'inizio del 500 quando i contatti tra

]]>
Mon, 24 Jun 2019 13:50:00 +0100
Monopoli contrada Santo Stefano: il tratto di mare piu spettacolare di tutto il barese http://www.barinedita.it/reportage/n3542-monopoli-contrada-santo-stefano--il-tratto-di-mare-piu-spettacolare-di-tutto-il-barese Monopoli contrada Santo Stefano: il tratto di mare piu spettacolare di tutto il barese

MONOPOLI – Abbiamo parlato più volte della costa sud di Monopoli, tra le più attraenti di tutta la Puglia, costellata com’è da 19 paradisiache calette di sabbia. Un’area facilmente raggiungibile e popolata d’estate da famiglie con bambini e comitive di giovani. C’è però un tratto di questo litorale più nascosto e selvaggio, lì dove la scogliera si fa più alta e scenografica e il blu del mare incontra il verde della macchia mediterranea. Parliamo di contrada Santo Stefano, territorio situato tra Monopoli Sud e Capitolo Nord. Un luogo che siamo andati a visitare

CAPOSELE – Bari, 24 aprile 1915. Dopo tre colpi di cannone sparati a salve dalla Muraglia, la fontana di piazza Umberto posta di fronte all’Ateneo zampilla il primo getto d’acqua proveniente dall’Acquedotto Pugliese. È un momento storico, visto che da quel momento in poi quest’opera consentirà di dissetare una delle più aride regioni d’Italia, grazie ai suoi 21mila chilometri di condutture che ne fanno oggi la rete idrica più lunga d’Europa.  L'idea di costruire l’Acquedotto fu di Camillo Rosalba, ingegnere foggiano che già nel 1868 elaborò un suo progetto: si trattava però di idee talmente avveniristiche ch

]]> Tue, 18 Jun 2019 13:13:00 +0100 Grandi ville immerse nel verde: e Parchitello elitaria ma irrealizzata "garden city" http://www.barinedita.it/reportage/n3531--grandi-ville-immerse-nel-verde--e-parchitello-elitaria-ma-irrealizzata-equot;garden-cityequot;  Grandi ville immerse nel verde: e Parchitello elitaria ma irrealizzata "garden city"

NOICATTARO –  È abitato da baresi, ma appartiene amministrativamente a Noicattaro, eppure dal centro del paese nojano dista quasi 5 chilometri. Del resto chi l’ha ideato voleva proprio questo: creare non un quartiere periferico, ma una città a parte, dotata di tutti i servizi che le permettessero di essere perfettamente autonoma. Stiamo parlando di Parco Scizzo-Parchitello, borgo residenziale nato negli anni 80 in una zona di campagna situata all’altezza di Torre a Mare, ben oltre la tangenziale. ]]> Thu, 13 Jun 2019 13:07:00 +0100 A Giovinazzo c'e una "piccola San Pietro": il cupolone rosa di Sant'Agostino http://www.barinedita.it/reportage/n3532-a-giovinazzo-c-e-una-equot;piccola-san-pietroequot;--il-cupolone-rosa-di-sant-agostino- A Giovinazzo c'e una "piccola San Pietro": il cupolone rosa di Sant'Agostino

GIOVINAZZO – La si scorge dappertutto, con il suo color rosa pallido e i suoi 50 metri di altezza: è la cupola della settecentesca Sant’Agostino, chiesa situata a Giovinazzo, in provincia di Bari. Tra le più grandi in Italia per dimensioni e “altitudine”, questa calotta rende l’edificio religioso simile a una “piccola San Pietro”. Siamo andati a visitarla (vedi foto galleria).  Il tempio si erge su piazza Sant’Agostino, tra la villa comunale e la stazione. La sua costruzione fu iniziata nel 1754 ad opera dell’ingegnere Giovanni Mastropasqua, ma vide la sua consacrazione e real

]]>
Tue, 11 Jun 2019 13:46:00 +0100
Bari la storia del palazzo di Lingue: l'ex casa della Fiat che rischio l'abbattimento http://www.barinedita.it/reportage/n3527-bari-la-storia-del-palazzo-di-lingue--l-ex-casa-della-fiat-che-rischio-l-abbattimento- Bari la storia del palazzo di Lingue: l'ex casa della Fiat che rischio l'abbattimento

BARI – Fu uno dei primi edifici in città a essere costruito in cemento armato ed è caratterizzato da capitelli ionici, fregi decorativi e suggestive vetrate. Uno stabile che è lecito definire “storico” ma che, come avvenuto a tanti altri palazzi di inizio 900, ha rischiato seriamente l’abbattimento. Parliamo della facoltà di Lingue e Letterature straniere dell’Università di Bari, nota anche come “ex Fiat” per essere stata in passato lo showroom del noto marchio automobilistico. (Vedi foto galleria)

BARI – Un bizzarro edificio, una silenziosa cappella, un presepe leggendario. Tutto questo è Palazzo Caleno, antico e prezioso stabile che si nasconde nella parte più vecchia del quartiere Picone di Bari. Un luogo poco conosciuto, ma la cui storia particolare merita di essere raccontata. (Vedi foto galleria) Per visitare la struttura basta portarsi su via Lucera, perpendicolare di viale Salandra: una strada percorribile solo a piedi per via della presenza di una ripida scalinata. Non a caso quest'area della città viene chiamata la Mendàgne (<

]]>
Tue, 28 May 2019 13:09:00 +0100
Un &quot;libro di storia in pietra&quot;: il Castello Marchione simbolo della nobile Conversano http://www.barinedita.it/reportage/n3511-un-equot;libro-di-storia-in-pietraequot;--il-castello-marchione-simbolo-della-nobile-conversano Un &quot;libro di storia in pietra&quot;: il Castello Marchione simbolo della nobile Conversano

CONVERSANO – Un edificio tra i più suggestivi e significativi di tutta la provincia di Bari, che tra scale monumentali e preziosi saloni, nasconde aneddoti e leggende risalenti al Rinascimento. Tutto questo è il quattrocentesco Castello Marchione di Conversano, un luogo spesso associato solo a grandiosi eventi e matrimoni, ma che in realtà rappresenta il simbolo dell’antica casata degli Acquaviva d’Aragona. Parliamo di una famiglia nobiliare potentissima, la cui storia negli ultimi tempi si è arricchita di nuovi particolari grazie al rinvenimento di importanti documenti. (Vedi foto galleria) Facciamo un passo indietro. &E

]]>
Wed, 22 May 2019 13:15:00 +0100
La giungla tra le lamiere: viaggio nelle grandiose e spettrali ex Acciaierie Pugliesi http://www.barinedita.it/reportage/n3510-la-giungla-tra-le-lamiere--viaggio-nelle-grandiose-e-spettrali-ex-acciaierie-pugliesi La giungla tra le lamiere: viaggio nelle grandiose e spettrali ex Acciaierie Pugliesi

GIOVINAZZO – Una “giungla tra le lamiere”. È l’inconsueto spettacolo a cui è possibile assistere varcando l’ingresso delle spettrali ex Acciaierie e Ferriere Pugliesi di Giovinazzo: un colosso industriale degli anni 20 abbandonato a sé stesso dal 1984. Qui, nel corso del tempo, una vegetazione selvaggia e incontrollata ha preso pian piano “potere”, andando ad avvolgere il dormiente gigante di ferro. È nato così un luogo dove a dominare sono i contrasti: quello tra il marrone della ruggine e il verde delle piante, quello tra la desolazione senza fine e la vitalità inarrestabile della natura. Un posto che siamo andati a esplorare

MODUGNO – Un’abbazia che nasconde una preziosa caverna arricchita da affreschi del XII secolo e un cunicolo abitato mille anni fa da San Corrado, patrono di Molfetta. Tutto questo è il santuario Madonna della Grotta: un luogo mistico visitato ogni anno da silenziosi pellegrini e fedeli. Un posto che siamo andati a visitare (vedi foto galleria). Il tempio si affaccia su strada Madonna della Grotta, la via che conduce da Modugno allo

BARI – Navi abbandonate, piccoli fari, tanto mare e soprattutto una vista mozzafiato della città. È questo il mondo che si disvela percorrendo il molo San Cataldo: un braccio di pietra lungo 600 metri situato davanti all’omonimo quartiere di Bari. (Vedi foto galleria) Per scorgerlo basta percorrere il lungomare Starita: una volta superati i capannoni della Guardia Costiera, si nota un cancello, quello che dovrebbe chiudere l’accesso al molo. In realtà basta scavalcare un basso muretto per aggirare l’impedi

]]> Fri, 10 May 2019 13:10:00 +0100