di Vincenzo Drago

Il calcio a 5 in Puglia: roba da donne e da provincia
BARI- Meglio in provincia, soprattutto se al femminile. È all'insegna del chiaroscuro il movimento del calcio a 5 in Puglia, debole nelle grandi città, soprattutto a Bari, ma ambizioso quando ci si sposta nei centri meno abitati. E con il gentilsesso in grande ascesa, stando alle parole di Angelo Carone, responsabile del calcio a 5 regionale.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Le donne del futsal sono in costante miglioramento in tutta Italia - spiega Carone - anche perchè molti talenti snobbano il calcio a 11, che sta vivendo un periodo di magra. E la Puglia non fa eccezione, qui stanno arrivando grandi soddisfazioni». In serie A troviamo infatti cinque squadre, tra cui il Real Statte, il club più titolato d'Italia con tre scudetti, tre coppe nazionali e quattro supercoppe, oltre a una miriade di trofei minori. Le altre compagini giocano a Martina, Foggia, Molfetta e Giovinazzo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La musica cambia nel settore maschile. «Dopo tanti anni il Bisceglie ha rinunciato all'iscrizione in serie A. Qui l'unica società rimasta nella massima serie è il Putignano, peraltro ultimo a zero punti e destinato ad un retrocessione certa», prosegue il responsabile. Di contro il Martina ha già stravinto il campionato di A2 e garantirà alla Puglia una piccola rappresentanza nel torneo più importante, anche per la prossima stagione.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In generale gli uomini continuano a preferire il vecchio football. «L'attenzione dei media – sottolinea Carone - è ovviamente concentrata sul calcio a 11, richiamo irresistibile per la maggior parte degli aspiranti calciatori. Non credo sia meglio l'una o l'altra disciplina, si tratta di due sport completamente diversi. Il nostro settore giovanile è però in forte crescita, i bambini possono giocare già dai sei anni in su senza problemi».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Le strutture del resto non mancano. «I campi di calcio a 5 sono nati per adattarsi a palestre e palazzetti. Fino alla serie C1 è possibile giocare anche sull'erba sintetica, soltanto dalla B in su è obbligatorio disputare incontri al chiuso».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E a proposito di campionati minori, il capoluogo è relegato con due club in C2, il livello più basso. Si tratta dello Sporting Bari, che gioca le partite interne al Campo dei fiori, e dell'Asd Città di Bari, di casa nel centro sportivo De Palo di Palese. Per entrambe le formazioni il salto di categoria sembra essere abbastanza improbabile.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Per fortuna la nazionale italiana ha appena fatto un bel regalo alla città di San Nicola, giocando e vincendo due incontri al Palaflorio contro Finlandia e Montenegro, garantendosi così la qualificazione agli europei del 2014. Il difensore monopolitano Luca Leggiero, tra i reduci degli ultimi mondiali giocati in Tailandia, ha anche siglato il suo primo gol in maglia azzurra. Stando così le cose è difficile sperare che nell'Italia, da tempo farcita di calciatori oriundi, possano trovare posto molti altri atleti pugliesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Vincenzo Drago
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved