di Gaia Agnelli

Il vecchio diario scolastico: quel nostalgico scrigno di segreti, dediche, ricordi e fotografie
BARI – Un colorato scrigno di segreti, dediche, citazioni, biglietti, ricordi e fotografie. Era questo il mondo dei diari scolastici, agende che gli studenti portavano in classe per segnare compiti, avvisi e giustificazioni, ma che nel corso dell’anno si trasformavano in album dove racchiudere pensieri e parole. (Vedi foto galleria)

“Era” appunto, perché ormai nell’epoca digitalizzata del nuovo millennio i diari sono praticamente scomparsi dalle aule. La colpa è del registro elettronico, una piattaforma online dove i docenti inseriscono qualsiasi comunicazione da trasmettere ad alunni e genitori, rendendo di fatto inutile l’uso dell’agenda cartacea. Un passaggio che, partito gradualmente, si è accentuato durante il periodo della pandemia e della didattica a distanza

E così, nel giro di pochi anni, ai ragazzi è stato sottratto il loro migliore compagno di banco. Certo, i social network con le loro “bacheche” sono subito venuti incontro all’esigenza di “condivisione della propria quotidianità” insita in ogni giovane, rendendo però il tutto più “freddo” e probabilmente meno sincero.   

«Un tempo a settembre c’era la fila per acquistare i diari, oggi invece la loro vendita si è ridotta drasticamente conferma un cartolaio barese –. Chi compra oggi un’agenda lo fa solo per abbinarla, magari, a zaino e astuccio. E se prima ce n’erano di ogni tipo (dai cartoni animati per i più piccoli, alle serie tv per le adolescenti a quelli a tema calcio per i ragazzini) oggi rimane pochissima scelta e assortimento».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Del resto basterebbe farsi un giro tra le aule di tutta Italia per notare la loro assenza sui banchi. «Man mano che la tecnologia ha preso il sopravvento, i diari hanno cominciato a sparire nelle scuole – ci confida la neodiplomata barese Maria –. Nella mia classe, anno dopo anno, hanno tutti smesso di comprarlo (me compresa): siamo così arrivati al quinto superiore dove a usarlo erano rimaste in due e solo perché appassionate di cartoleria».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Peccato però. Ogni ex studente, infatti, conosce benissimo il valore che aveva il vecchio caro diario in ogni classe, un oggetto che diveniva spesso il principale strumento di socializzazione tra ragazzi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Io lo usavo per comunicare “segretamente” con i miei compagni – rammenta nostalgicamente la 40enne Marilù –. Lo facevo passare tra i banchi durante la lezione così da metterci d’accordo su appuntamenti e uscite, quasi fosse una chat di Whatsapp ante litteram. E naturalmente su quelle pagine ognuna di noi lasciava un giudizio sugli studenti delle altre classi».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


C’era addirittura chi il diario lo aveva in condivisione. «Oltre al mio personale ne avevo uno che dividevo con la mia amica Gaia – ci dice divertita la 25enne Emanuela –. Lì sopra giocavamo a tris durante le ore scolastiche, scrivevamo frasi divertenti e incollavamo le foto dei vip. Gli ultimi fogli erano però quelli più maltrattati: li strappavamo per farci i bigliettini destinati alle amiche, così da parlare senza farci beccare dai professori».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

I fissati del calcio invece vi appuntavano classifiche, statistiche e figurine dei campioni. «Io segnavo tutti i risultati delle partite, con tanto di formazioni e marcatori – racconta il 40enne Marco –. Scriverci sopra i compiti, insomma, era l’ultimo dei miei pensieri».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma il diario spesso diveniva anche un “raccoglitore” di tutte le esperienze vissute, trasformandosi in una sorta di “panino” cartaceo farcito di biglietti del cinema, ticket per l’ingresso in discoteca, foto di attori e cantanti, inviti ai compleanni, cartellini dei nuovi vestiti acquistati, schede telefoniche, carte di Baci Perugina, foglie e rose appassite. Un album dei ricordi che, se mostrato agli altri, poteva raccontare in un attimo la quotidianità di ciascuno.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E, a differenza dei social network, dove si tende a scrivere e a pubblicare solo ciò che fa apparire perfetti e felici, i diari erano pieni di sfoghi, di racconti di brutte giornate, di confessioni, di canzoni tristi e citazioni filosofiche. E di tante dediche: frasi di amicizia e in alcuni casi di amore che venivano lette e rilette per tutta la durata dell’anno scolastico.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«La pagina che ricordo con più piacere è quella con su disegnato un muro in miniatura, sul quale ogni mio compagno aveva scritto un aggettivo che mi descriveva», rammenta con gli occhi lucidi la 34enne Mina.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Anche la mia agenda era piena di “ricordati che ti voglio bene” e di drammatiche scuse dovute per chissà quale futile litigio – conclude la 24enne Daniela –. Ma un giorno ci fu chi vi scrisse sopra la frase “bellissimo diario”, che non era certo un complimento all’oggetto, ma a tutto ciò che simboleggiava. Perché su quelle pagine noi ci mettevamo a nudo: rappresentavano lo specchio della nostra anima».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Gaia Agnelli
Scritto da

Lascia un commento
  • Guido Colangelo - Una piacevole descrizione di un oggetto molto caro alle generazioni precedenti. Brava grazie


Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved - Tutte le fotografie recanti il logo di Barinedita sono state commissionate da BARIREPORT s.a.s. che ne detiene i Diritti d'Autore e sono state prodotte nell'anno 2012 e seguenti (tranne che non vi sia uno specifico anno di scatto riportato)