di Marianna Colasanto

Gli "irrudicibili" di Madonnella: «Collette e fiori per abbellire il nostro dimenticato rione»
BARI – Un quartiere tra i più caratteristici di Bari, che però, come per tutte le zone più o meno lontane dal centro, è vittima di un continuo impoverimento causato dalla chiusura di negozi e locali e dall’assenza di iniziative culturali. Parliamo di Madonnella, rione nato dopo la Prima guerra mondiale e affacciato sull’Adriatico. Un “abbandono” che però agli orgogliosi residenti non va giù, tanto che alcuni di loro, perlomeno a Natale, fanno in modo di abbellire le sue strade con luci e fiori.

Questi “irriducibili” rispondono ai nomi dell’86enne Michele, del 70enne Pasquale e dei 68enni Rocco e Martino. Quest’anno hanno messo su una colletta per acquistare delle stelle di natale che sono andate a colorare via Arcivescovo Vaccaro, arteria che collega la chiesa di San Giuseppe al mare. (Vedi foto galleria)

«La crisi economica ha fatto abbassare molte saracinesche - racconta Rocco, il cui padre vendeva frutta e verdura nell'ormai scomparso mercato di via Spalato -. A ciò si è aggiunta la rimozione dei passaggi a livello che fino a qualche anno fa collegavano il rione agli adiacenti quartieri di San Pasquale e Japigia: sbarramenti che oltre a ridurre il viavai dei clienti ci hanno praticamente isolati».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«È per questo che dal 2007 a Natale ci dedichiamo ad impreziosire questa splendida strada - continua  il 68enne-. Un modo per impiegare il nostro tempo libero in modo utile, nella speranza che la nostra azione venga emulata dal vicinato che desidera tenere viva la zona, troppo spesso dimenticata».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


In effetti in questo periodo via Vaccaro è proprio un bel vedere. Si tratta di una larga lingua d'asfalto che si fa largo tra due file di caratteristiche case color pastello a due o a tre piani, tutte in ottimo stato. Su entrambi i marciapiedi si snodano due file di piante alte più di due metri, ciascuna delle quali è esaltata dal rosso intenso di otto fiori finti di Poinsettia (meglio conosciuta come "stella di Natale").Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Li abbiamo acquistati grazie a una colletta - spiega Pasquale, che vive in questa strada da mezzo secolo -. In due giorni da residenti e commercianti del vicinato abbiamo racimolato 50 euro: del resto Madonella è come un paese, ci conosciamo tutti».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Stavolta tenevamo alle decorazioni più degli altri anni - aggiunge Rocco -. Per mancanza di fondi siamo infatti rimasti orfani del consueto albero di Natale montato davanti alla chiesa di San Giuseppe».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La parrocchia ospita le riunioni del volenteroso "comitato", svolte sino a qualche tempo fa nel negozio di Martino prima che il proprietario andasse in pensione. «Avevo un'attività proprio di fronte all'edificio sacro - evidenzia il signore -, è stata quella la nostra prima "base". Lì dentro, quando avevamo qualche anno in meno, progettavamo idee più ardite: spesso montavamo delle luminarie sui muri dei palazzi, arrampicandoci su altissime scale».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Un impegno che a volte va oltre il solo periodo delle festività di fine anno. «Nel luglio del 2018 prosegue il 68enne - quando Papa Francesco visitò Bari distribuimmo bandiere bianche e celesti da far sventolare su tutti i balconi della strada. E nel 2011, in occasione dei 150 anni dell’Unità d'Italia, adornammo tutte le finestre con tricolori: dal mio terrazzo inoltre montai delle casse per far risuonare l'inno nazionale, cantato ad alta voce da tutto il vicinato».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Perché quello con Madonnella è un legame viscerale. «Ho visto questo quartiere crescere - conclude Michele, il più attempato del quartetto -. Pian piano gli edifici hanno soppiantato la campagna e dato origine a una delle zone più densamente popolate di Bari. Noi, nonostante i problemi e l'età stiamo facendo di tutto per non farlo morire, sperando che le generazioni future possano seguire il nostro esempio».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Marianna Colasanto
Scritto da

Lascia un commento
  • vito petino - L’ISOLAT ADDÒ SO NNAT So vvist la lusc, acchsì s disc ma ij tnev l’ecchij achius, a via Carull. E sin a uett’ann e mminz so g-rat atturn a cudd rion du quartir Madonnell. Da Sand’Andogn a piazza Carabelles, da cors Sonnin all’Ingis di via Crollalanz, addò iavtavn tanda parind d papà tutt sggnur, so passat l prim ann dlla vita me. Ma mo vogghij scriv asslut ciò che stev atturn all’isolat nest. Probbij drmbett alla metà dll’isolat che va da piazz Balnzan a vvi’ Manuele Mol, d frond o prton nest stev Calzature Fortunat, nu ngozij d scarp. U patrun tnev tanda figghij e iavtavn dret o ngozij, ch la port d’ingress che dev ijnd o prton grann appriss, cudd vers sand’Andogn. O s-cond pian iavtav nu chmbagn nest, Cesarin. Dop u prton grann stev la pescherì d’Amorus u pesciaiul, che p’achiut u ngozij tnev na serrand ch la metà d sott a fasc c-cat, e la metà d sus a mmagghij apert, acchsì pur quann u ngozij stev achius, u fit d pesc assev daffor. E scenn semb vers sand’Andogn, vnevn du’ portongin pccnunn, iun appriss o uald, ijnd a iun stev na sart, o uald nu scarpar. Po’ vnev u ngozij d nu parrucchir, e angor cchiù ddà la ditta Livio dll magghn da scriv. E prim dll’uldm e do’ vtrin u prton du palazz o spund. L do’ vtrin ad ang-l d via Carull, e l’ald’e ddu’ alla vldat d piazza Balnzan ievn d Manzar u vccir, che tutt chiamavn chidd dll vccun, p la vocch a canott ca ten-n ijdd, la mgghier e tutt l figghij. Qualche vvold che mamm ng prtav a sc-cuà o giardin du spiazz nnanz o distrett militar, l uaggnun chiù grann quann vdevn l figghij du vccir l sfttevn a ialda vosc. - Vocch d pccion, tin trris? Vué sc-cuà mbond, oppur o pal? Ij na dì, mendr acchiamndav nu clumm ca zzmbttav atturn a nnu’ p pzzuà mmenz all’erv, arrcrdannm che tutt l grann u clumm u chiamavn pur pccion, addmannabb a Mamm. - Mamma, perché quei ragazzi grandi sfottono i figli di Manzari, dicendo bocca di piccione? Il colombo ha un becco a punta, ma loro non ce l’hanno così appuntita la bocca. - Perché i grandi sono ragazzacci di strada e dicono le parolacce. Voi non fatevi sentire da Babbo. Sapete che non vuole sentirvi parlare in dialetto. - Ma io ho sentito che i grandi lo dicono in italiano, sia colombo che piccione, e zia Mamma mi ha detto che non è una brutta parola. - Ma voi chiamatelo solo colombo, se no Babbo ve le dà. Tagghiò subbt, mamm. E u dubbij mu prtabb dret, sin a quann mttibb malizij. L’ald ngozij che combletavn cudd isolat scenn nvec da Fortunat dll scarp vers la Madonnell. E u prim ievn u ngozij d Mba Cicc. S trasev, o post dlla serrand ialz e abbasc, da na port d legn granna grann a iarch, che s’aprev menz da na vann e menz dall’ald. A quann stevn apert, Mba Cicc mttev daffor, appggiat all menz port, do’ bangarell, iun a sinist e l’ald a dest a streng nu picch u marciappit. L bangarell tnevn tanda scombart d combenzat, chijn chijn d pesciolin russ, ggnor e arangion, l ressol, l liguirizzij a bastongin d radisc e a rotell ggnor, l pallin d cingomm d tanda clur, l fortun colorat che ijnd tnevn la sorpres, cioccolatin fondend e a llat, gianduiott a triang-l. E ijnd o magazzin pall e pallun, giocattl e salvaggend, p-pazz e bambl, scech d tutt l tip, appnnut p tutt l cingh medr do pavmend sin o soffitt. Tanda cos p la cas, cazzarol, tian, piatt, bcchir, chcchiar, frcin e crtidd. Tvaglij e tovagliol, salvadanaij d cret. Tutt l scaffal mbacc all mur ievn chijn chijn d robb. U ngozij d Mba Cicc iev probbij nu prisc p l’ecchij d pccninn e grann. E po’ vnev u prton du palazzo dll Signoril che iavtavn o prim pian com’a nnu’, probbij drbmett o palazz nest. L’ald pian d sus l tnevn tutt affttat. Quann la persian du prim pian s’aprev e assev Elena, l’ecchij m’appcciavn, u corr fscev o galopp e mttev l’al p’attraversà la strat sin a iedd. L capidd gnor ch na treccia sol dalla nuch alla spall, la pell comm’a na pesca rosa, la vocch dsgnat cu pnnidd e du iecchij grann e scur comm’o cil d nott chijn d stell, addò m prdev. Na vold p fa u scem ch iedd pgghiabb na carcat da papà, ma chess v la raccondch n’anda vold. Ij tnev sett’ann e iedd se’ ma iev già iald comm’a mme. U uann dop scasamm, sc-raminn ch du’ dlur ijnd o cor. E non la so vist cchiù. Appriss all Signoril stevn du local addò facevn dpost e vendt d material p l mest d candir e l muratur. E ddop vnev la latteria Bellomo ca facev pur da g-laterij e pasticcerij. All prim vacanz fra la s-cond e la terza elemendar mamm m mttì a fadgà dà. La matin alle cingh m’alzav e scev drmbett giust p vdè arrvà la magghn ch l lattun d’allumign da vindicingh lidr d latt. Ciccill Bellom, u patrun, dcev all’autist quand lattun aveva scar-cà. - Enzucc, aijr c m si dat? - Na dzzin d lattun. - Allor iosc la sol-da menza dzzin. U sa, na dì e na dì. Ch cchiù d ducind lidr d llatt mest Ciccill facev p na dì l g-lat e acchndndav l clijnd che pgghiavan u llat sfus. D virn pgghiav la metà d lattun ogni dì. U mest m mbarò pur a fa la misscel d polvr p l gust e latt, alla crem, alla vanigl, alla frag-l, o cioccolat, e tand’ald. E quann la misscel g-rav ijnd alla magghn d l g-lat, ij ogni tand calav u chcchiaron d legn, pgghiav na palat e cu disct m fccav mmocch na bella lccat p vdé ci iev prond. Quann vnev nu cliend pu llatt, svtav u chvirchij du latton, ch nu chppin d’allumign agnev la msur pur d’allumign a s-cond c vlev nu quartin, minz lidr o nu lidr, e ngiù travasav ijnd alla bottigl ca s prtav dret. Chedd iev la s-cond fatich ca facev dopp la scol. U uann apprim avev fadgat a na fabbrch d mattun p marciappit, du commendator Onofrij Scelsi, appriss alla Chijs d Sand’Andogn. Alla prim occassion v la raccondch. E condnuann la cammnat p l’isolat ch l nummr dispr di via Carull, appriss alla latterij stev u prton du palazz nev. E o spund ch vi’ Manuele Mol l’isolat frnev ch na candin ca vnnev u vin sfus. L’isolat nest nvesc, cudd ch l numr par, iev assà chiù llengh. Acchmnzav da vi’ Abbresc, addò facevn u mrcat tutt l dì, e frnev alla Madonnell. U prim ngozij all’ang-l ch vi’ Abbresc iev d Marì du ppan, la carnares. Iedd, u marit e la figghij ievn d Carvnar. Po’ stev u prton d legn du palazz a du pian. Appriss la Libro-Cartolerij da do mamm m’accattò p l’asil u prim albumm, la tavolett cu chvirchij che schrrev p mett ijnd matit tembramatit e gomm, e dudc clur dlla Fila, ijnd o carton cu segnalibbr e sop o carton stess stav la fgur d Giott che dsgnav sus a na pet la pegr che ng stev affiangh. Accom m piacev u’addor d legn frisc-ch d chidd clur, e ogni vold ca l temberav u’addor iev semb fort. Dopp la cartolerij vnev u magazzin d stoff, vstit, cammis, magliett, magliun, d Mchel Costanz, chiamat da tutt Mchel Capagross. Tnev semb ijnd a tutt l pald trris condand. tutt lnzer da mll lir. Ng srvevn p fa nu mstir lurd. L dev mbrist cu cheggr all povr crstian, e quann no rspttavn la scadenz, scev abbasc all casr e chmnzav a grdà p fauw sndì a tutt. - Sgnur, asscinn abbasc e dì a maritt ca c no m port l trris staser, doman vengh sus e m pigghij qualche cosa vost d cas. A quann so stat bbun, quann v sit pgghiat l trris, e a dall v iusc-ch. Megghij p vu c doman m prtat l sold o magazzin!!! E dò frnev u palazz ad ang-l, l’unich abbattut sobb’a tutt l’isolat sin a vi’ Manuele Mola; iosc sta u palazz nev; tutt l’ald fabbrcat so angor d chidd timb. Dop Mchel, stav la candina granna grann d Donat Dendamar. Oldr o local o piano terr, s scnnev abbasc e dà stevn do’ flar d cert bbott, da nu lat e do uald, che a mme ca iev pccnunn parevn comm all vagun du tren che vdev alla stazzion quann mio padr m prtav sop alla fatica so. Sol che nvesc d stà iun dret all’ald com all vagun, l bott d legn stevn iun appriss all’ald alzat da nderr p’agnì l bottigl dall rbnitt che stevn mmenz o corridoij d l do’ flar. Po’ vnev u prton grann d legn d l Cambanil che tnevn tutt u palazz p llor, nonnr, attanr, fighij e nput. Prim u nonn po’ u figghij chiù grann spsat ievn Prior dlla Chijs d Sand’Andogn. E ogn’e iann la dia prim dlla fest du Sand a giugn vnev dalla Chijs la bann sola sol snann snann sin a sott la cas dll Cambanil. Dò semb snann, s’affrmavn, s g-ravn vers u bbalcon condinuand u congert. L Cambanil assevn tutt quann sop o balcon a sndì la musch snat appost p ffang onor. Chessa usanz chstò la chiù brutta disgrazij p la famigghia nost. Na storij che v raccondch n’alda vold. Dop u prton d l Cambanil stev nu dpost p mett l balgarell dlla chiazz. E probbij sott a cas prim du prton nest stev Ardimend che ogni iann a magg mttev d’affor du aldoparland e facev sndì a tutt l crstian ogni dì la tapp du gir d’Itagl. Nu da sus o bbalcon, ch l gamm appnnut mmenz all firr dlla rnghir, vdevm tutt chedda gend che s mttev a grdà p Bartl e Copp. Ievn tand l crstian ca l do’ flovì, circolare dest e sinist, ievn costrett quas a frmars p passà. Ardimend vnnev radij, cucin a tre fornell ch la bombl du ggas, lambadarij e lambadin, fil e alda robb elettrch. Mamm accattò a rasch da dà la prima radia nost e la chccin a ggas a tre fornell. E ppo’ o nummr cindequattordc, iavtamm nu o prim pian ijnd alla cas d zia Mamm, addò captò chedda disgrazij che so ditt apprim. Chiù ddà stev na mercerij ch l’inzegna schritt “Filati Cucirini 3 Stelle”, addò vnnevn material e attrezz p l sart. O prton appriss, iunch palazz a nu pian sop all ngozij, stev nu vcchiaridd ch’aggstav l’acchial. Quann assev dalla scola Balill m piacev frmarm a vvdè tutt l lend ca tnev ijnd o sgabuzzin o cuest snist du prton, appen trasut. Ma la cos che m piacev d cchiù ievn l lend d’ingrandimend che facevn vdè cchiù gross ogni cos che passav da sott. Tanda vold m mttev dà a dang na man p mett tutt a ppost prim d’achiut. Ald vold pgghiav l lend a iun a iun e l plzav. Ma’ na vold che cudd carcchiar m’avess rgalat na lend p vdè l cos chiù gross. Dop stev na salumerì e appriss n’ald magazzin che non m’arrcordch. Ijnd a ccus magazzin dop qualche iann s trasferì Ardimend prcè iev chiù grann, avev accmnzat a venn pur l television, e stav l’inzegna luminos “Telefunken” ch la scritta vertical da sus abbasc, ma nu avemm già scasat a cudd timb. Du’ portongin piccinunn iun appriss o uald vnevn dopo, ijnd a iun iavtav nu chmbagn d scol, Tommas Fium. Appriss stev iun ca accattav e vnnev pezz vicchij e alda robba vecchij. Sott all’uldm palazz drmbett a vi’ Manuele Mol, stevn nu grann magazzin d’abbigliamend, l’orefc Paris e na drogherì, ma d chess m’arrcordch asslut l boccacc d sguing cu chvirchij d’allumign, chijn chijn di chmbitt, caramell e cioccolat. Mamm accattav da dà la cosa chiù brutt da gnott. La mannit che scuagghiav nascunnut ijnd o latt p fang-la bev alla scrdat. La chiù brutta purgh dopp u uegghij d rigg-n. Vicin all’orefc passabb nu brutt quart d’or. Angor iosc sta u tubb dll’acqua piovan addò nzaccabb la gamma snist che m rmanì bloccat fra u mur e u tubb. Apprim c-rcabb d fall’assì accom avev trasut, ma sbagliav prcé la fccabb drett e crcav d trall ndret chijcann u sc-nucchij, che s’allargav e non assev. La pavur d rmanì dà p semb mi facì chiang, apprim citt citt e po’ cchiù ffort. - Mammina, la gamba non esce … - Madò, u pccninn ha rmanut ch la gamma ngastrat … Mamm quann ng vdev in perichl, s n scev ijnd o uacit pesc d nu. Accmnzò a grdà. - Che succede, signora, mi lasci vedere. Non si agiti. Bimbo stai calmo. Che ora ti liberiamo. No, non così. Vedi che piegandola, il ginocchio si allarga e non esce. Tienila dritta e rigida. Così, così, cosi. Ecco, bravo. Nu sgnor ch na vorz d pell s’aveva frmat. Dett la vorz a Mamm e s mttì all’obr, liberannm la gamm. L’isolat ch l numr par iè lengh, e vu raccondch n’anda vold. Ma tre cos no mpozz fa a mmen d disc. Vers la Madonnell stev na succursal dlla scol Regina Margherit d Savoij e l maiest ievn le suor che tanda gend chiamav cap d pezz. Tanda uaggnedd e uaggnun vstut da sgnur scevn a chedda scol. Ma ievn l’ingress ch nu bell cangidd, la fndan e l chlonn d marm, e tand’ald bell marm nderr e mbacc all mur, appen s scev ijnd, che m lassav a vocc’apert. - Mamma, perché invece della Balilla non mi mandi qua a scuola, così è anche più vicina a casa. - Questa è una scuola a pagamento e i soldi sono pochi, alla Mamm. E nu sim cingh ch vù e tre. U stpendij d Babb avast giust giust p’arrvà alla fin du mes. Arrvat alla Madonnell stev la scola Balill. So assà l storij passat ijnd a chedda scol, e timb ng vol p racchndall. Ma la Madonnin che iosc sta ijnd alla chiazza Carabelles probbij drmbett, quann scev ij alla scol stev ijnd a na nicchij sop o mur d cind du palazz ch la torr all’inizij d via Vallon. E da chedda posizion la Madonn acchiamndav dritt dritt vers l’ingress dlla scol. E l’uldma cos sta semb a via Carull probbij o spund ch via Michelangiuw Signoril. Prim di sci all’asil di via Volpe e d via De Vingendis mmenz all cas popolar dlla Madonnell, non avenn angor l’età, Mamm m mannò dalla maiest, n’asil privat, ma probbij senza nudd. La maiest iev gross, vasc e vecchij, e prtav la dendir che ogni tand s lvav e s vdevn sol quatt dind, du’ sus e du’ sott. Quann parlav, a disc l “f” e l “s”, frsc-cav pesc d nu vig-l. Nguedd tnev ogni dì sop o vstit nu s-nal da cucin che ngi’acchmgghiav sol u nnanz, d chidd che s’attacchn ch l fettucc dret o cuedd e all rin. Cudd s-nal non zu cangiav ma’, iev semb sporch d mangià. All pit do’ pandofl tutt scalcaggnat. L capidd attaccat da tanda f-rritt, sfscevn u stess ca parev na scioscuw e sop alla gota dest nu sord d prrezzuw crsciut. L pangh p’assidc ievn tavlun d lgnam lengh, largh appen p fa assit nu pccninn d du’ tre iann, scevn a gradin atturn atturn all mur sporch, men u mur dlla port p trasì e affinngh a sta port n stev n’andun p sci ijnd alla cas dlla maiest. La prima fil dll pangh passit stev a quaranda cendimtr da nderr, e a quarand alla vold s’arrvav alla quinda fil, la chiù iald. Mmenz alla stanz rmanev giust nu corridoij addò la maiest passeggiav p racchndà storiell e disc-c d condinuw “Stadv citt, stadv citt”. Ijnd o local s trasev da via Carull, e s’allungav vers via Signoril. Attaccat vers via Carull stev la cas dlla maiest, ma s trasev do prim prton d via Signoril, ch chedd’alda port indern p passà ijnd all’asil, com so ditt apprim. A mmenzadì ng facev aprì l cstin p fa colazzion ch l cos che s prtavn da casa nost, che po’ ievn semb l stess. L mamm tnevn poca fandasì. Panin cu gianduiott, panin cu formaggin, e la mel a tutt p frutt. Sta cazz d Iev ngià mmis n’grosc p tutt l generazion d mascuw. E mendr nu mangiavm, la maiest scev a chedda vann p chcnà a marit e figghij. Ma prim acchijdev la port a cchià, angor quarche prgin s n fscev. Né na matit, nu quadern, nsciuna lavagn. C qualchedun d l pccninn sapev fa l’asticciol, a scì dalla maiest s schrdav tutt. E appena frnut la colazzion, ch la maiest a chcnà p iedd, s-ccdev u gbller. Pccninn che s trav l capidd, pccnenn che chiangevn, e pccninn che rmanevn susa sus a goders u spettagh-l. L’unca consolazzion, a pnzarg iosc, no mbasc nudd che ijedd puzzav d’aghij e cpodd, iev che quann la maiest avev frnut d mangià, appen trasut ijnd alla stanza nost, aveva corr da ponzij a plat p plzà chidd ca s’avevn psciat e cacat sott. La storij iè long, comm’alla camban d Vtond, cap d pi-pi-pipp …