di Annamaria Lacalamita

Il calcio a 5 per non vedenti, giocare con 3 guide e nel completo silenzio
BARI – Giocare a calcetto pur essendo ciechi, aiutati da guide e dispositivi sonori. E’ la realtà del calcio a 5 per non vedenti, che in Puglia vanta due squadre attive e vincenti: l’ l’Asd Uic Bari e la Ascus Lecce, entrambi militanti in B1.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Le competizioni sono suddivise in base al grado visivo dei giocatori – spiega Antonio Potenza, delegato regionale della Federazione italiana sport paraolimpici per ipovedenti e ciechi -. Quello di B1 riguarda i non vedenti assoluti ma c’è anche un campionato di B2/3 per gli ipovedenti, persone cioè che hanno una capacità visiva molto indebolita a un livello molto vicino alla cecità».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ogni formazione che scende in campo è formata da 4 non vedenti e da un portiere vedente, che guida la squadra nella fase difensiva. L’allenatore a bordo campo dà invece indicazioni al centrocampo, mentre la fase d’attacco è gestita da una guida vedente che si trova dietro la porta avversaria e che dice ai giocatori in quale direzione calciare il pallone. In più aiuta un dispositivo sonoro che si trova all’interno del pallone.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

I giocatori (tranne i portieri) indossano una mascherina per far sì che tutti abbiano lo stesso grado di “non visibilità”, perché ci sono non vedenti che possono percepire la luce anche se non sono in grado di identificare i corpi degli avversari. Le partite vengono disputate su un campo a 5 regolamentare ma con una modifica: ci sono delle sponde di legno laterali ideate per avere un gioco più fluido ed evitare le rimesse laterali.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


«Non è uno sport pericoloso perché ci sono le guide che ci danno le indicazioni – sottolinea Massimo D’Attolico, 29enne attaccante dell’Asd Uic Bari –. E comunque quando un giocatore ha il possesso palla l’avversario si “annuncia” prima di cominciare a pressarlo tentando di rubargli il pallone. In questo modo difficilmente qualcuno si fa male».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Massimo gioca a calcio a 5 da tre anni e dal 2013 fa parte della Nazionale, con la quale ha partecipato all’Europeo dove l’Italia è arrivata sesta. «Mi sono avvicinato al calcio quando ho incontrato altri non vedenti che ci giocavano – dice Massimo – così ho iniziato ad allenarmi e non ho più smesso».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La sua squadra, il Bari, l’anno scorso ha vinto una Coppa Italia a Trento, battendo in finale il Lecce. Il team del capoluogo salentino vanta però un palmares di tutto rispetto, avendo fatto suoi 7 Campionati, 4 Coppe Italia e 5 Super Coppe.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Le gare e gli allenamenti del Bari vengono disputati presso l’Energy System sulla strada di Santa Caterina e durante le partite c’è sempre molto pubblico che non disturba i giocatori. «Durante il match abbiamo bisogno di silenzio – spiega D’Attolico - perché dobbiamo sentire non solo le indicazioni delle guide, ma soprattutto il rumore del pallone».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Un video che mostra momenti di una partita dell’Asd Uic Bari:



© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento