di Mattia Petrosino e Marianna Colasanto - foto Sonia Carrassi

Adria, Palace, Moderno, Oriente, delle Nazioni: la storia dei 5 hotel più antichi di Bari
BARI – Sono gli edifici baresi meno frequentati dai baresi, visto che accolgono più che altro turisti, artisti e persone che arrivano in città per affari. Parliamo dei 36 alberghi del capoluogo pugliese: posti deputati all’ospitalità e punti di riferimento per interi quartieri.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Se alcuni hotel nel tempo hanno cambiato destinazione d’uso (vedi il caso del 7 Mari o dell’Ambasciatori, le cui stanze sono state convertite in appartamenti e uffici), altri continuano da decenni a dare un ricovero a clienti provenienti da tutto il mondo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In città del resto ce ne sono addirittura 5 fondati più di 60 anni fa: l’Adria, l’Oriente, l’albergo delle Nazioni, il Moderno e il Palace. Siamo andati a visitarli (vedi foto galleria).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il nostro viaggio inizia da via Zuppetta, una stradina situata “sotto” il ponte di corso Cavour e famosa per avere ospitato fino al 1962 “l’ambiguo” condominio della Socia. Qui si trova il più antico hotel della città: l’Adria, attivo dal lontano 1922. Si tratta di un albergo a 3 stelle con 38 camere tramandato di generazione in generazione all’interno della stessa famiglia: i Lippolis.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

È ubicato in un palazzo di fine Ottocento di color mattone, con ringhiere in ferro battuto e finestre arricchite da timpani e cornici decorate. Si erge su cinque piani, l’ultimo dei quali è caratterizzato, sulla facciata posteriore, dalla presenza di un funzionante orologio da torre.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Entriamo dunque nella hall, lì dove tra le volte a crociera in pietra trovano spazio alcune lunette dipinte con affreschi di inizio secolo del pittore Umberto Colonna. Sulle pareti notiamo anche un’antica foto che immortala l’albergo appena realizzato e il sottovia Luigi di Savoia, a quell’epoca attraversato da carrozze trainate da cavalli.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«L’Adria fu infatti fondato nel 1922 -  ci raccontano le proprietarie Mariateresa e Licia -. A realizzarlo fu il nostro bisnonno Felice Lippolis. Lui era un pasticciere ma alla fine dell’Ottocento ottenne in dote dalla moglie questo fabbricato che decise di trasformare in hotel, innalzandolo di altri tre piani».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il nome Adria fu scelto da Felice per due ragioni: risultare tra i primi nomi dell’elenco telefonico e rimandare al nome del mare Adriatico su cui si affaccia la Puglia.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Noi due rappresentiamo la quarta generazione – affermano le padrone di casa –. Abbiamo preso in mano le redini dell’attività nel 1985 da nostro padre Felice, che a sua volta lo aveva ereditato dal nonno Giuseppe. Nel corso degli anni abbiamo ospitato diversi personaggi famosi e ci rende orgogliose il fatto che l’hotel sia stato scelto recentemente per girare una scena di un film con protagonista Sophia Loren».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ci congediamo dalle signore e proseguiamo il nostro viaggio su corso Cavour, lì dove alle porte dell’elegante “Quartiere Umbertino”, si trova lo splendido edificio che ospita dal 1928 l’Hotel Oriente: Palazzo Marroccoli.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Fu progettato dall’ingegner Orazio Santalucia, che utilizzò una innovativa soluzione ingegneristica composta da un telaio in calcestruzzo sotto una decorazione eclettica in stile floreale realizzata dai fratelli Prayer. Tra le sue chicche va citata la sala Beethoven, adibita oggi a conferenze, la cui particolarità risiede nella vetrata in stile liberty che avvolge il soffitto.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Calpestando un elegante tappeto, entriamo dunque nella hall, contraddistinta da pavimentazione in marmo e pareti bianche. Ad accoglierci c’è la direttrice, Giovanna Petrosillo. «L’edificio – ci dice – è conosciuto anche come Palazzo Marroccoli, dal cognome del primo proprietario, Michele: un industriale che sfidò il Comune di Bari che vietava la costruzione di altri politeami nel capoluogo, dando vita all’interno dell’hotel anche al teatro Oriente, dotato di 2mila posti a sedere».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Teatro che dopo poco fu trasformato in cinema: una destinazione che ha mantenuto per decenni fino a quando, nel 2002, una sala bingo ha preso il suo posto.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


L’hotel, a 4 stelle e dotato di 75 camere, negli anni 80 ospitò i vari cantanti che si alternavano sul palcoscenico del “mitico” festival Azzurro, che si teneva nel vicino Petruzzelli. «Tra l’albergo e il teatro – ricorda la direttrice - veniva posizionata una passerella con tanto di tappeto rosso: permetteva agli artisti di entrare direttamente nel politeama circondati dai fan in delirio».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ci spostiamo ora sul lungomare Nazario Sauro, lì dove ad angolo con piazza Diaz si erge dal 1935 l’iconico Gran Hotel delle Nazioni, soprannominato il “Transatlantico” per via della sua forma.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Nato con il nome di “Imperiale”, fu progettato dall’ingegnere romano Alberto Calza Bini e arredato dall’artista futurista bulgaro Nicolaj Djulgherov. Si presenta con uno stile razionalista e una particolare forma semicilindrica: soluzione architettonica con cui si risolse in modo elegante la sua posizione angolare.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Oggi rappresenta l’unico cinque stelle della città, con 122 stanze che si affacciano sul mare. Anche se dal 1977 al 2012 il “delle Nazioni” passò anni bui, divenendo prima alloggio per gli studenti fuori sede e poi ufficio tributi. Solo otto anni fa, dopo una lunga ristrutturazione, è ritornato infatti a essere un hotel.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La direttrice è la stessa dell’Oriente. «La differenza tra i due alberghi – ci spiega – è data dalla clientela. Il primo è scelto da chi vuole alloggiare in pieno centro, di solito persone che sono a Bari per affari. Il secondo invece vanta una clientela più varia ed “eccentrica”, che dà più importanza alla vicinanza del mare».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Del resto la struttura ha sempre avuto un forte legame con il mondo dello spettacolo. Nel 1973 furono ambientate qui alcune scene del film “Polvere di Stelle” e un tempo, in quella che è oggi la sala delle Nazioni, era situato un teatro: il Prometeo circolare. Questa stanza conserva ancora la caratteristica cupola illuminata da tante piccole celle tonde: all’epoca serviva sia da lucernario che da amplificatore per i suoni degli spettacoli.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il quarto albergo storico di Bari si trova in via Crisanzio, nell’isolato tra via de Rossi e via Quintino Sella. Si tratta dell’Hotel Moderno, a tre stelle e 29 camere. Purtroppo però non abbiamo avuto modo di approfondire la sua storia, visto che il proprietario si è dichiarato «non interessato all’articolo», riferendoci solo l’anno di realizzazione: 1945.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il nostro viaggio si conclude così in via Lombardi, piccola traversa di corso Vittorio Emanuele, posta alle spalle dell’ex Tribunale militare di Bari. Qui dal 1956 si trova il “quattro stelle” Palace Hotel, dotato di 195 stanze. Progettato dall’architetto Dino Pezzuto, si presenta su sei piani e un esterno color ocra molto essenziale.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

L’interno è invece molto lussuoso, tra marmi e pianoforti a coda. La hall ospita anche due importanti dipinti settecenteschi: “Ercole che libera Prometeo”di Jonas Hoffman e “Dedalo mette le ali a Icaro” di Joseph Marie Vien.

Incontriamo qui la direttrice dell’albergo, la 45enne Francesca Bruno, che ci conduce alla scoperta della struttura. Tra le stanze speciali c’è la numero 714, dove nel 1980 ha soggiornato l’allora presidente della Repubblica Italiana, Sandro Pertini, venuto a Bari in visita ufficiale. Quando entriamo nella suite notiamo un tavolo e un divano in pelle palesemente consumati dal tempo. «Li abbiamo appositamente lasciati così perché sono gli arredi originari utilizzati da Pertini», ci dice Francesca.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Altra particolarità è il Palace Cafè, oggi un bar ma negli anni Sessanta sede di una delle prime discoteche del capoluogo: il “Salone degli Specchi”. Un luogo che per le luci soffuse, gli arredi scuri e le sedute in velluto, fa ancora pensare a un night club.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La nostra visita termina però sulla terrazza dell’hotel, da dove è possibile godere di un’invidiabile vista sul vicino centro storico, con il campanile della Cattedrale che pare fendere il cielo dell’ospitalissima città di Bari.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Mattia Petrosino
Scritto da

Marianna Colasanto
Scritto da

Sonia Carrassi
Foto di

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved