di Antonio Bizzarro

Dal "Continental" a "Zio Peppe": ecco la storia delle pizzerie più antiche di Bari
BARI -  Botta, Continental, Donato, Dregher, Fornaccio, Zio Peppe: nomi che sono musica per il palato dei baresi. Oggi parliamo infatti delle pizzerie storiche del capoluogo pugliese: attività aperte da decenni, conosciute in tutta la città e autrici della versione locale del piatto napoletano, ovvero sottile al centro e con i bordi croccanti e  bruciacchiati. Si tratta di esercizi commerciali portati avanti attraverso gestioni famigliari e con una dedizione che si tramanda di generazione in generazione. Ne abbiamo ricostruito l'epopea, fatta di tanta farina, sudore e tradizione (vedi foto galleria).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il nostro viaggio inizia dal Continental: si trova sull’ultimo tratto di corso Cavour, “sotto” il ponte XX Settembre. Da 53 anni è capeggiato dal 69enne Mimmo Lorusso (nell'immagine). Incontriamo il proprietario con in testa un eccentrico cappello da chef a strisce bianche e nere: tutto nella norma, visto che ama collezionare copricapo stravaganti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Faccio il pizzaiolo dal 1° maggio 1966 - racconta Mimmo -, vale a dire dal giorno in cui mio padre inaugurò questo locale. É da lui infatti che ho imparato il mestiere. Ricordo che all'inizio proponevamo solo quattro gusti: margherita, romana, wurstel e, primi fra tutti, quella con le rape, prodotto tipico della terra pugliese».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Da allora quella di Lorusso è stata una costante ascesa, come testimoniano le foto che adornano le pareti: immagini che lo ritraggono in gare di cucina e persino durante un'esibizione televisiva accanto a Maurizio Costanzo. «C'è anche un disegno firmato da Zeffirelli - fa notare il signore -. Una sera fu nostro ospite e tracciò su un tovagliolo il volto stilizzato di Gesù».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Salutiamo Mimmo per andare a visitare il locale di uno dei suo tanti allievi: la pizzeria Botta di via Carulli, nel quartiere Madonnella. Fu infatti rilevata nel 1979 da Vitangelo Botta, che proprio alla Continental aveva fatto, da giovane, una gavetta di quattro anni.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Oggi a condurre l'attività c'è il figlio Nicola, di 46 anni. Lo scoviamo dietro il bancone, assieme ai suoi colleghi e a una fila di pizze pronte per essere infornate. «Il nostro pezzo forte è la piadina – racconta -: fu "importata" da papà dalla riviera romagnola, lì dove aveva lavorato per diverse stagioni. La rielaborò in "salsa” pugliese, farcendola con mortadella e provolone».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Vitangelo come detto aprì con il suo nome alla fine degli anni 70, ma in realtà il locale era presente in questo punto già da dieci anni. A dirigerlo c’era il cugino Vito Ficarella, un altro “padre” della pizza barese, i cui fratelli hanno tra l’altro inaugurato “Il Fornaccio” nel 1972 in via Crispi e “La Vela” a Torre a Mare nel 1980.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Mentre allievo di Botta fu il 51enne Enzo Carella, attivo in un altro storico esercizio: “Da Donato”, fondata nel 1973 da Donato Monno in via Lattanzio, nel quartiere San Pasquale. «Quando abbiamo aperto - rammenta Monno - avevo appena 20 anni. Nessuno voleva fare questa professione: erano dure da accettare l'assenza di riposi settimanali e le domeniche occupate. Lavoravamo tutti in una piccola stanza e vendevamo solo panzerotti e pizze poco elaborate, tutte d'asporto».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Spezziamo ora il filo delle pizzerie "imparentate" facendo visita a "Zio Peppe", in via Umberto Giordano, nel tratto di lungomare compreso tra la Fiera del Levante e il Lido San Francesco.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Sull'insegna c'è scritto "1952". «Proprio l'anno in cui mio padre Giuseppe inaugurò il locale, all’epoca ubicato però nel quartiere Libertà - afferma il titolare, il 58enne Francesco Citarelli -. Solo nel 1979 ci trasferimmo nella sede attuale. "Zio Peppe" era il suo soprannome: glielo dettero i clienti, che lui trattava come veri e propri famigliari».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Francesco rievoca i suoi esordi, quando senza le macchina moderne si faticava il doppio. «Un tempo non c'erano le impastatrici - puntualizza - e la massa si lavorava con i pugni dentro conche di legno. Per non parlare dei prezzi proibitivi dei pelati: per risparmiare ogni mattina lavavamo e bollivamo i pomodori per fare la salsa».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Concludiamo il nostro giro con la pizzeria "Dregher", presente all’ingresso del centro storico, tra via Corridoni e piazza Chiurlia. «Nacque nel 1958 come circolo ricreativo e rivendita di ghiaccio su iniziativa di Andrea Signorile - spiega l’attuale titolare, il 45enne Giancarlo Capriati - Si giocava a carte e, nonostante l'onnipresenza barese della Peroni, si beveva Dreher, la birra preferita del fondatore».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ecco quindi spiegata la genesi del nome del locale, evidentemente storpiato in modo dialettale. «Nel 1969 Andrea ricevette un forno in dono e cominciò a sfornare pizze - sottolinea -. E oggi sotto la mia gestione si continua a respirare l'aria del "debutto": in sottofondo c'è infatti sempre musica italiana degli anni 70 e 80. Qui è come se il tempo si fosse fermato».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Antonio Bizzarro
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved