di Irene Coropulis - foto Christian Lisco

Bari: la storia della settecentesca Villa Massimi Losacco, meglio conosciuta come "Renoir"
BARI – È una delle dimore in assoluto più antiche di Bari, vanta un enorme giardino, ma è nota in città per essere stata sede, negli anni 80 e 90, di una famosa discoteca che attirava migliaia di persone. Parliamo di Villa Massimi Losacco, meglio conosciuta come Villa Renoir. (Vedi foto galleria)

Questa elegante abitazione di ispirazione neoclassica sorge in strada Massimi Losacco, viuzza che, diramandosi nelle campagne del quartiere Picone, collega via Bellomo a strada Santa Caterina. Risale alla prima generazione di case adibite alla villeggiatura dei ricchi baresi, dato che il suo nome compare addirittura negli atti notarili del 1770.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Nel corso dei secoli l’immobile ha visto susseguirsi diverse famiglie come suoi proprietari: dai Macario sino ai coniugi Labriola Losacco, che nel 1923 lo acquistarono dalla famiglia Milella. E furono proprio gli eredi dei Losacco, negli anni Ottanta, a trasformare la villa in locale notturno, assegnandole il nome di “Renoir”, come il celebre pittore. La discoteca si andò così ad aggiungere alle tante giovanili sale da ballo che animavano in quel periodo il capoluogo pugliese.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

All’inizio del nuovo millennio il Renoir continuò a organizzare serate, non più però in veste di vera e propria discoteca, ma come location per eventi pubblici e privati. È qui per esempio che si tenne nel 2018 il concerto del Primo maggio barese ed è tra queste mura che nacque il progetto artistico “Soul Club”, che tra il 2017 e il 2018 portò a Bari ospiti internazionali quali il dj newyorkese Kenny Carpenter.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Spettacoli che sono stati protagonisti della struttura fino a tre anni fa, quando i Losacco hanno deciso di cedere definitivamente la proprietà. «È stata una scelta sofferta, ma ormai la nostra famiglia si occupa di tutt’altro - ci confida Guido Losacco, l’ultimo gestore -. Tra l’altro negli ultimi tempi le attività musicali notturne infastidivano il vicinato e così vendere ci è sembrata la soluzione migliore».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Le chiavi della storica villa (che ha mantenuto lo stesso nome) sono passate così nelle mani dell’imprenditore 56enne Nicola Manzulli, che nell’ottobre scorso ha fondato qui una gaming hall, ovvero una sala gioco con slot machine. È lui quindi ad aprirci le porte della dimora, che siamo andati a visitare.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Imboccata la predetta strada Massimi Losacco (che affianca i binari delle Ferrovie Appulo Lucane) e superata l’Arena Ai Riciclotteri, ritroviamo il cancello d’ingresso della villa sulla sinistra. Ai suoi lati si profila il lungo muro perimetrale che racchiude la proprietà grande 10mila metri quadri.  


Entriamo e ci incamminiamo sul viale principale, lì dove si staglia il logo di Villa Renoir poggiato su una base di pietra. Tutt’intorno a noi è un pullulare di pini mediterranei secolari, alberi di gelso, ulivi e mandorli già in fiore. Su un ramo è invece appeso un vecchio secchio di rame. «Lo abbiamo scovato sottoterra mentre facevamo i lavori di ristrutturazione - ci racconta Manzulli -. L’ho lasciato lì come traccia della storia secolare di questo edificio».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ed eccoci di fronte alla dimora che, preceduta da un’ampia scalinata, ha mantenuto integri gli originari elementi settecenteschi e ottocenteschi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Posta su due piani è caratterizzata dal motivo decorativo dei cantonali, posti in risalto dalla dicromia del prospetto bianco e grigio (un tempo rosso porpora). L’elemento che però colpisce di più è il portico, costituito da quattro colonne su cui si innesta la loggetta del livello superiore. Ad arricchire il quadretto ci sono infine dei lampioni d’antan, originariamente ad olio e oggi elettrici.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

All’interno invece di antico è rimasto ben poco. Varcata la porta appare netto il contrasto tra il sobrio impianto originario e i colori delle slot machine che affollano la sala interna. Due scale a chiocciola impreziosite da un tappeto rosso portano invece al piano superiore. Qui lo sguardo si posa sulla pavimentazione ottocentesca, di colore ocra e decorata con eleganti motivi geometrici e floreali.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ridiscendiamo e costeggiamo la villa: vicino a una porta laterale notiamo due antichi leoni in pietra, che introducono all’area verde retrostante lo stabile, quella che rappresentava la sede estiva del Renoir.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

A confermarcelo il gazebo con la scritta Soul Club e la pista da ballo con la cabina dj ridotta a deposito. Ma a donare vita all’ambiente c’è il giardino, lì dove si ergono alberi da frutto di ogni genere: limoni, melograni, fichi e mandorli.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Tra le piante spuntano poi colonne e tempietti classicheggianti. Sono lì a testimoniare il passato di questa villa settecentesca, che tra “musica a palla” e slot machine è riuscita a sopravvivere sino ai giorni nostri.  

(Vedi galleria fotografica)


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Irene Coropulis
Scritto da

Christian Lisco
Foto di

Lascia un commento
  • Fabio - Una struttura così bella, dal valore storico davvero importante, trasformata in una Gaming Hall. Ecco come muore la storia
  • Francesco - Mi viene il voltastomaco a pensare che in una tale meraviglia ci siano macchinette mangiasoldi.


Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved