di Federica Calabrese

Quando alle feste patronali c'era Hameluk: l'uomo che vendeva le pastiglie "miracolose"
Non c’era festa patronale a cui non partecipasse, con il suo fez rosso in testa, la sua tunica bianca, i suoi lunghi baffi e soprattutto le sue “miracolose” caramelle. Parliamo del mitico Hameluk, nome d’arte di Giovanni Siciliano, un uomo originario di Gallipoli che ha animato tra gli anni 60 e 80 tutte le sagre e le fiere pugliesi. (Vedi foto galleria)

Lui aveva creato un vero e proprio personaggio, ispirato ai venditori ambulanti delle kasbah marocchine. Era infatti impossibile non notarlo, per il modo in cui era vestito, per i manifesti che arricchivano la sua bancarella e per come cercava di vendere le sue pastiglie.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Perché quello faceva: distribuiva per poche centinaia di lire dei pacchetti di confetti al mentolo che promettevano di essere il rimedio per qualsiasi fastidio della gola. A forma di fagiolo erano contenuti  in tubetti di carta di colore rosso. I suoi slogan? “Per chi fuma e per la tosse, Hameluk Hameluk!”, “con la fede e con le erbe ogni male può essere curato” o ancora “la pasticca Hameluk fa bene a tutti: donne, uomini e bambini”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Giovanni affermava di aver ereditato la ricetta direttamente dai Faraoni d’Egitto e di essere il solo al mondo capace di prepararle.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Me le ricordo bene – dichiara la signora Gina, residente a Canosa -. Ogni 1° agosto dell’anno, in occasione delle celebrazioni per San Sabino, Hameluk arrivava in paese. Si metteva di fronte al negozio di De Nigris e immancabilmente mio zio Tonino comprava i suoi “medicinali”».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


«Lui veniva in città per la festa di San Ciro, a gennaio – rammenta invece Paolo, di Grottaglie -. Aveva con sé una bacchetta di legno con cui indicava le pastiglie ed era sempre accompagnato da due figure di cartapesta con la sigaretta in bocca che “arredavano” la sua bancarella».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Il suo posto a Barletta era di fronte al cinema Dilillo - racconta il 70enne Gino -. Ogni volta che passavo con i miei amici tossivamo per gioco e lui immancabilmente ci porgeva il suo confetto».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

A Bari naturalmente non mancava mai le celebrazioni per San Nicola, piantando il suo banchetto in corso Cavour, mentre a Molfetta, per la festa di Maria SS dei Martiri, aveva il suo punto strategico in via Dante. «Non vedevo l’ora di farmi dare 100 lire dalla nonna per comprare le sue buonissime caramelle», ricorda la molfettese Maria.  

Hameluk girò la Puglia sino alla fine degli anni 80, quando ormai anziano lasciò la sua “attività” al figlio Nicola, che continuò, pure dopo la morte del padre, ad allestire banchetti vestito con fez e tunica. Questo sino al 2018, quando anche Nicola abbandonò purtroppo questo mondo. E così, tutto a un tratto, le feste di paese persero per sempre le loro pastiglie miracolose.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

Foto in copertina di Federico Cappabianca

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Federica Calabrese
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved