di Ilaria Palumbo - foto Antonio Caradonna

Porto Ghiacciolo, la storia di Maria e della sua masseria sul mare: «Non la venderò mai»
MONOPOLI – «Non venderò mai la casa costruita con tanto amore dai miei genitori». Sono le parole della 70enne Maria che, assieme ai suoi cani e le sue galline, abita una pittoresca e antica masseria affacciata sul mare di Monopoli. La dimora si trova sulla scogliera che cinge la spiaggia di Porto Ghiacciolo, forse la più “festaiola” tra le 19 calette sabbiose simbolo del litorale sud del paese costiero.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Qui, tra bar e ombrelloni, si mostra questa struttura in pietra chiara e dalle linee squadrate, colorata da porte in legno azzurre e ringhiere in ferro dipinte di verde. Parzialmente nascosta da un imponente albero di fico, sovrasta la spiaggia e un bar-ristorante affacciato sull’Adriatico, contrapponendosi al millenario Castello di Santo Stefano che sorge sull’altra sponda dell’insenatura. (Vedi foto galleria)

Per visitarla lasciamo l’arenile con la sua musica ad alto volume e i giovani distesi a prendere il sole e ci dirigiamo verso il parcheggio, per imboccare un viale sterrato che costeggia il muro perimetrale della masseria. Troviamo così un cancello aperto che ci permette di accedere nel cortile, lì dove incontriamo Maria, intenta a sistemare alcune aste di legno e a curare instancabilmente la sua terra.

La donna ci accoglie con un gran sorriso che le illumina il volto. È una signora piccolina, con la schiena ricurva e i capelli grigi raccolti sulla nuca in uno chignon. Con tono affettuoso inizia a parlarci della sua storia.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«I miei genitori erano originari di Fasano – ci dice  –. Negli anni 30 giunsero a Monopoli dove comprarono un pezzo di terra per costruirci la nostra casa e sfruttare la vicinanza con il mare per svolgere il loro lavoro di pescatori. Io sono nata e cresciuta qui e sono legatissima a questo luogo».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Il posto conserva un’atmosfera quasi incantata, rimandando a tempi in cui si viveva a contatto con la natura e ci si nutriva con i prodotti provenienti dalla pesca e dalla coltivazione. Intorno all’abitazione aleggia un calmo silenzio, rotto però a un certo punto da un acuto verso di animale. Un piccolo angolo della proprietà è infatti racchiuso da una recinzione e ospita numerosi galli e galline.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Mi aiutano nel sostentamento – spiega la donna – e mi fanno compagnia, come i miei cani. Rendono la mia vita più piacevole, perché non è facile prendersi cura, da sola, dell’intera tenuta. Poi d’estate è una favola, ma d’inverno devo fare i conti con il freddo e la forza del vento e delle onde».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Difficoltà su cui puntano i tanti che vorrebbero acquisire questa tenuta. Del resto a chi non farebbe gola un’antica masseria adagiata sull’Adriatico, in una zona oltretutto sempre più turistica? Ma Maria per ora ha tenuto duro, resistendo alle lusinghe di ricchi compratori.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Non venderò mai la casa che i miei genitori hanno costruito con tanto amore – afferma risoluta la donna -. In molti la desiderano, ma temo la trasformerebbero in chissà cosa. Per questo ho deciso che la lascerò ai miei bravi nipoti che vengono spesso ad aiutarmi: loro, sono sicura, la manterranno così com’è. E nel frattempo me la godo io. Perché nonostante i problemi sono felice di vivere qui, dove posso avere il mare sempre davanti ai miei occhi». 

(Vedi galleria fotografica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Ilaria Palumbo
Scritto da

Antonio Caradonna
Foto di

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved