di Rossella Brunetti e Salvatore Schirone

Bari, maggio 1964: due balene si arenano nel porto. Verranno uccise con il tritolo
BARI – Avvenne nel maggio del 1964, in un’epoca in cui la salvaguardia degli animali era un concetto che non sfiorava neppure lontanamente la testa dei cittadini. Ci riferiamo al giorno in cui due balenottere si arenarono nel porto di Bari e al posto di essere salvate e aiutate a riprendere il largo, furono uccise con fucili e tritolo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E’ l’alba del 22 maggio, un venerdì, quando il 42enne pescatore Giuseppe Lucchese di ritorno con la sua barca avvista un grande animale in mare, nei pressi del molo San Cataldo. E’ una balena: un esemplare maschio del peso di una tonnellata e lungo circa 10 metri.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

L’uomo si spaventa e chiama in soccorso i due colleghi Clemente Cinquantasei e Michele Costanzo. I tre decidono di fare di testa loro e come il capitano Acab cercano di catturarla servendosi di reti e arpione.  Ma i loro sforzi sono vani, il cetaceo è troppo grosso per gente abituata a pescare saraghi e orate, non certo mammiferi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Purtroppo per “Moby Dick” però la voce che un “mostro” si trova nelle acque di Bari si sta ormai diffondendo. Intervengono così il vigile notturno Vito Ruggieri e il brigadiere Domenico Zambetti, munito di una pistola di servizio. Vengono sparati dei proiettili contro l’animale, fin quando alcuni agenti di pubblica sicurezza mettono fine all’avventura barese del cetaceo, che viene freddato a colpi di moschetto.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


«Avevo 12 anni – ricorda l’oggi 66enne barese Francesco Loseto -. Mio padre mi venne a prendere da scuola prima, verso le 11. “C’è una sorpresa”, mi disse. Lui lavorava nel porto e aveva assistito alla scena dell’abbattimento. In quegli anni il molo San Cataldo era accessibile direttamente dalla strada e mi fu facile, svalcando un muretto, raggiungere il cetaceo che era riverso su una discesa per le barche. Salii sul suo dorso: si scivolava da tutte le parti, era divertente. Ma quando alzai lo sguardo vidi uno spettacolo ben più terrificante, che non dimenticherò mai. A una cinquantina di metri, perpendicolarmente al molo, una seconda balena era intrappolata tra gli scogli. Era ancora viva, si dimenava e sbuffava acqua».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Si perché dopo poche ore dall’uccisione del primo cetaceo, un'altra balena, del peso di oltre 6 tonnellate e della lunghezza di 12 metri, viene avvistata nelle acque del porto (vedi foto della Gazzetta del Mezzogiorno).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

L’animale, una femmina, ha la testa incagliata tra due scogli: non riesce a muoversi. Gli agenti si chiedono come agire: catturarla è impossibile, bisogna ucciderla. Ma come? Seguono ore di trepida attesa. In migliaia di baresi si riversano al molo San Cataldo per guardare il “mostro” e i giornali titolano “Balenottero in porto: ucciso”. Si dà ancora la caccia al suo compagno di viaggio”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Passa tutto il giorno e il sabato mattina si decide di mettere “finalmente” fine alla vicenda. La balena viene fatta saltare in aria, letteralmente, con chili e chili di tritolo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Questo fu il triste destino dei due rari animali provenienti dal Nord Europa e capitati per sbaglio nel Mar Mediterraneo. Un’uccisione a cui scamparono altre due balene avvistate nei pressi della “Iasi Constanta”, la nave arenatasi a Bari nel 1962 e all’epoca non ancora rimossa. I cetacei riuscirono a risalire la corrente, scampando fortunatamente a un’inutile e crudele mattanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Salvatore Schirone
Scritto da

Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved