di Ilaria Palumbo

Monopoli, la chiesa dello Spirito Santo: millenaria cripta aperta solo otto giorni l’anno
MONOPOLI – E’ aperta solo otto giorni per permettere ai fedeli di rispettare un’antica tradizione pasquale. Per il resto dell'anno invece la chiesa dello Spirito Santo, gioiello millenario situato nelle campagne di Monopoli, è sempre chiusa. Peccato, perché questo santuario sotterraneo scavato nella roccia merita senz’altro una visita, caratterizzato com’è da colonne, archi a tutto sesto e affreschi. (Vedi foto galleria)

La cripta, databile intorno al X secolo e restaurata pochi anni fa, si trova in strada contrada Santo Spirito: basta costeggiare il cimitero comunale per raggiungerla dopo un chilometro. Noi l’abbiamo visitata in uno dei sette giovedì successivi alla Pasqua: in questi giorni infatti gruppi di devoti partono dal cimitero e si recano qui a piedi in occasione della “novena dello Spirito Santo”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Il popolo di Monopoli considera la cripta come la “chiesa dei morti”, per la sua collocazione nei pressi del camposanto – ci rivela Cosimo Lamanna, guida turistica del paese –. Le donne durante il breve pellegrinaggio invocano lo Spirito Santo nella speranza di guadagnare indulgenze per sé e per i propri defunti».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Quando arriviamo sono le 9 di mattina e un gruppo formato unicamente da signore è fermo in cerchio accanto al cancello d’ingresso per recitare un rosario. Superato questo varco delimitato da due colonnine in pietra bianca, si scendono subito alcuni gradini e ci si trova di fronte a una porta in legno: è l’entrata della chiesa, lì dove troviamo ad accoglierci il 65enne Pinuccio, custode dello Spirito Santo, in compagnia delle sue due sorelle. (Vedi video)

«Da sempre è la mia famiglia che si prende cura di questo posto – ci dice l’uomo -. È una sorta di tradizione iniziata dal mio bisnonno e trasmessa poi di generazione in generazione. Cerchiamo di mantenerla in un buono stato: facciamo arieggiare gli ambienti, cambiamo i fiori e la preserviamo dai vandali, che anche nel recente passato l’hanno deturpata».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Non ci resta a questo punto che entrare. Ci ritroviamo in quella che sembra una vera e propria grotta, un ambiente dai colori fiochi e illuminato da alcune lampade fissate sulle pareti rocciose. La cripta è divisa in tre navate, delimitate da colonne di colore chiaro ricavate dalla roccia, tutte terminanti con preziosi capitelli uno diverso dall’altro, adornati con motivi floreali e figure antropomorfe. Dalle colonne poi dipartono archi a tutto sesto che si rincorrono per tutto il soffitto, articolandosi così in volte a crociera.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Nella navata sinistra si trova un dipinto recente raffigurante la crocifissione di Cristo su uno sfondo di un intenso color verde. Nella navata destra, che funge anche da corridoio, sono invece presenti numerosi vasi ornamentali ricchi di fiori colorati accanto a un crocifisso in legno. Ed ecco sulla parete spuntare le prime tracce dei cicli di affreschi di stampo cristiano che secoli fa ricoprivano interamente le mura della cripta. In alto, quasi a osservare il passaggio dei fedeli, compaiono infatti i volti di due santi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Siamo ora nella navata centrale e di fronte a noi si trova l’altare principale dominato da una nicchia in cui è presente l’affresco meglio conservato della chiesa: la Sacra Effige della Santissima Trinità. Dalle linee semplici e i colori caldi, rappresenta la figura di Cristo crocifisso, su cui il Padre sembra vegliare, assieme allo Spirito Santo sotto forma di colomba.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Alle nostre spalle invece si apre un piccolo vano illuminato da un’apertura sul soffitto attraverso cui filtrano i raggi solari. Questa parte della cripa è molto più semplice, priva di archi e colonne, ma arricchita da un altarino su cui compare un altro affresco un po’ più rovinato rispetto al precedente: raffigura la Madonna avvolta da una veste bianca con in grembo Gesù bambino.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Nel frattempo la chiesa si è riempita di anziane rigorosamente vestite di nero che vanno a riempire il piccolo ambiente illuminato da ceri rossi. Con le loro preghiere restituiscono un po’ di vita a questa cripta che, a partire da giugno, ritornerà per un altro intero anno al suo perenne silenzio sotterraneo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

Nel video (di Gianni de Bartolo) la nostra visita alla chiesa dello Spirito Santo:


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Ilaria Palumbo
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved