di Salvatore Schirone

La mareggiata del capodanno 1980: le foto inedite del lungomare devastato
BARI - Ringhiere e muretti divelti, un lampione con tutto il suo basamento in pietra spostato di parecchi metri, pesci e alghe sull'asfalto. Così appare un tratto del lungomare Nazario Sauro in una delle foto più suggestive di Bari che Claudio Bottalico, il nostro "cacciatore di celluloide", ha recentemente scovato nelle sue infaticabili ricerche. Diciotto scatti in bianconero in esclusiva per Barinedita: oltre al lungomare devastato dopo la mareggiata di capodanno, anche il ponte di Japigia, il Castello e viale Einaudi (galleria fotografica).
 
«I negativi mi sono stati donati da Nicola Iacobellis, un mio caro amico fotografo non professionista che conosce la mia passione per le pellicole antiche che raccontano la nostra città», spiega Bottalico. Come per la "Concordia barese" e per altri filmati amatoriali, documenti unici della Bari negli anni 70, anche queste immagini inedite non sono sfuggite alla sua attenzione.  
 
Ben undici di questi scatti documentano un importante avvenimento, la devastazione del lungomare dopo la mareggiata della notte dell'ultimo dell'anno: era il 1979. Le foto furono scattate la mattina del 1 gennaio 1980. Fu l'ultima volta che il mare umiliò il lungomare. Da quell'anno infatti furono posizionati in mare i frangiflutti. Ma quel giorno la forza del vento e la furia del mare si scatenarono furiosamente.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

 
Tutto cominciò nelle prime ore pomeridiane. Molti baresi lo ricordano bene, perché fu l'unico fine anno in cui non si poté far esplodere nemmeno un petardo a causa della pioggia incessante. Il culmine si ebbe dieci minuti prima della mezzanotte: le onde schiaffeggiarono violentemente il lungomare distruggendo parapetti e lampioni e prendendo letteralmente a pesci in faccia i monumentali palazzi del ventennio fascista. 
 
Tra i negativi impolverati, anche cinque immagini inedite del 1975 che riguardano i lavori della costruzione del ponte che da via Omodeo, scavalcando la linea ferroviaria, raggiunge via Magna Grecia. E poi una chicca: uno squarcio del Castello Svevo con in primo piano un vespasiano.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Infine le fotografie documentano anche un'edicola ad angolo tra viale Einaudi e via Salvemini, che esiste ancora oggi. Il proprietario è Francesco, che Bottalico ha incontrato. «Appena ha visto la foto si è commosso - ci dice - mi ha ringraziato dicendomi che si era rivisto bambino acconto ai suoi nonni, presenti in quello scatto e dai quali attraverso il padre ha ereditato la storica edicola».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Una galleria fotografica preziosa quindi quella che pubblichiamo, in cui storia pubblica e storie private si intrecciano a comporre frammenti di memoria del nostro recente passato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Salvatore Schirone
Scritto da

Lascia un commento
  • diego - LO RICORDO BENISSIMO ,AVEVO 7 ANNI E MI RECAI SUL POSTO ACCOMPAGNATO DA MIO PADRE . IL RICORDO DI QUELLA DISTRUZIONE E' SEMPRE STATO NITIDO AL PARI DELLE FOTOGRAFIE CHE POSSIAMO AMMIRARE !

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved