di Eva Signorile

Antiche, belle, sconosciute e abbandonate: le chiese rurali di Bari
BARI – Antiche, spesso molto belle, ma sconosciute e abbandonate al degrado. Sono le chiese rurali di Bari, monumenti religiosi che punteggiano le campagne e i quartieri periferici della città. Barinedita, accompagnata dallo storico Sergio Chiaffarata, è andata a scoprire questi tesori nascosti (vedi foto galleria).

L’Annunziata -Il nostro piccolo viaggio inizia nei pressi del quartiere San Paolo, dove troviamo la chiesa dell’Annunziata,  in una zona a ridosso di Lama Balice, dalla quale è separata da un lungo muro che cinge una vecchia cava ormai in disuso. La si raggiunge imboccando la strada che dal rione porta dritti a Bitonto. La chiesetta romanica è costruita in tufo e risale al XII secolo. Tutto sommato, appare ben tenuta. «Appartiene alla Curia», spiega Chiaffarata. Un tempo, i cittadini di Palese, Bitonto, Santo Spirito e Modugno erano soliti venire qui in pellegrinaggio, in occasione della festa dell’ Annunciazione (che ricorre il 25 marzo e che è anche detta “annunziata povera”) e la prima domenica dopo Pasqua (l’”Annunziata ricca”). Ancora oggi, in ricordo di questi riti, la piccola chiesa è aperta al pubblico in quei giorni e vi si celebrano le funzioni.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

L’Addolorata - Destino ben peggiore è quello toccato alla Chiesa dell’Addolorata, che rintracciamo proseguendo lungo viale Europa, sempre nel quartiere San Paolo. La costruzione, databile tra il XVI e il XVII secolo, è in evidente rovina.  La struttura è molto compromessa: da un lato, alcune assi di fortuna sono poste a chiusura di un buco nel muro, frontalmente, l’ingresso è sbarrato anch’esso da porte e assi abbandonate, mentre l’area antistante è tutto un tappeto di abiti abbandonati.  L’interno è governato dagli pneumatici, mentre dell’affresco frontale all’ingresso non resta che qualche traccia di colore impallidito. Ai lati della costruzione compaiono due cartelli che suonano quasi ironici con la loro scritta “divieto di discarica”.  La sporcizia che regna fa a pugni con l’ordine in cui è tenuta l’aiuola su cui si trova la chiesetta.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Siete venuti a ristrutturarla? – ci chiede un passante in auto– era ora!». L’uomo si chiama Giuseppe e ha un garage proprio di fronte alla chiesa. E’ lui, insieme con i suoi operai, che si preoccupa, volontariamente, di mantenere pulita il più possibile la zona e di curare l’aiuola. «Quando ero piccolo – ci racconta – mia madre mi portava qui a seguire la messa, poi ci siamo trasferiti e ho perso di vista la zona. Sono tornato solo dopo molti anni e ho trovato questo disastro. Non riesco a rassegnarmi e, ogni giorno, cerco di prendermene cura. Sono oltre 50 anni che lo faccio: dal 1960».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Santa Maria del Deserto - Proseguiamo il nostro giro: tra Lamasinata e Lama Lamberti incrociamo la chiesetta di Santa Maria del Deserto. Di questo edificio parla già un documento del 1256. La costruzione è recintata ed è anch’essa in evidente stato di abbandono: la si raggiunge lungo un sentiero a ridosso del quartiere Stanic. Il viottolo è usato come discarica per qualunque oggetto, incluso l’amianto, mentre a terra troviamo anche alcune siringhe: difficile credere che siano lì per qualche improvviso problema di salute. Dall’ingresso si scorgono i resti di un affresco, mentre un grosso topo scuro dà prova di abilità, correndo in alto sulla parete, per poi rifugiarsi in un buco.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


San Giorgio Martire -Raggiungiamo poco dopo la chiesa di San Giorgio Martire, che sorge nell’omonima via tra i quartieri Stanic e Picone. Risalente all’ XI secolo è stata poderosamente ristrutturata nel 1920 dalla famiglia Scattarelli che ne è proprietaria: le strisce bianche e azzurre delle pareti interne sono frutto di questo restauro. La chiesa si scorge con fatica nel folto di una vegetazione incontrollata: l’interno è in effetti minacciato dalle radici di un pino che mettono in serio pericolo la resistenza del tetto, mentre l’ipogeo che sorge lì vicino trabocca di rifiuti e pneumatici.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Madonna delle Grazie -  Cambiamo completamente zona: raggiungiamo via Fanelli, quasi al confine con Valenzano. Qui, c’è la chiesetta della Madonna delle Grazie, raggiungibile anche con un autobus delle linee 18, 21 o 22, che si fermano proprio davanti alla via che collega via Fanelli a via delle Grazie. La si scopre nascosta dietro un gruppo di ville, incastonata tra ulivi e cardi. È un piccolo gioiello che, al suo interno, rivela il quadro della Madonna col fringuello: l’animaletto che ha tra le mani. La visita ci offre la sorpresa di due rondini che hanno fatto il nido all’interno della chiesa.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

San Pasquale - Ritorniamo su via Fanelli e proseguiamo verso il centro di Bari: raggiungiamo la chiesetta di San Pasquale, che dà il nome all’omonimo quartiere. Esternamente è ben tenuta, fatta eccezione per il bel portone, che è bucato alla base. Purtroppo, la chiesa è chiusa e non è possibile visitarne l’interno. È compresa in un’area sottoposta a vincoli che va sotto il nome di Villa Sant’Anna e che comprende anche splendide ville, alcune delle quali, purtroppo, disabitate e in stato di abbandono.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Madonna dell’Arco - Il nostro tour si conclude nel quartiere Libertà, davanti alla minuscola chiesetta della “Madonna dell’Arco”, anch’essa chiusa, che si affaccia su piazza Padre De Pergola, nei pressi del convitto universitario. Davanti ad essa, si contrappone il borgo antico di Bari, con l’alto campanile della Basilica di San Nicola. Ma da qui, la bianca chiesetta sembra ignorarlo e si erge dignitosa a un lato della piazzetta lastricata a chianche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Eva Signorile
Scritto da

Lascia un commento
  • Patrizia - Che peccato! E se si proponesse alle varie associazioni di persone altolocate (tipo Lyon's Club etc.) di adottare una chiesa e sovvenzionare le opere di ristrutturazione???
  • Acuto Osservatore Bitontino - Attennzione: la Chiesa dell'Annunziata è in territorio di Bitonto.

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved