La Muay Thai e il campione Claudio Amoruso

Una millenaria disciplina nata nel Sud-est asiatico che unisce le tecniche base di difesa alla tradizione religiosa. È la muay thai (letteralmente “lotta dei thailandesi”), chiamata anche “arte delle otto armi” perché consente di impegnare ben otto parti del corpo con pugni, calci, gomitate e ginocchiate.Uno sport di combattimento che ha preso piede ormai in tutta l’Italia, Bari compresa, dove è praticato in una decina di palestre. Tra queste attività c’è anche quella in cui si allena il 33enne Claudio Amoruso, atleta che il 24 luglio scorso ha conseguito il prestigioso titolo internazionale “World Boxing Council” battendo a Sciacca, in Sicilia, lo svizzero Philipp Hafeli. Per conoscere meglio questa particolare arte marziale siamo quindi andati a trovare proprio il campione pugliese al Combat Sports Center, palestra da lui aperta nel 2017 in corso Trieste, a pochi passi dalla spiaggia di Pane e Pomodoro (foto di Christian Lisco)
Dove: Bari
Notizia collegata: Le arti marziali a Bari: alla scoperta della "muay thai" e del campione Claudio Amoruso

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved - Tutte le fotografie recanti il logo di Barinedita sono state commissionate da BARIREPORT s.a.s. che ne detiene i Diritti d'Autore e sono state prodotte nell'anno 2012 e seguenti (tranne che non vi sia uno specifico anno di scatto riportato)