di Nicola De Mola

Anche le biciclette avranno la targa: prima volta al Sud e gratis
BARI - Bari sarà la prima città del Sud a offrire gratuitamente ai ciclisti della città la targatura e l’iscrizione dei loro mezzi alla neonata anagrafe comunale delle biciclette. L’iniziativa è stata presentata ieri in piazza del Ferrarese, a conclusione della settimana europea della mobilità ciclistica.

Tra una ciclopasseggiata da Parco 2 giugno sino a Parco Perotti e la presentazione del nuovo “Biciplan”, i cicloamatori baresi hanno potuto così conoscere questo servizio diventato indispensabile per arginare in maniera efficace il fenomeno dei continui furti delle due ruote. E per una settantina di loro è scattata già la prima targatura.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Era un’idea che già da tempo volevo mettere in pratica, visto che c’erano dei fondi a disposizione - spiega Antonio Decaro, consigliere comunale incaricato per la Mobilità Sostenibile -. Da oggi tutti i baresi potranno marchiare gratis la propria bicicletta, come se avesse una vera e propria targa comunale».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Iscrivere la propria bici serve a dimostrare in maniera certa la proprietà - sottolinea Milena Ianigro, rappresentante di CicloSpazio, l’associazione che si occuperà di targare materialmente i mezzi -. In caso di ritrovamento di bici rubate, la targatura consente alle forze dell’ordine di risalire al legittimo proprietario, consultando semplicemente l’anagrafe».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Sul telaio di 67 biciclette, precedentemente fotografate e inserite nell’apposito database con le generalità dei proprietari, sono state così marchiate indelebilmente le prime targhe del Comune (consistenti in un codice di identificazione di otto cifre), secondo un sistema già adottato in diverse città europee e del nord Italia, mentre ai proprietari è stata rilasciata una tessera contenente i dati personali e del mezzo (vedi galleria fotografica).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


«L’anagrafe è decisamente una buona iniziativa - racconta Riccardo, in passato vittima del furto di una bici -. Soprattutto oggi che le vecchie catene sono diventate del tutto inefficaci». «Il servizio è utile, ma soprattutto gratuito: perché non approfittarne?», gli fa eco Francesca.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Sempre Antonio Decaro, in compagnia dell’assessore regionale ai Trasporti, Giovanni Giannini, e dell’ingegner Nicola Berloco, ha poi presentato “Biciplan”, il nuovo piano della mobilità ciclistica, ideato seguendo anche i suggerimenti delle locali associazioni di ciclisti CicloSpazio e Ruotalibera.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Un vero e proprio “sogno” che, attraverso una rete complessiva di ben 190 km di piste ciclabili (di cui 15,5 già realizzati e 30 appaltati), dovrebbe finalmente mettere in connessione tutti i quartieri di Bari, compresa la zona industriale andando così a unire tutte le ciclovie della città, da sempre troppo scollegate tra loro.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma i tempi di completamento del “Biciplan”, a causa dell’atavica assenza di fondi («Il patto di stabilità non permette ai comuni di spendere molti soldi», confessa Decaro), restano ancora ignoti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«È un progetto necessario, perchè garantirebbe maggior coordinamento tra le varie piste, ma anche molto ambizioso: chissà quanto ci metteranno a ultimarlo», è il legittimo dubbio di Vincenzo e di tutti i cicloamatori della città, che da troppo tempo aspettano che Bari faccia qualcosa di concreto per la mobilità sostenibile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved