di Nicola De Mola

Piste ciclabili a Bari: poche e scollegate. Ma c'è un progetto-sogno
BARI - Un unico percorso ciclabile che colleghi le varie zone e quartieri di Bari. E' il sogno di tutti i cicloamatori della città, che ora convivono con 13 km di ciclovie realizzate a "macchia di leopardo", scollegate tra di loro. Anche il progetto "biciplan" presentato a marzo dal consigliere comunale Antonio Decaro, prevede sì la nascita di 14 nuovi percorsi, ma sempre disuniti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Perchè si possa veramente sostituire l'auto con la bicicletta, sarebbe necessario, come afferma l'associazione culturale CicloSpazio, «realizzare un anello intorno alla città per unire tutte le piste ciclabili presenti sul territorio».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il progetto-sogno, studiato dall'associazione con importanti architetti e ingegneri, prevederebbe piste ciclabili in via Ghandi e in corso Italia, ma sopratutto in Raffaele Bovio e in corso Cavour. La loro realizzazione permetterebbe a chiunque di salire in bici a Mungivacca, scendendo nel centro di Bari. Il tutto attraversando anche il ponte in art déco che unisce viale Unità d’Italia a corso Cavour, per il quale si stanno vagliando diverse proposte per giungere alla soluzione «meno invasiva possibile».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


«Il problema è che, nonostante un certo interesse dimostrato dall’amministrazione, la crisi economica che sta rallentando anche "biciplan" rende impossibile ipotizzare la realizzazione di quando questo progetto», affermano i rappresentanti di CicloSpazio, Milena Ianigro e Davide Morelli.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Per quanto riguarda il "biciplan", si tratterebbe di altri 13 km di percorsi dedicati ai ciclisti, la cui realizzazione risulta pero' al momento in ritardo a causa della carenza non solo di fondi pubblici, ma anche di quelli che deriverebbero dal "project financing", l'operazione che coinvolge soggetti privati nella realizzazione, nella gestione e soprattutto nell'accollo dei costi delle opere pubbliche in vista di futuri guadagni.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E quindi per ora Bari rimane agli ultimi posti della classifica di Euromobility, che ha contato città per città i chilometri dedicati alle piste ciclabili.


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento