di Gaia Agnelli - foto Daniela Quintavalle

Bari, nel rione San Pasquale la libreria che vende solo volumi di poesia: è l'unica in Italia
BARI - «Ciò che mi ripaga è vedere l’affetto e lo scambio di idee che legano chiunque entri in questo magico mondo: a farmi andare avanti sono proprio la passione e l’amore per questo genere letterario». Parole della 37enne Serena Di Lecce, fondatrice di Millelibri, un luogo che è lecito definire speciale, visto che rappresenta l’unica libreria in Italia specializzata nella vendita di sola poesia. (Vedi foto galleria)

Attiva dal 2018 in via Dei Mille, nel rione San Pasquale, Millelibri può definirsi un atto di “coraggio”, perché aperta in una città come Bari in cui da sempre le librerie faticano a trovare spazio. In più qui si è deciso di puntare su un settore raramente protagonista delle classifiche di vendita.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

È vero però che proprio questo suo essere “di nicchia”, ha permesso al locale di ritagliarsi un angolo tutto suo nel panorama letterario del Bel Paese. La proprietaria è così riuscita, con l’aiuto dei suoi collaboratori Grazia e Luca, a trasformarsi in un punto di riferimento per autori e appassionati del genere, che si ritrovano nel suo accogliente salottino letterario per dare vita a gruppi di lettura, scambiarsi opinioni, sfogliare volumi e parlare di nuove uscite.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Certo, parlando in termini economici la mia scelta potrebbe sembrare temeraria e sicuramente non l’ho presa con l’obiettivo di incassare milioni. Mi ha motivata semmai un innamoramento sbocciato da bambina, quando passavo le giornate leggendo versi – afferma Serena, mentre sfoglia una vecchia raccolta di John Keats all’interno del suo regno –. Ai poeti però purtroppo i grandi punti vendita hanno sempre dedicato poco spazio, da qui l’esigenza di venire incontro a tutti gli amanti del genere, che in questo luogo possono finalmente trovare ciò che cercano».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ci guardiamo intorno. Tra scrivanie, tavolini, scaffali stracolmi trovano posto volumi nuovi e usati, classici e contemporanei. Si va da pilastri come Rimbaud e Dickinson a nomi più recenti quali Luzi, Simonelli e Ortesta, passando per autori più ricercati come Hölderlin, Tjutčev e Wilcock. Si fanno anche notare edizioni datate e introvabili e opere stampate da piccolissime case editrici, che qui diventano le vere protagoniste.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


I volumi sono infatti ordinati senza un criterio di notorietà e importanza per dare la stessa visibilità a piccoli e grandi editori. Testimone di questa scelta è l’accostamento di un classico quale “Quaranta Poesie” di Georg Trakl a un cestino con alcuni opuscoli realizzati dalla nuovissima collana “Isola” che unisce i versi alle illustrazioni: tra questi, “Mar di Tasman” e “Passaggio a Mezzogiorno”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Per scovare queste realtà bisogna anzitutto leggere molto, altrimenti diventa difficile capire che cosa debba essere preso in considerazione – dichiara Serena –. E spesso poi sono proprio gli autori a contattarci per proporci le loro opere».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

A dominare è la luce soffusa delle numerose lampade, che “riscaldano” anche un angolino dove si trovano due poltrone di legno poste ai lati di un tavolino rotondo. In giro sono sparsi quadri e mensole sulle quali riposano libricini di autori come Federici, Ulbar, Iannone e Gentile. Ci colpisce poi un divano intagliato e rivestito di velluto senape dall’antiquata aria napoleonica.

«Alcuni mobili sono regali dei clienti – svela la Di Lecce –, altri invece appartenevano ai miei nonni. È stata proprio la loro biblioteca a introdurmi alla poesia, quindi è significativo per me averla nel mio ambiente lavorativo».

C’è poi una stanza dedicata ai testi di seconda mano, spesso portati qui dai lettori che li hanno messi così a disposizione di altri appassionati. Qui, tra moderne mensoline, cassette di legno e altra mobilia vintage, la fa da padrone uno scaffale cilindrico illuminato da un filo di lucine. Girandoci attorno notiamo raccolte di grandi scrittori che spaziano da Omero e Ovidio, sino ad arrivare a Baudelaire e D’Annunzio.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Altre pubblicazioni sono però decisamente più datate e rare, quasi introvabili come l’“Aladino” di Corrado Govoni, di cui notiamo un’edizione del 1946 con dedica dell’autore.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Tutta questa varietà si riflette sugli avventori di Millelibri. « La poesia – conclude Serena prima di salutarci  – è vittima di un pregiudizio che la associa a una scrittura monotematica, quando in realtà si occupa di un’infinità di temi e di mondi. Attira così in questo piccolo luogo giovani e adulti dagli interessi più disparati, trasformandosi in un potente mezzo di comunione universale».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Gaia Agnelli
Scritto da

Foto di

Lascia un commento
  • Mariella - Che bella scoperta! Grazie Gaia Agnelli per quest'ultima chicca che ci proponi!


Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved - Tutte le fotografie recanti il logo di Barinedita sono state commissionate da BARIREPORT s.a.s. che ne detiene i Diritti d'Autore e sono state prodotte nell'anno 2012 e seguenti (tranne che non vi sia uno specifico anno di scatto riportato)