di Giancarlo Liuzzi

Architetti, politici e religiosi: la storia dell'antica famiglia Accolti Gil di Conversano
CONVERSANO – E’ un nome che riecheggia in tante strade e palazzi del barese, legato a grandi architetti, nobili, politici e religiosi. Parliamo degli Accolti Gil, secolare famiglia che vanta tra i suoi membri quel Biagio che ha disegnato la splendida sede barese della Banca d’Italia e l’Ercole fondatore dell’Angiulli, la polisportiva più antica del capoluogo pugliese.

Anche se è a Conversano che questa casata ha lasciato il segno più tangibile della sua presenza. In via San Giuseppe  ad esempio, a pochi passi dal Castello, si impone la facciata in calce bianca di uno stabile che porta proprio il nome degli Accolti Gil. Un edificio che racconta la lunga storia della dinastia attraverso dipinti, documenti e mille oggetti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Siamo dunque andati a visitare il palazzo, dove assieme alla moglie  Tenny Maresca di Serracapriola vive il 50enne Bernardo, uno degli ultimi discendenti degli Accolti Gil. (Vedi foto galleria)

La struttura si sviluppa su tre livelli per un totale di 2700 metri quadri. Vi si accede tramite un portone in legno posto in un sontuoso portale in pietra, sul quale domina lo stemma della famiglia, sovrastato da tre grandi elementi a pigna.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Il palazzo – ci spiega il nostro cicerone - fu edificato verso la fine del 500 su un terreno donato da Caterina Acquaviva d’Aragona, madre del Conte di Conversano Giangirolamo II, il celebre “Guercio di Puglia”. E’ stato poi ristrutturato alla fine del 700 e rimaneggiato tra l’800 e il 900 da mio nonno e mio zio».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Chiediamo a Bernardo l’origine della sua famiglia. «Tutto iniziò grazie a un Giovanni Accolti che, trasferitosi probabilmente dalla Toscana in Puglia a metà del 400, diede vita al ramo Accolti a Conversano – ci risponde il proprietario di casa -. Poi nel 1674, quando il dottore in legge Giovan Battista Accolti sposò Grazia Gil, nobildonna rutiglianese di provenienza spagnola, si diede inizio alla secolare discendenza con il doppio cognome». 

Ma è arrivato il momento di entrare. Dall’ampio atrio esterno che ospita una statua con alle spalle lo stemma dell’Ordine di Malta (del quale la casata ha sempre fatto parte), ci dirigiamo attraverso una scala in pietra al piano nobile del palazzo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Si aprono così davanti a noi una serie di salotti affrescati e decorati con quadri, arredi e mobili di pregio. I raffinati affreschi del 700 riproducono vari motivi floreali in diverse cornici, paesaggi rurali e svariate specie di volatili. Risaltano, su una delle porte, gli accesi colori dello stemma della famiglia composto per metà da due serpenti intrecciati e per l’altra metà da un giglio, un richiamo al cognome Gil, con alla base due colombe e recante l’iscrizione Prudentia et Simplicitate (Saggezza e Semplicità).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Nella stanza adiacente ecco una vetrinetta con due pregiati vestiti del 700. «Fanno parte di un antico corredo trovato in un baule – racconta Teresa -. Sono in seta e filigrana d’argento. Erano 16 in origine, gli altri sono stati donati al Palazzo Pitti di Firenze».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La nostra attenzione si concentra poi sue due poltrone verdi e dorate arricchite da una corona dorata. «Qui vi sedettero il re Vittorio Emanuele III e sua moglie, nel periodo in cui Brindisi fu Capitale d’Italia, tra il 1943 e il 1944 – ci spiega con orgoglio la guida -. I dettagli delle corone furono aggiunti proprio per questo importante incontro, che si tenne in una residenza di Taranto».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Sulle pareti fanno poi mostra di sé diversi ritratti. Tra questi Biagio Accolti Gil, conte Palatino che fu anche sindaco di Conversano. «Questo invece è padre Michele – ci indica Bernardo -: nell’800 fu superiore della Compagnia dei Gesuiti in Oregon e valoroso missionario».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Di lui sappiamo che percorse due terzi del globo, vivendo per anni fra i selvaggi. Menzionato da tutta la stampa americana, a Vancouver studiò i dialetti delle popolazioni indigene, per trasferirsi poi a Santa Clara dove fondò un’università e la Società Storica della California.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma anche le donne Accolti non furono da meno. Tra le importanti religiose del monastero di San Benedetto troviamo Bernardina, Maria Saveria ed Aurora Accolti, l’ultima delle badesse nel 1810.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Tra i ritratti più moderni notiamo infine una foto in bianco e nero incorniciata. «Si tratta di mio zio Biagio, detto Giò, architetto di fama internazionale – dichiara Bernardo -. Progettò in tutto il mondo ville, alberghi ed edifici pubblici, tra cui il Palazzo di Giustizia di Taranto. A lui è dedicato il lungo viale della Zona industriale di Bari. Purtroppo morì tragicamente in un incidente stradale nel 1981».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Prima di lasciare il palazzo il proprietario ci racconta un curioso aneddoto. A Buriano, nelle campagne di Arezzo, c’è un ponte del 200 che riporta le scritte “Accolti” e “Chimienti”, le due famiglie che finanziarono l’opera. Bene, pare che quel cavalcavia sia lo stesso raffigurato alle spalle della Gioconda nel celebre dipinto di Leonardo da Vinci.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica di Antonella Marangi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Giancarlo Liuzzi
Scritto da

Lascia un commento
  • Francesco Quarto - articolo di enorme interesse da archiviare insieme ad eventuali altri che narrano le vicende di casati cospicui della nostra terra. contributi non necessariamente encomiastici, agiografici o, peggio, adulatori. Barinedita continui a presentare e proporre storie di famiglie. Io personalmente ho conosciuto forse un paio di esponente di questa famiglia Accolti-Gil. Un giovane (allora !!!) docente di un liceo barese e, spero di non dire sciocchezze mnemoniche, il tiolare di una antica cartoleria sita tanti anni fa sui primi isolati di via Re David. Mi piacerebbe avere conferma! Complimenti e, in più, apprezzo il PLUS del corredo iconografico! Francesco Quarto

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved