di Eva Signorile

Assicurazioni, contributi e rimborsi: tutte le tasse della scuola
BARI –  Tasse di iscrizione, assicurazione, contributi volontari e rimborsi: oltre alle normali spese per libri e corredo scolastico, quest’anno molti genitori si sono trovati di fronte a nuove richieste di denaro da parte delle scuole.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Chiariamolo subito: per l’iscrizione e la frequenza della scuola dell’obbligo, che copre la fascia di età che va fino ai 16 anni, non vanno pagate tasse di alcun tipo. Di conseguenza, sono esentati dalle tasse tutti gli studenti che frequentino fino al terzo anno della scuola superiore e che abbiano meno di 16 anni. Le tasse obbligatorie si pagano quindi il quarto e il quinto anno delle superiori e si riconoscono perché il bollettino di versamento è intestato all’Ufficio delle Entrate.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In realtà in tutti gli istituti si versa normalmente la quota per l’assicurazione (in genere tra i 5 e i 10 euro), il cui contratto è stipulato dalla scuola, ma pagato dai genitori. Non versare il contributo esporrebbe le famiglie o le scuole al rischio di dover pagare molto di più in caso di di danni causati dagli alunni o di infortunio degli stessi. La scuola ha poi la facoltà di richiedere dei “rimborsi” per le spese sostenute per le famiglie stesse: fanno parte di questa categoria, oltre all’assicurazione, anche i libretti delle assenze, i registri e persino le pagelle.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Infine la controversa novità di questi ultimi anni: il cosiddetto “contributo volontario”. La richiesta fatta da alcune scuole ai genitori di versare delle somme di denaro, sembra infatti un trend destinato a consolidarsi. L’ammontare delle somme richieste è variabile e trasversale: coinvolge cioè tutti gli ordini di scuola, dalle materne alle superiori. Si tratta di oneri facoltativi da parte delle famiglie, ma  in passato ci sono state segnalazioni di abusi da parte di alcuni istituti che minacciavano ritorsioni pesanti (fino a paventare la bocciatura) nei confronti di quegli alunni i cui genitori rifiutavano di pagare. Di conseguenza, il MIUR ha inviato alle scuole la nota 312 del 20/03/2012, con la quale ribadisce che: “I versamenti in questione sono assolutamente volontari”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Pochi sanno però che, come tutte le donazioni volontarie, anche i contributi scolastici sono detraibili ai fini fiscali: sui bollettini però si dovrà specificare la dicitura “ampliamento dell’offerta formativa”, oppure “innovazione tecnologica” o ancora “edilizia scolastica”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E se tutti i genitori, in massa, rifiutassero di versare i contributi volontari?
«Per le scuole sarebbero cavoli amari», risponde una segretaria di una scuola di Bari, che ha comprensibilmente chiesto di rimanere anonima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Eva Signorile
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved