di Valeria Danisi - foto Antonio Caradonna

Bari Vecchia, la storia di Gennaro: l'87enne che prepara e rammenda le grandi reti da pesca
BARI – Un anziano pescatore in pensione che continua a mantenere saldo il legame con il mare preparando e riparando reti in un sottano di Bari Vecchia. È Gennaro Di Mario, conosciuto da tutti come u gardidd (il galletto), 87enne che porta avanti un antico quanto indispensabile mestiere. (Vedi foto galleria)

Nato e cresciuto nel centro storico, l’uomo proviene da una delle poche famiglie che continuano ad esercitare la professione di pescatori, tant’è che adesso è suo figlio Dino a lavorare tra le onde proprio con le grandi reti realizzate dal padre.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Incontriamo Gennaro in strada Santa Maria del Buon Consiglio, nei pressi dei ruderi dell’antica chiesa, mentre si concede due chiacchiere con i vicini seduto di fronte al suo laboratorio. Ci saluta con una stretta di mano ancora energica e un gran sorriso sul volto roseo, poi con gli occhi chiari pieni di entusiasmo comincia a raccontarci qualcosa di sé.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Il soprannome che mi danno mi è stato passato da papà – svela –. Le ragazze lo chiamavano U gardidd, il “galletto”, perché aveva sulla testa una massa di ricci rossi, come la cresta di un gallo».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Dalla famiglia Gennaro ha anche ereditato il mestiere di pescatore. «Come mio nonno e mio padre, ho cominciato a lavorare giovanissimo: già a 12 anni – afferma –. Ricordo ancora il mio primo giorno. Mi persi per i vicoli cittadini mentre cercavo la cosiddetta “scaletta de l poveridd”, che da Santa Scolastica permette l'accesso al mare» .Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Le barche della famiglia Di Mario un tempo erano attraccate al molo Sant'Antonio, mentre oggi ormeggiano nel Porto, al moletto situato vicino il Terminal crociere. Una è lunga 8 metri, adatta quindi a spingersi più lontano dalla costa, l'altra è invece più piccola: di 4 metri. Si tratta quindi di un semplice gozzo utile per prendere polpi e piccoli pesci nelle acque antistanti il litorale barese.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Gennaro però non naviga più. Dopo un’esistenza trascorsa al largo tutti i giorni, col sole a picco e con la pioggia, con i vestiti zuppi e ghiacciati d'inverno e la pelle cotta dal sole in estate, è andato in pensione, non abbandonando mai però del tutto il mestiere marinaresco. Come detto continua infatti a preparare e rammendare le reti da pesca.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


«Sono sempre stati gli stessi pescatori a provvedervi ed è un’arte che sanno fare in pochi: ci vuole tanta pazienza e manualità – afferma –. Spesso però mi faccio anche aiutare da mio figlio, perché con l'età la vista inizia a giocarmi brutti scherzi».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Col suo permesso, entriamo nel minuscolo sottano in cui lavora. Uno scaffale celato da una tenda a strisce bianche e blu conserva le reti in cotone e nylon, ammassate in grossi gomitoli sulle mensole oppure chiuse in sacchi tenuti sul pavimento.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

L’uomo è molto geloso delle sue creazioni e non ci lascia toccare questo “tesoro”, ma si offre di mostrarci in che modo avvolge i fili attorno a una cima con l'aiuto di un grosso ago detto sacràr, stupendoci con la destrezza e la velocità dei suoi movimenti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ci presenta poi i contenitori in cui sono riposti i galleggianti, tondini di plastica che vengono posizionati sulla parte superiore della rete e lasciati liberi di scorrere lungo la corda. In basso vengono invece sistemati i piombi, pesi che vengono chiusi sulle corde e fissati battendoli su un'incudine. Quelli impiegati da Gennaro sono spesso “strapazzati”, cioè recuperati da vecchie reti ormai inutilizzabili e reimpiegati. Pesano circa 30 o 40 grammi l'uno.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Le reti che usiamo per la “pesca piccola”, sul gozzo, hanno un peso complessivo di circa 7 o 8 chili – svela –. Ma quelle che impieghiamo sulla barca grande arrivano anche a 200».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Infine U Gardidd illustra il procedimento per la preparazione delle reti: quelle che utilizza sono inizialmente “crude” o “vergini”, ossia non ancora lavorate, e vengono comprate all'ingrosso a Molfetta. Dopo l’acquisto vanno “cotte”, cioè immerse in un pentolone pieno di colorante acrilico che conferisce loro una particolare colorazione ocra, così da mimetizzarsi meglio sul fondale. Una volta bollite, devono essere stese in strada ad asciugare e solo dopo questo procedimento saranno pronte per la pesca.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

L’87enne è chiaramente felice di dare una mano ai parenti grazie alla sua esperienza e ai suoi preziosi consigli. Si accerta sempre, per esempio, che suo figlio porti con sé a bordo tutti i documenti che devono essere in possesso di chi ha una barca.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Soprattutto però ricorda a Dino di come la pesca richieda uno spirito di passione e sacrificio, un qualcosa che Gennaro non hai mai dimenticato dopo una tutta una vita dedicata al mare.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Valeria Danisi
Scritto da

Antonio Caradonna
Foto di

Lascia un commento
  • Michele DAMMICCO984261 - Mi ricordo molto bene di lui- Molte volte, durante i controlli di Polizia Marittima lo incontravo spesso in mare ma non aveva più il ciuffo rosso in testa ma sicuramente un carattere molto sveglio. Spero di incontrarlo......CARI SALUTI Amm. Michele DAMMICCO


Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved - Tutte le fotografie recanti il logo di Barinedita sono state commissionate da BARIREPORT s.a.s. che ne detiene i Diritti d'Autore e sono state prodotte nell'anno 2012 e seguenti (tranne che non vi sia uno specifico anno di scatto riportato)