di Marianna Colasanto - foto Valentina Rosati

Tra i resti di Santa Maria del Buonconsiglio c'è una stanza: è il laboratorio di Meuccio
BARI – Se andate a visitare i resti di Santa Maria del Buonconsiglio, a Bari Vecchia, noterete che al centro della parete in pietra che affianca le colonne della chiesa si trova una porticina di color arancione. Quello è l’ingresso di un piccolo locale dove da 45 anni a questa parte il 70enne signor Bartolomeo Scorcia, detto “Meuccio”, costruisce bellissimi modellini di navi. (Vedi foto galleria)

L’insolito laboratorio pare sia l’antica sagrestia del tempio e dell’annesso convento, utilizzati dalla monache agostiniane fino al 1824 e poi abbandonati e abbattuti nel 1939. Del sito millenario, costruito tra il IX e il X secolo, è rimasto infatti solo il pavimento musivo, le colonne e un muro su cui è incisa un’epigrafe in latino sormontata da una testa di leone.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In più c’è questa stanza, che appartiene da 150 anni alla famiglia di Bartolomeo e che è stata utilizzata nel corso del tempo per vari scopi. Dal 1974 però Meuccio se ne è appropriato per farne il suo particolare “studio”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Per accedervi è necessario utilizzare una piccola scala di legno, visto che l’entrata è situata a circa un metro di altezza rispetto al pavimento della chiesa. «La Soprintendenza mi ha dato l’autorizzazione a poter usare l’ambiente – spiega il pensionato - ma essendo il sito vincolato non mi è stato possibile costruire delle gradinate per accedervi: così utilizzo questa scala per salire e scendere».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

L’ambiente in cui ci troviamo è grande un 15 metri quadri, ha le pareti in tufo e alte volte a sesto acuto. Scorcia, che ha in capo una coppola scura, è all’opera. Lo troviamo seduto su una sedia e appoggiato a un vecchio tavolo dove sono disposti forbici, vernici spray, colla, spago, tenaglie, taglierini e nastro adesivo. È alle prese con la costruzione di una nave bianca e verde con le vele spiegate: la gloriosa “Stella del mare del Duca degli Abruzzi”, di fine 800.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Questo modellino è caduto per terra e si è spaccato – sbotta Meuccio – adesso lo sto rifacendo completamente. È un lavoraccio, considerato che per realizzare queste barche in miniatura ci vogliono circa cinque mesi».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il signore ci racconta la sua storia. «La passione è nata quando mi trovavo in Germania – spiega -. Era il 1967, avevo 18 anni e mi ero trasferito a Monaco in cerca di lavoro come muratore. Un giorno mi imbattetti in un negozio che esponeva una riproduzione di una barca: fu amore a prima vista. Del resto avevo sempre avuto l’adorazione per il mare, basti pensare che da piccolo avevo lavorato in una pescheria. Così ho cominciato a cimentarmi con questo hobby, che ho continuato anche quando sono tornato a Bari negli anni 70, iniziando a lavorare al porto come scaricatore».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Nel 1974 come detto l’artigiano decide di rimettere a nuovo il locale della sua famiglia, in precedenza utilizzato dal fratello come deposito per le bombole a gas. E da allora, ogni giorno, viene qui a fabbricare i suoi gioielli, che poi una volta finiti espone nella sua casa in strada Arco dello Spirito Santo, sempre a Bari Vecchia.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Nella sua abitazione è possibile ammirare, tra le altre, copie perfette del Titanic, della spagnola San Felipe, dell’Amerigo Vespucci e della Quinquereme romana.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Meuccio, che non si è mai sposato, vive con la 67enne sorella Lucia. «La sua è una passione maniacale – ci racconta allegramente la donna –. Se i modellini non vengono come dice lui, è capace di distruggerli e costruirli di nuovo fin quando, a suo giudizio, non risultano perfetti. Ha una grande manualità e oltre alle navi in passato ha costruito anche grandi presepi. Sono orgogliosa di mio fratello, anche se non abbiamo più spazio in casa per ospitare nuovi natanti».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Magari per fare spazio Meuccio potrebbe pensare di venderne alcuni: del resto parliamo di manufatti realizzati in legno pregiato, tagliato manualmente. «Non so però se avrei il coraggio di separarmene – ci confessa – ho dedicato una vita alla loro costruzione: sono come dei figli per me. Un giorno li lascerò ai miei nipoti, poi decideranno loro cosa farne, anche del mio piccolo angolo millenario».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Marianna Colasanto
Scritto da

Valentina Rosati
Foto di

Lascia un commento