di Mina Barcone - foto Valentina Rosati

Bari, l'Apulia Film House: in Fiera alla scoperta del museo degli "effetti speciali"
BARI – Maschere inquietanti, possenti mostri neri, corpi carbonizzati e strambi personaggi pelosi: non è la collezione di un museo dell’orrore ma la casa del cinema pugliese inaugurata a Bari lo scorso 31 luglio. L’Apulia Film House ospita infatti tra le sue mura soggetti animatronici, riproduzioni iperrealistiche ed effetti speciali utilizzati per dar vita a personaggi fantastici in film come “Pinocchio”, “Il racconto dei racconti” e “Mollami”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La gran parte delle opere che si trovano qui è stata creata dal 46enne “effettista” barese Leonardo Cruciano (e dal suo staff "Makinarium"), professionista che ha collaborato con registi quali Ridley Scott, Matteo Garrone, Paolo Sorrentino e George Clooney.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Collocata all’interno della Fiera del Levante, l’esposizione nasce come luogo pedagogico, polifunzionale e d’incontro: uno spazio pensato dall'Apulia Film Commission della Regione per avvicinare grandi e piccini al mondo del cinema. Anche se a causa dell’emergenza Covid sinora la “casa” è stata chiusa la maggior parte del tempo. Noi siamo andati a visitarla (vedi foto galleria).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ci troviamo dunque davanti all’ex Palazzo del Mezzogiorno, storico edificio realizzato nel 1951 dall’architetto Pietro Maria Favia e oggi completamente ristrutturato. Varcato l’ingresso incontriamo una guida del personale dell’Apulia Film House che ci accompagna alla scoperta del luogo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Già qui ammiriamo gli originali elementi di scena del film il “Racconto dei Racconti” di Garrone, tra cui un lucertolone agonizzante adagiato sul pavimento ricoperto di sabbia e una parte della grotta dei pipistrelli.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Saliamo ora al piano superiore, dove entriamo in una stanza che contiene un locale semicircolare di colore verde. «Si chiama green screen e serve per aggiungere in postproduzione ambienti o persone – spiega il nostro accompagnatore –. Ultimamente lo abbiamo usato per un video con Cesare Cremonini ambientato nello spazio, ma può diventare anche una spiaggia, una foresta o una città».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Poco più avanti invece è stata allestita una piccola sala cinematografica con circa una quarantina di poltrone che sarà dedicata alla proiezione di anteprime o di lavori che non vengono distribuiti nei cinema.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Torniamo adesso al piano inferiore, dove ci riaccolgono le installazioni dedicate al “Racconto dei racconti”. Con le sue storie tratte da fiabe del Seicento, la pellicola vincitrice di sette David ha rappresentato un banco di prova ideale per i creatori di effetti visivi. Ecco quindi il predetto lucertolone (che in realtà è un drago marino) e nella bacheca accanto una pulce dal pelo sintetico. Entrambi sono animatronici, si possono cioè muovere attraverso l’utilizzo di componenti elettronici e robotici.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


In un'altra teca sono conservate le protesi di invecchiamento utilizzate per le due anziane protagoniste del lungometraggio. Il lavoro minuzioso fatto sulle rughe del viso e del collo è così realistico che se non fosse per i segni grafici sulle palpebre sembrerebbe di guardare delle vere teste a riposo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Custodite in espositori ci sono poi manifesti e locandine dei film più disparati realizzati da illustratori, grafici e cartellonisti del XX secolo. Si va da “Casanova 70” a “La dolce vita”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma accediamo alla seconda stanza, la più grande, e subito notiamo alla nostra sinistra “Renato”, il mostro blu peloso del film “Mollami” di Matteo Gentiloni. Prima di incontrare altre creazioni facciamo una piccola sosta in un tendone in cui l’ologramma di George Méliès, regista considerato il padre degli effetti speciali, racconta la storia del cinema fantastico.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Proseguendo con la visita ci imbattiamo in uno dei pezzi di maggior impatto visivo: un uomo carbonizzato sul pavimento. È stato realizzato per il film di Ridley Scott “Tutti i soldi del mondo” attraverso il calco integrale dell’attore poi disegnato e patinato da Cruciano. Accanto a lui, completamente ingessato su una barella, si trova un manichino utilizzato nella miniserie satirica diretta da George Clooney “Catch-22”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Diverse sono le parti del corpo realizzate iperrealisticamente in quest’ala dell’Apulia Film House, come la testa del brigante o la riproduzione del braccio pronta per l’azione scenica del taglio delle dita in “Il mio corpo vi seppellirà” di Giovanni La Parola. Nella stessa stanza ci sono anche uno spaventoso mostro nero dai denti scoperti insanguinati e la “Mother Creature”, un’impressionante maschera con le sembianze da pecora che si muove tramite radiocomandi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ci spostiamo quindi nella sala destinata al coworking e lo scambio di idee tra gli addetti ai lavori. È arredata anch’essa con oggetti truculenti come il maiale appeso dalle zampe (e accanto la testa mozzata) della serie televisiva “Zero Zero Zero” tratta dal romanzo di Roberto Saviano e le finte pecore utilizzate nel film “Loro” di Paolo Sorrentino.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

L’ultima tappa del nostro viaggio è sul retro dell’edificio, dove si trova l’arena che verrà utilizzata per le proiezioni estive. Protagonista è qui l’enorme bocca del pescecane, una macchina scenica a pistoni e tiranti utilizzata nel “Pinocchio” di Matteo Garrone: l’ennesima sorpresa di questo museo nato per celebrare il cinema e la sua magia.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Mina Barcone
Scritto da

Valentina Rosati
Foto di

Lascia un commento
  • Vito Petino - Nel mio periodo sllo Sporting e Cellar, 1966/71, un signore robusto e alto almeno 1 e 90, titolare della ditta Apulia film con sede in via Calefati prima, poi trasferita in via Piccinni angolo De Rossi, organizzava nelle sedi dei due circoli privati cineforum e proiezioni di documenti con diapositive per riunioni tematiche della Fidapa, Rotary e altre associazioni di cultura. Non ne ricordo il nome, ma quel signore commerciava pure apparecchi e accessori per la fotografia, uno dei più forniti di Bari, servizi per anniversari e matrimoni, e naturalmente sviluppo di foto e filmini. Niente a che vedere quella Apulia film con questa del servizio di Barinedita? Chi mi risponde?...


Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved