di Alessia Schiavone

“Villa Starita”: all’ombra del San Nicola quello che fu il primo circolo ippico pugliese
BARI - Se si percorre via Bitritto, la vecchia strada che dal San Nicola porta al paese in provincia di Bari, all’altezza della tribuna ovest dello stadio è difficile non accorgersi di un grande edificio rossastro che si affaccia sulla via. Si tratta di Villa Starita, una dimora ottocentesca che fino agli inizi degli anni 80 del secolo scorso è stata la sede del più antico circolo ippico pugliese, lo stesso che ha fatto conoscere l’equitazione a Bari. (Vedi foto galleria)

Oggi il complesso, che ospita un vasto insediamento rupestre sottoposto a tutela e noto come "Agrumeto di Villa Starita", giace pressochè inutilizzato, quasi inghiottito dal giardino di 3500 metri quadri che lo circonda. Una recinzione in pietra (diventata preda dei writers) nasconde l'elegante prospetto e gli accessi sono tutti murati tranne uno chiuso da un cancello. Peccato, perché la storia di questa struttura è alquanto particolare.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Dopo essere stata utilizzata per decenni come residenza estiva dagli Starita, antica famiglia di nobili e militari, fu divisa tra i vari discendenti, che nel 1960 decisero di adibirla a circolo ippico. Lì nelle campagne a ridosso della città nacque quindi il primo centro dedicato all’equitazione di tutta la Puglia, dove in vent’anni di attività vennero organizzati concorsi su scala nazionale che permisero a Bari di ospitare le più grandi personalità del mondo dei cavalli.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La presidenza fu affidata all’avvocato Nicola Starita che decise di aprire anche una scuola di equitazione in onore di Giambattista Starita, ufficiale di cavalleria morto nel 1938. "Scuola barese di equitazione Generale Starita" è infatti la scritta che ancora oggi sormonta l'ingresso laterale della struttura, l’unico non ancora murato. Qui un cancello verde lascia intravedere una piccola dimora vestita di rosso con una torretta cilindrica e quelle che un tempo dovevano essere le stalle.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Inaugurata il 23 maggio in concomitanza con la manifestazione di apertura della dodicesima edizione del concorso ippico nazionale, la scuola era dotata di due ampi locali adibiti a scuderie, un campo ostacoli, un maneggio, locali per ferrare i cavalli e per il deposito di avena e foraggio e di una selleria attrezzata. Al prezzo di 700 lire all’ora, i giovani baresi potevano prendere lezioni sotto la guida del maresciallo Bernassola, cavaliere pugliese formatosi presso la scuola militare di equitazione di Pinerolo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In occasione delle manifestazioni sportive del "Maggio Barese", l'oasi verde della villa diventava poi il campo ostacoli di diversi concorsi equestri a livello interregionale e nazionale per cavalieri e amazzoni delle più rinomate scuole italiane. I campi erano divisi da un viale di alberi secolari che assicuravano l'ombra tutto il giorno e l’Aeronautica militare provvedeva a installare una tribuna per l'ampio pubblico che assisteva alle gare.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Di tanto in tanto nei locali del circolo venivano organizzate persino delle mostre estemporanee di pittura con soggetti tratti dal mondo dell’equitazione. D'altronde la villa, oltre a essere un rinomato centro sportivo, era diventata anche un luogo d'incontro per la mondanità barese.  All'ordine del giorno infatti erano le feste organizzate per i tesserati del circolo, tutti membri delle famiglie più facoltose di Bari.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Peccato però che nel 1982 il circolo e la scuola dovettero chiudere battenti- rivela Luigi Vacca, uno dei primi cavalieri della scuola -. Nicola Starita, non essendo l'unico erede, non poteva decidere da solo il destino della proprietà e così assieme ai fratelli decise di venderla a una certa Cipparoli, il cui figlio Piero Addante anche lui cavaliere riuscì a riaprire il circolo dal 1985 al 1992 sotto il nome però di circolo Villaombrosa».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Sfortunatamente poco dopo l'immobile fu nuovamente ceduto e ora da circa vent'anni Villa Starita, pur avendo rappresentato un pezzo fondamentale della tradizione sportiva barese, riversa solitaria sul ciglio della strada completamente abbandonata a sé stessa, all’ombra dello stadio San Nicola.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Alessia Schiavone
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved