di Maria Bruno

Mi rifaccio vivo. Con la coppia Rubini-Solfrizzi si ride di gusto tra atmosfere new age
MI RIFACCIO VIVO.  Genere: Commedia. Regia: Sergio Rubini. Attori: Emilio Solfrizzi, Neri Marcorè, Pasquale Petrolo, Margherita Buy, Vanessa Incontrada, Sergio Rubini, Enzo Iacchetti. Durata: 105 minuti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Biagio Bianchetti (Pasquale Petrolo), imprenditore amante della buona cucina italiana e con l’incorreggibile vizio del fumo, alla vita non potrebbe chiedere di più: ha una moglie bellissima, un lavoro che lo gratifica e un’intensa vita sociale. Ma proprio quando Biagio è intento a godersi ciò che ha costruito con impegno e buona dose di competizione, ecco che l’incubo della sua infanzia torna a fargli ombra.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ottone Di Valerio (Neri Marcorè), compagno di scuola di Bianchetti, fanciullo e poi uomo infallibile e sempre un passo avanti a chiunque, ricompare dopo anni per proporre all’amico Biagio un affare di lavoro che si presenta brillante. Come ai tempi della scuola, però, è Ottone a trarre i benefici dell’accordo e il povero Bianchetti, ormai pieno di debiti, decide di porre fine alla sua vita.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Grazie alle poche buone azioni compiute in vita però Bianchetti si ritrova a poter sfruttare un bonus che gli consente di reincarnarsi per una settimana nel corpo di Dennis Rufino (Emilio Solfrizzi) per rimediare agli errori commessi in precedenza.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Da questo momento per gli spettatori sono solo risate genuine, grazie a un cast validissimo capeggiato da Solfrizzi e collocato in atmosfere new age. La pellicola tocca, senza troppa retorica e con estrema semplicità, temi attuali come il suicido degli imprenditori falliti e (parlando di cose meno serie) il conformarsi alle tendenze gastronomiche proposte dal mondo orientale.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma il fulcro del film è il tema antico della competizione e della rivalità tra esseri umani, che a nulla porta se non alla distruzione, con un messaggio di fondo: è necessario indossare i panni degli altri per capire quanto si nasconde dietro le apparentemente felici maschere che indossiamo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento


Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved