di Ilaria Milella

Frasi ospitali, religiose e anti invidia: i fregi in latino a Bari Vecchia
BARI -  Alcune esaltano l’ospitalità del proprietario di casa, altre esprimono devozione verso Dio, altre ancora sono poste lì per scacciare la negatività. Parliamo delle scritte in latino che, passeggiando per Bari Vecchia, è facile incontrare sugli architravi di portoni e finestre di antichi palazzi. (Vedi foto galleria)

In largo Maurelli ad esempio, sull’architrave di pietra bianca del portone del rinascimentale Palazzo Calò, possiamo leggere incisa la frase dominus custodiat  introitum tuum et exitum tuum Tullio et Iacobo Calo et amicis anō dnī , letteralmente “iddio custodisca il tuo ingresso e la tua uscita per Tullio e Iacopo Calò e gli amici”. Un messaggio beneagurante insomma.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Mentre invece in via degli Orefici, il sempre rinascimentale Palazzo Milella ospita, un po’ annerito, il fregio che recita: dum probus atque insons recta huc devotior hospes, ovvero “finchè sei giusto ed innocente vieni direttamente qui caro ospite”. Qui i proprietari quindi aprivano idealmente la porta della propria abitazione ai baresi, solo a quelli giusti però.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Arriviamo in piazza del Mercantile e sulla destra imbocchiamo via Palazzo di Città, dove al numero 54  e più avanti al numero 29 troviamo due architravi decorate, rispettivamente quelle di Palazzo Tanzi e Palazzo Zizzi. Il primo fregio riporta la scritta ingredere has aedes quisquis amicus eris cioè “entra in questa casa chiunque tu sia sarai un amico”, frase usata molto di frequente e facilmente ritrovabile sui fregi delle dimore romane. I padroni di questa abitazione si dimostrano evidentemente più accoglienti rispetto a quelli di Palazzo Milella: non ci sono selezioni all’ingresso. 

Su Palazzo Zizzi invece troviamo, sovrastante un arco a cornice quadrata, una scritta ben più inquietante: “post tenebras spero lucem” ovvero “dopo il buio spero ci sia luce” che pare sia stata fatta incidere da Onorato Zizzi, medico di corte della regina Bona Sforza, per implorare l’aiuto della sovrana in seguito a un periodo estremamente negativo culminato nella reclusione in carcere.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Tornando indietro e ci avviamo lungo vico Corsioli. Qui su un arco (dove è appollaiato un piccione) troviamo un incisione ben più allegra: probis et amicis se patebit bisichina domus  cioè “la casa bisichina sarà aperta ai giusti e agli amici”. Mentre dirigendoci nei pressi della Basilica di San Nicola, in strada San Luca troviamo un palazzo d’epoca rinascimentale: qui a decorare l’architrave annerito dal tempo c’è il fregio sub tuum praesidium sancā dei genitrix: “sotto la tua protezione santa madre di Dio”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Da qui percorriamo strada delle Crociate per dirigerci in vico San Marco, dove è collocata la chiesa omonima edificata attorno all’anno mille. Accanto all’edificio sacro si trova un palazzetto presumibilmente medievale: il prospetto risulta alquanto anonimo ma il cortile interno rivela due rampe di scale sostenute da un arco ribassato molto suggestive alla vista.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

All’inizio della seconda rampa troviamo un portone e una finestra sui quali sono riportati due distinti motti: adversante invidia e nolite confidere, che rispettivamente significano “contro l’invidia” e “non vogliate confidare”. Se quindi in passato c’è chi ha usato il latino in segno di ospitalità e augurio, qui l’intento è stato contrario: si voleva scacciare l’invidia e mandare via chiunque. Il proprietario doveva essere un vero e proprio misantropo: chissà cosa gli avevano fatto gli antichi baresi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved