Letto: 6216 volte | Inserita: domenica 19 gennaio 2014 | Visitatore: Filippo

E’ un ‘espressione usata negli anni Cinquanta per indicare l’aumento del volume cardiaco in seguito all’intensa attività sportiva. E’ l’adattamento cardiocircolatorio a carichi di lavoro continui che determinano cambiamenti della forma e della funzione del cuore.

Il cosiddetto “cuore d’atleta” si caratterizza per aumento di volume e forza di contrazione, con associata riduzione della frequenza cardiaca. Il cuore è un muscolo e come tutti i muscoli aumenta di spessore in seguito agli allenamenti.

L’ipertrofia è uniforme, non altera la geometria delle camere cardiache, ventricoli e atri, a differenza di quella secondaria a patologie come l’ipertensione, l’infarto e le malattie delle valvole.

Il cuore d’atleta non è patologia, ma è necessario rilevare che è sempre secondario a un continuo e intenso lavoro fisico. Gli aumenti di volume e l’ipertrofia che si riscontrano in individui che praticano attività fisica non intensa a scopo ludico ricreativo sono la spia di una problema che deve essere ben diagnosticato e curato.

Risponde

RICCARDO GUGLIELMI – Medico cardiologo sportivo Specialista in malattie dell’apparato cardiovascolare e cardioangiochirurgia, è stato Direttore della Cardiologia Ospedaliera “Luigi Colonna” del Policlinico di Bari e docente di cardiologia presso la Scuola di specializzazione in medicina dello Sport dell’Università di Bari.

FAI UNA DOMANDA

Nome
Codice di controllo
Commento
Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved