Letto: 6558 volte | Inserita: martedì 8 ottobre 2013 | Visitatore: Luca

 

Negli anni 60 attività sportiva e sesso non avevano diritto di convivenza. Basti pensare ad Helenio Herrera, il famoso allenatore dell’Inter, che costringeva i suoi giocatori a rigidi ritiri.

In quegli anni si era convinti che l’attività sessuale, in prossimità di un evento sportivo, potesse arrecare danno al fisico dell’atleta e, di conseguenza, ridurre le prestazioni. Oggi si sa che un atto sessuale normale prevede un consumo di 200/300 calorie e non è più faticoso del salire due rampe di scale a piedi.

L’attività sessuale a livello psicologico fa bene a chi pratica sport agonistico. Il sesso nell’ambito di una relazione stabile rilassa, mentre un rapporto occasionale, per il coinvolgimento emotivo, può essere fonte di stress. Un rapporto sessuale consumato in una coppia stabile crea le condizioni per favorire il giusto riposo necessario prima dello svolgimento della gara. La sessualità è fonte di benessere psico-fisico, mentre l’astinenza che può essere nociva perché provoca ansia e stress.

Il sesso è una sorta di “doping naturale” che non ha differenze di genere, uomo-donna. Analoghi sono i meccanismi endocrini: aumento del testosterone e delle endorfine. Il primo aumenta la grinta, le seconde sono responsabili del benessere psicologico e della concentrazione.

In conclusione il rapporto sessuale, se seguito dal giusto riposo, aiuta nelle competizioni e non indebolisce il fisico dell’atleta.

Risponde

RICCARDO GUGLIELMI – Medico cardiologo sportivo Specialista in malattie dell’apparato cardiovascolare e cardioangiochirurgia, è stato Direttore della Cardiologia Ospedaliera “Luigi Colonna” del Policlinico di Bari e docente di cardiologia presso la Scuola di specializzazione in medicina dello Sport dell’Università di Bari.

FAI UNA DOMANDA

Nome
Codice di controllo
Commento
Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved