di Antonella Mancini

I "Tankarp": «Percussioni e arpa insieme per rilassare e ipnotizzare chi ci ascolta»
BARI - «Vogliamo trasmettere a chi ci ascolta sonorità rilassanti e ipnotizzanti che possano favorire il benessere psichico». Parole dei Tankarp (nella foto), duo formato dal 33enne percussionista barese Giorgio Finestrone e dal 31enne arpista slovacco Jakub Rizman. Abbiamo intervistato Giorgio.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Quando nasce il progetto Tankarp?

Nel 2018, anno in cui io e Jakub ci siamo conosciuti grazie a un insegnante che avevamo in comune, trovandoci da subito in sintonia. Entrambi volevamo infatti discostarci dai canoni convenzionali e abbiamo deciso così di provare a suonare insieme.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Qual è il vostro percorso musicale?

Io sono un batterista e percussionista e dopo anni di studi jazz e pop mi sono esibito durante vari festival italiani, tra cui anche Umbria Jazz. Jakub, barese d’adozione, è diplomato in musica classica al conservatorio di Bratislava, capitale della Slovacchia e ha alle spalle come arpista molte partecipazioni in eventi europei. Ha sempre amato suonare per strada nonostante la sua preparazione accademica: preferisce l’esecuzione libera da schemi rigidi e prefissati.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Perché unire le percussioni all’arpa?

Il nostro stesso nome sintetizza efficacemente il “musical concept”. Lo scopo è quello di accompagnare il suono freddo e “metallico” del Tank drum con un altro più angelico e suadente come l’arpa elettrica. La fusione di questi due strumenti permette infatti di realizzare un qualcosa di sinergico, raffinato e originale con sfumature orientali. Vogliamo trasmettere a chi ci ascolta sonorità rilassanti e ipnotizzanti che favoriscano il benessere psichico.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Che cos’è il Tank drum?

Si tratta dell’evoluzione dell’Hanpan. È uno strumento a percussione composto da un corpo bombato d’acciaio a cui sono aggiunte una serie di linguette intagliate superiormente con il laser. Ogni singola linguetta percossa con le mani o con le bacchette produce una nota. La cavità del corpo funge poi da cassa di risonanza per un suono sia percussivo che melodico. È stato inventato nel 2007 da Dennis Havlena, utilizzando una bombola vuota di gas propano.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Siete riusciti a esibirvi e a pubblicare qualche vostro lavoro?

Sì. Diverse rassegne ci hanno invitato permettendoci di suonare in prestigiosi scenari quali il Castello di Mola e il Circolo Unione del Petruzzelli di Bari. E abbiamo pubblicato due brani inediti su piattaforme quali spotify, deezer, itunes e amazon music: “Crazy Giro” e “Valentine”. Il primo prevede l’utilizzo di altre percussioni quali darbuka e djambè. Del secondo invece abbiamo creato una versione remix in stile dance con il dj Marco Grandolfo. A fine luglio comunque è prevista l’uscita di altri dieci pezzi scritti sempre con l’obiettivo di sperimentare e “calmare”.

Nel video il brano “Crazy Giro” dei Tankarp:



© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Antonella Mancini
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved