di Gaia Agnelli

Dalla Slovacchia a Bari: la storia di Palko Gonda, il chitarrista di via Sparano
BARI – Con la sua chitarra e la voce delicata rappresenta una presenza fissa in via Sparano, ma a differenza di personaggi come il “cantante” Rinaldo, lui può definirsi un vero e proprio artista di strada. Parliamo di Palko Gonda (nella foto), 24enne nato in Slovacchia che si esibisce da quattro anni per le strade di Bari, città in cui vive e dove ha trovato anche l’amore. L’abbiamo intervistato. (Vedi foto galleria)

Dalla Slovacchia a Bari: parlaci di questo viaggio.

Tutto ebbe inizio quando terminai la maturità, quando mi resi conto che non volevo più studiare. Desideravo infatti vivere di musica, continuando a suonare la mia chitarra che avevo preso in mano a 15 anni senza più lasciarla. Così preparai le valigie e partii.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Era necessario partire?

Sì, volevo essere un artista di strada e portare la mia musica in giro per il mondo, per esibirmi ovunque e in qualsiasi momento. Volevo essere libero. Arrivai prima in Germania e poi mi spostai in Italia: a Bologna, Firenze, Roma, Napoli, ma anche in Sicilia e in Basilicata, fin quando non sono approdato a Bari, quattro anni fa.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E qui finisce il tuo girovagare…

Perché ho incontrato l’amore. Non avrei mai pensato di poter rimanere così a lungo nello stesso posto, eppure è avvenuto. Ora posso definire Bari il mio “palco”, visto che mi esibisco in via Sparano, corso Cavour, via Melo, nella città vecchia. Anche se a volte vengo chiamato per piccoli concerti nei locali serali.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Un “palco”, come il tuo nome.

In realtà all’anagrafe sono Pavel Gonda: Palko è il vezzeggiativo con cui mi chiamava mia madre da piccolo e che ho trasformato nel mio nome d’arte. 

Com’è il tuo rapporto con i baresi?

I baresi mi piacciono, anche se hon ho molti amici, ma solo perché amo stare da solo. Sono pure poco “social”, non uso granchè Facebook e Instagram: preferisco scrivere e suonare. Questa semplicità mi rende felice.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Nel frattempo hai inciso anche due dischi.

Sì, il primo si chiama “Paint My Life” ed è solo strumentale, il secondo “Flowers”. In questo disco a differenza del precedente canto: una cosa che ho cominciato a fare solo negli ultimi anni. Sto cercando di migliorarmi per poter esprimere tutto quello che sento.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Possiamo definire la tua musica “lo-fi”?

Non saprei, non voglio etichettarla in un unico genere. Posso solo dire che canto della vita e dell’amore: i brani sono semplicemente lo specchio delle mie emozioni.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

Nel video un’esibizione di Palko Gonda in via Sparano, nel giugno del 2017:


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Gaia Agnelli
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved