di Giancarlo Liuzzi

Ville colorate, sculture fantasiose, monumenti in miniatura: alla scoperta dell'Art Brut
BARI C’è la “Masciaridde” a Gioia, “L’Italia in miniatura” a Conversano, “Villa Fantasy” a Corato, “L’Eremo” a Guagnano, senza dimenticare i “laboratori” baresi di Simone Ciliberti e Jerry De Florio. Di che stiamo parlando? Della cosiddetta “Art Brut” (arte grezza), una corrente artistica che vede come protagonisti autodidatti: persone che pur senza formazione accademica sono riuscite a realizzare edifici e sculture dall’aspetto unico, in grado di colpire la curiosità dell’occasionale visitatore. (Vedi foto galleria)

Si tratta infatti di opere fatte “per sé”, innalzate pietra dopo pietra nel corso di 20 o 30 anni con la sola “missione” di creare “qualcosa di bello” che non sente la necessità di essere mostrato. Gli artisti in questione spesso utilizzano materiale riciclato che va a inserirsi in un contesto improvvisato, bizzarro, ma al tempo stesso ingegnoso e fantasioso. 

«L’espressione fu coniata dal pittore francese Jean Dubuffet nel 1945 - ci spiega Marcello Maggi, educatore con dottorato di ricerca in Estetica e specializzato in Art Brut -. Voleva offrire un nome a tutti quei lavori creati da persone il cui fare nasce da impulsi profondi più che da razionali esigenze estetiche».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Un'arte spontanea quindi, senza pretese culturali e senza “riflessione”, nella quale a predominare è il puro istinto. «Gli autori d'art brut – dice sempre l’esperto - non si limitano a creare disegni, quadri, sculture, ma arrivano a costruire “mondi” inediti altamente personali, dei veri e propri environments: paesaggi immaginari il più delle volte decorati in maniera compulsiva con oggetti di qualsiasi genere».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

A livello mondiale elementi di art brut si ritrovano nel “Jardin du Coquillage” costruito in trent’anni dal muratore ucraino Bodhan Litnanski con materiale trovato per strada; nelle “Watts Tower”, due strutture in acciaio alte 30 metri realizzate a Los Angeles dall’immigrato italiano Simon Rodia; e nel francese “Palais Idéal”, innalzato dal postino Ferdinand Cheval con 100mila pietre che creano elementi antropomorfi e allegorici.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma anche in Italia e in Puglia si contano edifici eclettici frutto della fantasia debordante dei loro creatori: luoghi “fantastici” spesso sconosciuti ai più che noi abbiamo scoperto visitando le “strade secondarie” del nostro territorio.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Una varietà smisurata di decori che abbiamo ritrovato ad esempio in uno degli fabbricati più singolari di tutto il barese: “Villa Fantasy”, dimora nascosta nelle campagne di Corato. È opera del proprietario Luigi Mazzilli, che in trent’anni ha meticolosamente raccolto conchiglie, vetri, specchi, piastrelle e statuine per andare a rivestire ogni angolo della sua abitazione di campagna.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


A Gioia del Colle poi, sulla strada che porta a Turi, si staglia la villa del “Masciaridde” (cioè del mago, dello stregone), che prende il nome dall’appellativo con cui era conosciuto Leonardo Castellaneta, colui che l’ha realizzata. Una struttura neoclassica impreziosita da archi, merli, balaustre e da un’aquila presente sul terrazzino. Il suo cortile rivela anche due caratteristici pozzi e persino una piccola cappella.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Incredibili sono anche le sculture dell’ “Italia in miniatura” tra Conversano e Putignano, create dal sarto Stefano Schettini. Raccogliendo pietre e materiali di risulta ha riprodotto fedelmente la Torre di Pisa, il Colosseo e l’Arena di Verona tra gli ulivi e i mandorli della propria campagna.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In Salento invece ci è stato segnalato l’Eremo di Vincent Brunetti, a Guagnano: una casa-museo dove troneggia un alto frontone brulicante di statue di ogni genere (madonne, putti, lumache, elefanti, asinelli) e decorata con piastrelle di svariati colori, specchi e grandi scritte.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

A Bari città infine vanno citati due laboratori a cielo aperto pieni zeppe di lavori eccentrici. Il primo è quello del rigattiere Simone Ciliberti, nel quartiere San Cataldo: un luogo magico e colorato dove vecchi oggetti abbandonati diventano opere d’arte. L’altro è il villaggio di pietra di Jerry de Florio, in via Cotugno, lì dove fanno bella mostra di sé trulli, animali, rovine romane, capitelli, casse armoniche e persino una spada nella roccia.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Si tratta purtroppo di posti destinati a scomparire, che un giorno saranno deteriorati dal tempo e dagli atti vandalici – denuncia Maggi  –. Purtroppo c’è poco interesse da parte di istituzioni e “arte alta” nei confronti di questi luoghi, creati tra l’altro da persone che non cercano fama e notorietà. Bisognerebbe invece riconoscere il loro valore elevandoli a “beni culturali”, attivando così fondi per la loro salvaguardia».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Giancarlo Liuzzi
Scritto da

Lascia un commento