di Salvatore Schirone

Ecopunti: buoni spesa in cambio di rifiuti, ma il gioco non vale la candela
BARI - Differenziare non solo è bello, ma anche conveniente. Se porti i tuoi rifiuti all’Amiu (carta, plastica, vetro e indumenti) vieni ricompensato con buoni spesa. Così il Comune di Bari ha pensato di incoraggiare i cittadini alla raccolta differenziata. Siamo andati a verificare lo stato di questa iniziativa che, partita da due anni, dovrebbe concludersi a febbraio. A conti fatti, possiamo dire che il gioco non vale la candela.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Sono quattro i centri di raccolta cittadini (la mappa nella galleria), in via Napoli, in via Fuzio (nella zona industriale), in via Oberdan e in via Martin Luther King. Gli ultimi due, a detta dell’Amiu, sono i più attivi ed è lì che andiamo per capire come funziona il servizio.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Arrivati in via Luther King ci accorgiamo di una prima grande limitazione: la raccolta viene eseguita solo di mattina tra le 8 e le 11.30, quindi nel pieno della giornata lavorativa. Infatti sono per lo più pensionati quelli che arrivano qui. A piedi con grosse buste o trainando un carrello della spesa.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
“Trainando” perché secondo il regolamento pubblicato sul sito dell'azienda, per ottenere un buono di 10 euro da spendere nei supermercati Ipercoop, bisogna raccogliere 100 punti. E per ottenere un punto ci vuole o mezzo chilo di plastica o 2 chili di carta o 3 di vetro o 5 di indumenti. Facendo due conti, per avere un buono di 10 euro bisogna portare, in alternativa, 50 chili di plastica, 200 chili di carta, 300 di vetro o 500 di indumenti. Mica facile.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Incontriamo la signora Carmela. Lei è stata un'entusiasta della prima ora, e con rammarico ci dice: «In questi due anni sono riuscita a ottenere in tutto cinque buoni. All'inizio mi piaceva fare ogni tanto due passi "ecologici", ora però non me la sento più di caricarmi di pesi. Oltretutto ultimamente il personale è diventato molto più fiscale: pesano sempre per difetto. Oggi per pochi grammi non ho raggiunto i due punti. Non credo ci verrò più». E né a Carmela conviene venire in auto: non ci sono buoni che rimborsano la spesa di benzina.  

 
In via Oberdan già verso le 11 non si vede più nessuno. Qualche minuto prima avevamo incontrato una signora che ci aveva detto: «Abito qui vicino e non mi costa nulla venire qui». E poi con sorpresa ci aveva domandato:  «Ma davvero la raccolta sta per finire? Che fregatura non ho ancora raggiunto i cento punti».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Un impiegato rassicura però «che ci sarà un proroga». Lo stesso ci dicono al numero verde. Ma non ci sono certezze. E addirittura nel regolamento (e ci auguriamo sia un refuso) l'articolo 12 (vedi foto in galleria) stabilisce: “I premi devono essere utilizzati entro e non oltre 6 mesi dal termine dell’operazione e quindi entro il 21 agosto 2013, presso gli esercizi convenzionati”. Quindi staremmo già fuori dai limiti di tempo.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Non conosciamo ancora i dati ufficiali sulla reale incidenza dell'iniziativa sulla raccolta complessiva della differenziata, ma immaginiamo che si tratti di valori risibili. Il servizio è attivo solo per poche ore durante la giornata ed è conveniente solo se si hanno da smaltire dei grossi quantitativi di rifiuti. In più è necessario abitare nei pressi dei centri di raccolta, per evitare uno spreco di carburante.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Non crediamo che questa iniziativa avrà futuro, perlomeno non a queste condizioni. Un’impiegata dell'Amiu ci assicura infatti che presto entrerà in vigore un nuovo sistema di incentivi. Non più buoni spesa ma una tessera magnetica collegata al nostro codice fiscale segnerà la quantità di rifiuti differenziati smaltiti. Indiscrezioni parlano di una riduzione del 10 per cento della Tares, dovuta al raggiungimento di 500 chili. Staremo a vedere.


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento


Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved