di Raniero Pirlo - foto Valentina Rosati

Gravina, alla scoperta della spirulina: la microalga definita il "cibo del futuro"
GRAVINA IN PUGLIA - Gli Aztechi la chiamavano “nettare degli dei”, mentre oggi gli esperti la definiscono a ragion veduta “superfood”. Perché la spirulina, microalga di colore verde-blu che cresce nei mari tropicali, rappresenta un alimento dalle grandi proprietà nutrizionali.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ricchissima di proteine (quasi il triplo del pollo o del tacchino), è anche un’ottima fonte di vitamine (quelle del gruppo B ma anche C, E e D), oltre che di sali minerali quali magnesio, potassio, fosforo e ferro. Se a questo si aggiunge il bassissimo impatto ambientale nella produzione, è facile comprendere perchè la Fao l’abbia definita come “cibo del futuro”. A partire da questo vegetale acquatico si possono infatti realizzare numerosi prodotti: dagli integratori agli spaghetti, dai crackers ai taralli.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Un po’ in tutto il mondo si stanno quindi moltiplicando le aziende che la coltivano per utilizzarla nel settore alimentare. In Puglia i primi sono stati i giovani della “ApuliaKundi”, una start-up che nel 2012 ha vinto il bando regionale “Principi attivi”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

I due fondatori, l’oggi 42enne chimico grumese Raffaele Settanni e la 41enne barese Danila Chiapperini, hanno aperto una sede a Gravina in Puglia, all’interno dello stabilimento Andriani, pastificio con cui hanno intrapreso una collaborazione finalizzata alla produzione di spaghetti alla spirulina. Siamo andati a visitarla (vedi foto galleria).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Appena arrivati ci troviamo davanti a una grande insegna che ci indica di essere giunti nel “Parco della spirulina”. Si tratta del soprannome dato a questa innovativa area in cui sono presenti le serre dove l’alga viene coltivata e il laboratorio dove viene essiccata. Quest’ultimo è colorato da un murale che raffigura gli organismi “pionieri” nati sulla Terra, tra cui c’è proprio la spirulina che pare sia stato una delle prime forme di vita vegetale in grado di emettere ossigeno.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Entriamo in una delle serre, dove facciamo la conoscenza di Raffaele. Il ricercatore ci mostra le enormi vasche nelle quali cresce la microalga: sono piene di acqua calda messa continuamente in movimento da alcune turbine.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


«La spirulina cresce naturalmente nei mari tropicali – ci spiega –. Noi l’abbiamo scoperta in Africa e abbiamo avuto l’idea di portarla in Puglia. Nella nostra regione il clima è infatti adeguato alla sua coltivazione: grazie alle tante giornate di sole possiamo produrla senza riscaldamento artificiale e quindi in modo molto più sostenibile. Cerchiamo di rispettare la natura il più possibile senza mai forzare i suoi ritmi».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ogni giorno viene prelevato un campione di vegetale per essere controllato al microscopio. «Dobbiamo assicurarci che la spirulina stia crescendo sana e forte - sottolinea il chimico -. Solo quando è diventata “adulta” viene infatti separata dall’acqua, attraverso un setaccio chiamato vibrovaglio. E a quel punto, dopo ulteriori controlli, è pressata e inserita in un macchinario detto estruttore che serve a formare dei bastoncini solidi di spirulina pura».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

“Sticks” che vengono infine essiccati a una temperatura mai superiore ai 39 gradi per 14-16 ore. «Attraverso questo procedimento possiamo garantire un prodotto dalle eccellenti caratteristiche nutrizionali – afferma Raffaele -. Parliamo di un alimento unico, che fornisce gli amminoacidi essenziali, ricchissimo di sali minerali e antiossidanti. È adatto praticamente a tutti: dagli sportivi agli anziani, dai vegani ai fumatori, dato che grazie alle sue proprietà chelanti libera il corpo dalle sostanze dannose».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La materia prima essiccata può essere infatti lavorata in svariati modi, producendo ad esempio integratori a forma di compresse o crackers a base di mandorle, ma anche miele dal particolare colore blu. «I prodotti a base di spirulina sono potenzialmente infiniti - afferma Raffaele -. I nostri si possono trovare soprattutto nelle erboristerie, anche se da un anno produciamo assieme al pastificio Andriani degli spaghetti che è possibile acquistare anche al supermercato».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Non ci resta quindi che assaggiare alcuni di questi alimenti. Con nostra sorpresa scopriamo un sapore nuovo, delicato, leggermente salato e con un retrogusto di verdura. E in un attimo, siamo catapultati nel futuro.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Raniero Pirlo
Scritto da

Foto di

Lascia un commento
  • Antonio Colavitti Arkydesign - ne faccio uso, pasticche in barattolo dal mio erborista. Giova!


Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved - Tutte le fotografie recanti il logo di Barinedita sono state commissionate da BARIREPORT s.a.s. che ne detiene i Diritti d'Autore e sono state prodotte nell'anno 2012 e seguenti (tranne che non vi sia uno specifico anno di scatto riportato)