di Eva Signorile

Intima, suggestiva ma "vietata": ad Altamura alla scoperta della Grotta Torre di Lesco
ALTAMURA – Stalattiti, stalagmiti, antri nascosti e sotterranei: tutto il territorio murgiano è costellato da antichissime quanto spettacolari grotte, magari non grandi e famose come quelle di Castellana, ma altrettanto suggestive. C’è ad esempio quella del Trullo a Putignano, la Curtomartino ad Acquaviva o quella di Sant’Angelo a Santeramo. Tutte già visitabili o che lo saranno presto, differenziandosi così da un’altra piccola cavità che non è mai stata accessibile al pubblico: la Grotta Torre di Lesco, situata nell’omonima località di Altamura. (Vedi foto galleria)

L'ingresso della grotta si affaccia lungo la statale 96 "sul lato sinistro della carreggiata, provenendo da Altamura", secondo quanto scritto sulla scheda del catasto delle grotte di Puglia, dove è censita con il numero 33. La sua storia è saldamente intrecciata a questa importante via di collegamento. Fu infatti scoperta ufficialmente nel 1951, quando il neonato Cars (Centro altamurano ricerche speleologiche) condusse una campagna esplorativa alla ricerca di una cavità “leggendaria” rinvenuta 15 anni prima dagli operati impegnati nella costruzione della strada.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Un video girato nel 2015 mostra come accedere a questa piccola meraviglia. Ci si cala da uno stretto tombino largo giusto il necessario per far passare una persona.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Una volta dentro ci si ritrova in un ambiente grande all’incirca 200 metri quadri, anche se a rendere attraente la grotta non sono le sue dimensioni, ma le formazioni calcitiche che, in uno spazio assai ristretto, hanno creato un paesaggio fiabesco.

Già dopo essersi appena calati si intravedono le prime stalattiti che pendono dalla sommità, alcune delle quali hanno una calda sfumatura dorata per la presenza di ossidi ferrosi e manganese. Dal basso si innalzano invece le stalagmiti, che spesso si vanno a congiungere con le stalattiti dopo un "inseguimento" durato millenni, creando così le cosiddette "colonne". Qui ce ne sono diverse: alcune lunghe e sottili, altre con diametri davvero imponenti, segno del lungo lavorio operato nel corso di milioni di anni dall'acqua e dal calcio, i veri architetti di questi capolavori.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Il ventre della Terra d’altronde qui ha scatenato tutto il suo folle estro: dalle pareti ad esempio scendono "colate" calcitiche nei toni di un caldo dorato che a tratti prendono le sembianze di morbidi drappeggi. In alcuni casi però il color oro lascia lo spazio al bianco candido. «Questo biancore – sottolinea il 46enne Antonio Denora, speleologo del Cars – ricorda quello presente all'interno della famosa Grotta bianca di Castellana».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Qua e là compaiono invece curiose formazioni "a cespuglio". «Sono stalattiti "eccentriche" - ci spiega la nostra guida -: si tratta di concrezioni che, nel crearsi, non seguono la forza di gravità e per questo assumono geometrie bizzarre».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Tutt’intorno regna nel frattempo l'oscurità, "abitata" però da numerose creature, tra i quali gli "pseudoscorpioni", particolari ragnetti tipici delle zone umide e fresche. Perché Torre di Lesco è un ambiente vivo e in perenne trasformazione, ma estremamente fragile. Una stalattite si allunga di circa 2 millimetri ogni dieci anni: la distruzione anche solo di un frammento equivarrebbe a perdere un importante pezzo di patrimonio geologico.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Per questo, vista anche la scarsa possibilità di movimento al suo interno, si è deciso di vietarla al pubblico. Anche se noi siamo in attesa di un permesso che ci darà la possibilità di scendere nelle viscere della terra, per raccontarvi le meraviglie di questa intima e silenziosa grotta.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

Nel video del Cars, girato nel 2015, la perlustrazione della Grotta Torre di Lesco:


 


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Eva Signorile
Scritto da

Lascia un commento