di Salvatore Schirone

Bari, ecco cosa ha ricevuto in dono Papa Francesco durante la sua visita in città
BARI – Un reliquiario contenente la manna di San Nicola arricchito da una croce in legno ricavata da un ulivo colpito dalla xylella. È il dono offerto dalla chiesa barese a Papa Francesco, durante la visita del Santo Padre al capoluogo pugliese avvenuta nel corso dell’incontro “Mediterraneo frontiera di pace”. (Vedi foto galleria)

A realizzare l’opera è stato un artigiano e designer barese, il 50enne Michele Paparella, che ha voluto creare «un qualcosa che rappresentasse pienamente la Puglia».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E così la mattina di domenica 23 febbraio, in una cripta della Basilica gremita di vescovi e frati domenicani, il priore Giovanni Distante ha consegnato nelle mani del Papa questo sacro oggetto, che Francesco ha fatto suo dopo averlo baciato.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Si tratta di un reliquiario composto da foglie in argento raffigurante il Patrono di Bari e l’incipit della preghiera latina Si Quaeris Miracula (“Se chiedi miracoli”). La scultura (dal nome “Cristo armonia e pace universale”) avvolge un’ampolla in vetro che contiene la manna di San Nicola pura (non diluita con acqua benedetta) e sulla quale è apposto il sigillo rosso che ne attesta la veridicità.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Infine sull’opera è apposta una croce stilizzata posta in un cerchio dorato simbolo dell’Assoluto. È stata realizzata dall’artista Semmy Marziliano: ha ricavato il legno di cui è composta da un ulivo colpito dalla xylella, simbolo della speranza cristiana che nasce dal dolore.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

(Vedi galleria fotografica)

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Salvatore Schirone
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved