Letto: 2209 volte | Inserita: venerdì 21 giugno 2019 | Visitatore: Riccardo

Nel 2015 ho sostenuto spese di ristrutturazione per l’appartamento nel quale abito e ho portato in detrazione la quota nelle dichiarazioni presentate dal 2016 al 2018. L’anno scorso l’Agenzia delle Entrate mi ha invitato ad esibire la documentazione relativa a tale agevolazione e  con mia grande sorpresa mi ha revocato le detrazioni delle quali avevo già usufruito, con il risultato che devo restituirle con la maggiorazione del 20% di sanzione, più gli interessi legali.  All’Agenzia delle Entrate mi hanno detto che la decisione è stata presa perché non erano corretti i bonifici da me effettuati. Potrei avere maggiori chiarimenti al riguardo?

Per fruire della detrazione fiscale, i pagamenti devono essere effettuati esclusivamente con bonifico bancario o postale da cui risultino:

1) il codice fiscale del beneficiario della detrazione; 2) il codice fiscale o numero di partita IVA del beneficiario del pagamento; 3) la causale del versamento, con riferimento specifico alla norma che lo permette.

Quest’ultimo punto viene a volte trascurato, ma è necessario affinché non si perda il diritto all’agevolazione.

La corretta dicitura è: “bonifico relativo a lavori edilizi che danno diritto alla detrazione prevista dall’articolo 16-bis del D.P.R. 917/1986”.

 

Risponde

MASSIMO IACOBELLIS – Dottore commercialista di Bari, città nella quale svolge la libera professione dal 1993. Docente presso società specializzate nella formazione aziendale e manageriale, ha svolto il ruolo di responsabile amministrativo presso la R.S.S.A. Mediasan

FAI UNA DOMANDA

Nome
Codice di controllo
Commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved