Letto: 2554 volte | Inserita: martedì 23 aprile 2019 | Visitatore: Eugenio

Mio figlio, dopo essersi laureato, ha continuato a vivere a Bologna in cerca di un’occupazione. L’anno scorso ha svolto solo lavori occasionali percependo un reddito lordo di 3.000 euro (250 al mese). Per completezza d’informazione, ha 25 anni ed è celibe. Vorrei sapere se posso considerarlo a mio carico nella dichiarazione del 2019.

No, non può portarlo in detrazione. E non perché risiede fuori: a prescindere da dove viva suo figlio, ai fini fiscali conta solo il reddito da lui percepito. Per essere considerato a carico dovrebbe guadagnare una cifra annua non superiore a 2.840,51 euro.

Da dove deriva questo importo? Dalla conversione di 5.500.000 lire, cioè la soglia reddituale espressa con la precedente valuta. Perché l'importo è sempre lo stesso da circa 30 anni e non tiene conto del tempo trascorso, dell’inflazione e dell’aumento dei prezzi (soprattutto nel passaggio tra lire ed euro). Sembra assurdo ma è così.

Solo nell'ultima legge di bilancio c'è stato un lieve ritocco, grazie al quale i figli che non hanno compiuto 24 anni sono a carico se il loro reddito non supera 4.000 euro. Ma per quelli di età superiore, purtroppo, nulla è mutato.

 

Risponde

MASSIMO IACOBELLIS – Dottore commercialista di Bari, città nella quale svolge la libera professione dal 1993. Docente presso società specializzate nella formazione aziendale e manageriale, ha svolto il ruolo di responsabile amministrativo presso la R.S.S.A. Mediasan

FAI UNA DOMANDA

Nome
Codice di controllo
Commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved