di Gabriella Quercia

''La rivoluzione'', strada della morte: la Provincia mette le mani avanti
BARI -  Qualche giorno fa abbiamo parlato della S.P. 234, la cosiddetta “Rivoluzione”. Collega Corato a Castel del Monte ed è stata spesso teatro di incidenti mortali, dovuti soprattutto ai numerosi incroci presenti sulla strada. Avevamo intervistato Giuseppe Loiodice, vice comandante della Polizia Municipale di Corato, che ci aveva spiegato come tra le cause di questi incidenti ci fossero problemi legati ai cartelli stradali e difficoltà nella realizzazione delle rotonde. Per vederci più chiaro abbiamo quindi intervistato due ingegneri della Provincia di Bari, Saverio Caravelli e Francesco Curci, che si occupano dell’Area tecnica sezione Viabilità del Servizio edilizia pubblica e territorio.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Possiamo fare il punto della situazione sulla “rivoluzione”?

La S.P. 234 è un’ex strada statale, che è gestita dalle Province dal 2001. Quella di Bari “possiede” 15 km di strada, quella della Bat 21,5 km. È effettivamente una strada pericolosa, a causa della presenza di numerosi incroci. Per questo uno dei primi interventi che abbiamo realizzato è stato il potenziamento della segnaletica. Oltre all’imposizione del limite di velocità a 50 km/h e al divieto di sorpasso.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma questo non è bastato…

Sì, è così. Gli automobilisti corrono comunque e poi c’è un problema legato ai cartelli.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E’ vero che vengono rubati i pannelli solari che garantiscono il funzionamento delle luci lampeggianti?   

Purtroppo è verissimo.  Non solo vengono rubati i pannelli solari che alimentano la segnaletica verticale, ma spesso sono stati prelevati anche i cartelli stessi, rivenduti probabilmente nel mercato illegale del rame e dell’alluminio. Viene da sé ripristinare la segnaletica comporta una spese non indifferente che non sempre è possibile effettuare subito.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La manutenzione dei cartelli viene curata adeguatamente?

La segnaletica verticale è di buona qualità: è rivestita con una pellicola di lunga durata,  mentre quella orizzontale viene manutenuta periodicamente. Attenzione però: il nostro Ente è responsabile dei cartelli che sono sulla provinciale, mentre tutto ciò che riguarda le intersezioni è di competenza dei Comuni.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma non potrebbero essere inseriti dei semafori?

E’ una cosa che non sarà fatta mai. Ce ne sarebbero troppi e a breve distanza l’uno dall’altro. Immaginate se ci fosse un semaforo per ogni stradina: il traffico non scorrerebbe più e ci sarebbero grosse lamentele da parte degli automobilisti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Allora perché non costruire delle rotonde?

Infatti un intervento sostanziale è stata la costruzione della prima rotatoria in corrispondenza dell’intersezione con la S.P. 238 anch’essa un’ex Strada Statale. La S.P. 238 collega Trani- Altamura. Poi nel programma triennale dei lavori pubblici c’è in programmazione una seconda rotatoria. Nello specifico questa rotatoria verrà realizzata tra la S.P. 238 e la S.P. 19. Ma il progetto è ancora in attesa di approvazione.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Mancano i vincoli paesaggistici?

Il problema è che la S.P. 19 è una strada provinciale che ha un interesse sia storico che archeologico. E’ un “tratturo”: un antico percorso che ha dei vincoli di tipo storico, ambientale e idrogeologico. Su alcuni tratturi non si possono fare neanche le operazioni basilari di manutenzione, come per esempio rifare la pavimentazione. Per questo per realizzare qui una rotatoria bisogna avere i permessi di Sovrintendenza, Regione, Autorità di Bacino e Comuni. In più bisogna attendere che vadano a buon fine alcuni espropri.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Insomma ci sarà da aspettare…nel frattempo volete dare un consiglio agli automobilisti?

C’è una cosa fondamentale che spesso viene dimenticata: la Provincia ha ereditato delle strade che al momento della loro costruzione non erano state minimamente concepite come vie da percorrere massicciamente. Erano state create per gli agricoltori che con i carri si recavano a lavorare i propri terreni. Le stradine piccole, strette, costruite in posizioni poco congeniali sono difficili da modificare. Non si può dare sempre la colpa alle Istituzioni. Quindi sono gli automobilisti che devono sensibilizzarsi e capire ad esempio che se ci sono dei limiti di velocità bisogna rispettarli.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Gabriella Quercia
Scritto da

Lascia un commento
  • Norbert Steingress - Moda italiana - Slowfood - doce vita ...... tutto italiano Slow-traffic. Invenzione italiana? No, fino a quando si tifa per la velocità (delle macchine)! In molte

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved