di Miriana Moliterno

La storia delle badesse di Castellana: per cinque secoli dominarono sugli uomini
CASTELLANA GROTTE - Le monache come le amazzoni: detentrici di un potere assoluto sugli uomini, che si inginocchiavano ai piedi baciando loro le mani. A partire dal 1266 e per ben cinque secoli, a Castellana Grotte si assistette a un rarissimo caso di dominazione femminile: il Monstrum Apuliae, ossia anni di potere spirituale e temporale detenuto dalle badesse dell’Ordine cistercense. Le religiose comandavano su Castellana, anche se vivevano in semi clausura nel monastero San Benedetto (nella foto), quello della “porta dei cento occhi”.  

Una storia poco conosciuta, che è stata ricordata con una piccola mostra inaugurata il 19 agosto scorso in via Cavallotti n.21, a Castellana: documenti originali, foto e simboli che rievocano quei secoli. «Abbiamo voluto portare alla luce un fenomeno che rappresenta un’esperienza irripetuta – ci spiega lo storico Vittorio Minoia -. per la prima e unica volta nella storia della Chiesa cattolica le monache ebbero il potere dei vescovi».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Nel 1266 la prima badessa Dameta Paleologo ricevette per mano di Papa Clemente IV la “mitra”, il copricapo che simboleggia la dignità vescovile, il “pastorale”, bastone simbolo del potere spirituale e anche l’autorità di feudatario per esercitare il potere temporale. «Non abbiamo dati certi che ci possano far capire come mai il Papa abbia deciso di regalare questo grande potere alle monache – sottolinea Minoia -. Per assurdo potrebbe trattarsi di un caso di “raccomandazione”: magari tra i collaboratori di Clemente IV si trovava un parente della badessa che potrebbe averlo convinto a offrirle tutti questi “doni”».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Sta di fatto che le donne il potere se lo presero e per secoli riscuotettero le tasse e conclusero contratti, spesso in maniera intransigente. «La forza delle badesse – prosegue l’esperto – si manifestava non solo attraverso le loro enormi ricchezze, dal momento che possedevano chiese, proprietà fondiarie ed persino un lago, ma anche con gesti che venivano riservati nei loro confronti. Era ad esempio previsto che i preti di Castellana si inginocchiassero a loro, prestando giuramento di fedeltà nell’ambito di una cerimonia che si svolgeva nel monastero».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

L’ascesa delle badesse si concluse nel 1810, con la soppressione dei monasteri pretesa dal Re di Napoli, Gioacchino Murat, che pose così fine al potere delle temute religiose cistercensi. Da quel momento in poi la storia di queste donne cadde nel dimenticatoio e secondo Minoia non a caso: «Si è cercato di non dare peso a una “scalata femminile” che tocca proprio la Chiesa, dove ancora oggi in quanto a mansioni e ruoli non si può certo parlare di una parità di genere».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento
  • Gaetano Lacalandra - Dunque l'ordine delle monache cistercensi proveniva da Castellana ma viveva nel Monastero di San Benedetto di Conversano? Si può dunque parlare di Conversano come centro detentore del potere religioso espresso dalle badesse mitrate?