di Miriana Moliterno

L’antica “neviera” di Castellana, dove i fiocchi si trasformavano in utile ghiaccio
CASTELLANA GROTTE – Un ipogeo in cui veniva conservata la neve. A Castellana Grotte, in contrada Genna, si trova una singolare struttura cubica: è ciò che resta di un’antica neviera (nella foto). Si trattava di un ambiente dove secoli fa veniva raccolta la neve che una volta trasformata in ghiaccio serviva in estate per farne gelati, sorbetti o “medicinali” contro la febbre.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Al di sotto di quel piccolo edificio – spiega il ricercatore storico Donato Mastromarino - vi è una cavità ipogea, una voragine di circa 8-10 metri di profondità. Era lì che veniva accumulata la neve, che in questa contrada scendeva sempre copiosa. La cavità era ricoperta di fascine di legno, perché i fiocchi a contatto con la roccia si sarebbero sciolti. Poi veniva battuta e ricoperta di paglia in modo tale che fosse facile tagliare i vari “lingotti” quando, diventata ghiaccio, gli operai si calavano nella grotta con adeguate attrezzature».    

La “ghiacciaia” naturale fu utilizzata dal 1790 fino agli inizi del 900, facendo sì che a Castellana si instaurasse un vero e proprio “commercio del ghiaccio”. «Era esportato anche nei paesi limitrofi non dotate di strutture simili - afferma l’esperto – ed era utile per produrre un famoso sorbetto amato dai nobili dell’epoca ma soprattutto per scopo terapeutico, dal momento che veniva messo sulla fronte di coloro che avevano la febbre».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Tutto finì quando nel secolo scorso nacquero le prime fabbriche del ghiaccio: la neviera fu così chiusa per sempre rimanendo abbandonata per decenni. Fino a quando, un anno e mezzo fa, il Comune ha preso la decisione di ristrutturarla per permettere alle scolaresche di visitarla.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

I lavori sono ancora in corso, ma noi siamo andati a dare un’occhiata in contrada Genna, zona che si trova a circa 3 km dal centro di Castellana ed è raggiungibile attraverso la strada che collega il paese ad Alberobello. L’area è contraddistinta dalla chiesa di San Nicola, attorno alla quale sorgono alcune costruzioni storiche, tra cui proprio l’ex ghiacciaia.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

L’edificio è in pietra ed ha la forma di un cubo. Si tratta di una struttura minimale, caratterizzata solamente da due finestre e una porta d’ingresso, ancora in fase di ristrutturazione. L’interno non è ancora praticabile.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Entrando nell’edificio - spiega Mastromarino -  si trova subito, centralmente, il buco attraverso la quale venivano gettati giù i fiocchi. Attorno ad esso sarà costruita una ringhiera, altrimenti il rischio è quello di caderci dentro facendo un salto di parecchi metri». E non ci sarebbe certo la neve ad attutire il colpo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved