di Gaia Caprini

Il rapper Xeno: «Il mio brano "Covid-19" sull'emergenza che allontana ma unisce»
BARI - «Ho deciso di dedicare un brano alla situazione che stiamo vivendo, scritto durante questa strana quarantena». Parole del 20enne Cosimo Insalata (nella foto), in arte Xeno, rapper barese che ha pubblicato il mese scorso il pezzo musicale “Covid-19”. Lo abbiamo intervistato.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Partiamo dalla canzone dedicata all’emergenza Coronavirus.

Si chiama “Covid-19”: l’ho pubblicato sul mio profilo Instagram (fresh_xeno) lo scorso 17 marzo. Ritrae la situazione che stiamo vivendo in questo triste periodo di quarantena: un qualcosa che pur allontanandoci ci sta rendendo più “uniti” di prima. Perché se è vero che le mascherine, i guanti e le varie precauzioni ostacolano il contatto, d'altro canto dimostrano quanto siamo disposti a sacrificare per una lotta comune.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il pezzo è un rap: quando nasce la tua passione per questo genere musicale?

Nel 2011, quando mi sono innamorato di Eminem. Alle scuole medie da autodidatta imparai a suonare la chitarra, ma solo nel 2014 cominciai a scrivere canzoni. Il mio primo lavoro fu “Under”, registrato con il mio amico Bayron. Da lì poi sono arrivati altri pezzi quali “E(h)aters”. “La mia storia”, “Le stelle piangono”, anche se il singolo che più sento mio è “Lei”. Parla di un amore che ho vissuto e di come sia pian piano svanito.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Perché Xeno?

Deriva da una parola greca “Xenos” che significa “diverso”. Mi rappresenta perché ho sempre voluto distinguermi: ritengo di essere una persona autentica che non finge di essere qualcun altro.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


In che modo gli ascoltatori possono identificarsi nella tua musica?

Io scrivo testi soprattutto per me e per dare sfogo alle mie emozioni, raccontando situazioni positive o negative che vivo quotidianamente, anche se il mio obiettivo è che ci si possa riconoscere in quello di cui parlo. Tratto temi personali che però rappresentano ciascuno nella collettività. Non mi ispiro a qualche artista in particolare, anche se ammiro molto Gemitaiz, un rapper italiano.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Oltre a pubblicare i tuoi brani su Youtube riesci ad esibirti dal vivo?

Si, mi è capitato di partecipare ad alcuni eventi con altri giovani rapper. Anche se ho ancora una lunga strada davanti a me e un sogno: quello di trasformare questa mia passione in un lavoro.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Bari è una città in cui è possibile emergere?

Penso che ogni luogo possa offrire opportunità, se ben sfruttato. A Bari ci sono sempre più ragazzi che si stanno avvicinando a questo tipo di musica, perché non è importante il posto da cui si proviene, ma la propria determinazione.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Qui si può ascoltare il brano “Covid-19”

Il video di “Lei”:



© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Gaia Caprini
Scritto da

Lascia un commento