di Luca Carofiglio

Anni di piombo, anche Bari pianse tre morti: Petrone, Traversa e Filippo. La loro storia
BARI – L’arresto del terrorista Cesare Battisti avvenuto il 13 gennaio scorso ha riportato alla memoria il triste periodo degli “anni di piombo”. Si tratta di quella fase storica compresa tra la fine dei 60 e l’inizio degli 80 che segnò profondamente l’Italia con attentati e omicidi. Nel nome di “ideali politici” centinaia di persone furono assassinate: gente comune, militanti, parlamentari, giornalisti, sindacalisti, industriali, magistrati, poliziotti e carabinieri.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Anche la vita di Bari in quegli anni fu caratterizzata da violenza e tensione. La città era divisa in quartieri “rossi” e “neri” e camminando per strada, soprattutto di sera, non ci si sentiva mai al sicuro. E anche Bari pianse le sue vittime. Furono infatti tre le persone uccise dai terroristi: il 18enne Benedetto Petrone, il 19enne Martino Traversa e il 50enne Giuseppe Filippo (nella foto da sinistra e destra).  

BENEDETTO PETRONE -  E’ il 28 novembre del 1977 quando alcuni iscritti alla sezione del Partito Comunista “Introna Pappagallo” di Bari Vecchia si muovono per un giro di perlustrazione. Qualche minuto prima, intorno alle 20, in piazza Chiurlia c’era infatti stato uno scontro tra missini e “compagni” e si respirava una brutta aria.  

Nel gruppo si trova un ragazzo appena maggiorenne: è Benedetto Petrone. Nato e cresciuto nel centro storico, “Benny” lavorava come operaio pur essendo affetto da poliomielite, malattia del sistema nervoso che non gli dava la possibilità di camminare normalmente, costringendolo a zoppicare.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Petrone assieme ad altri tre militanti si dirige in corso Vittorio Emanuele, quando all’altezza di piazza Massari i quattro vengono intercettati da un corposo numero di militanti di destra. Ne nasce una colluttazione e i compagni decidono di darsela a gambe.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma Benedetto non ce la fa: il suo stato di salute non gli permette di essere veloce. Viene così preso dai “fascisti”, picchiato a sangue e infine accoltellato all’addome e all’altezza della clavicola. Per lui sarà inutile la corsa in ospedale, dove arriverà già morto.  


Per l’omicidio fu accusato il 23enne Giuseppe Piccolo, già noto alle forze dell’ordine per numerosi pestaggi. Dopo una latitanza durata un anno il giovane fu arrestato in Germania, lì dove aveva ucciso una donna in una rapina. Piccolo rimase poco in carcere: solo sei anni. Nel 1984 si tolse infatti la vita nel penitenziario di Spoleto.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

MARTINO TRAVERSA – E’ la notte tra l’11 e il 12 marzo 1980 quando in via Camillo Rosalba, negli studi di “Radio Levante”, fanno irruzione alcuni militanti di estrema destra appartenenti al Fronte della Gioventù – Sezione Passaquindici. L’obiettivo è lanciare un messaggio di propaganda attraverso i microfoni dell’emittente di ispirazione democristiana.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma il dj della radio non ci sta. Si chiama Martino Traversa, è uno studente di 19 anni e seppur anche lui vicino agli ambienti “neri”, non accetta quell’invasione violenta nel posto in cui lavora ogni sera. Ne nasce uno scontro e ad avere la peggio è proprio il ragazzo: viene colpito da un proiettile sparato dal coetaneo Stefano Di Cagno. 

Martino muore sul colpo, mentre Di Cagno scappa in Francia, lì dove però viene arrestato qualche tempo dopo in un supermercato. Verrà condannato a 18 anni di carcere. Uscito di galera nel 1995, ci ritornerà nel 2005 per detenzione illegale di armi.  

GIUSEPPE FILIPPO – Otto mesi dopo la morte di Martino Traversa, Bari è costretta a fare i conti con un nuovo omicidio. E’ il 28 novembre del 1980 (stesso giorno dell’aggressione a Petrone), quando alcuni militanti del gruppo terroristico di estrema sinistra “Prima Linea” uccidono il 50enne poliziotto leccese Giuseppe Filippo, che stava rientrando nella sua casa dopo una giornata di lavoro.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Scopo del gruppo era rubare la pistola dell’agente. In quegli anni infatti Prima Linea si stava riorganizzando dopo numerosi arresti e latitanze: dal Nord era arrivata al Sud, creando alcuni covi anche a Bari. E aveva bisogno di armi. Da qui l’idea di sottrarle proprio ai “nemici” delle forze dell'ordine.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Giuseppe fu raggiunto da un gruppo di 6-7 persone sul portone della sua abitazione di via Comes, nel quartiere Picone. Riuscì ad opporre resistenza, ma inutilmente. Venne infatti colpito da un colpo di revolver alla coscia, sull’arteria femorale, morendo così dissanguato nel giro di pochi minuti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

L’autore dell’assassinio fu arrestato a Napoli, nel maggio del 1981.

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Luca Carofiglio
Scritto da
lunedì 21 gennaio 2019
Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved