di Vincenzo Drago

Raccolta differenziata a rilento: ora l'ecotassa incombe sui baresi
BARI - Nemmeno la nuova ecotassa fa spavento: Bari continua a snobbare la raccolta differenziata. Lo affermano i dati della Regione Puglia, che al capoluogo pugliese assegnano ancora una volta un "punteggio" deludente: solo il 22,9% dei rifiuti prodotti nel 2013 è stato differenziato. A meno di miglioramenti improvvisi, i baresi saranno dunque puniti con l'aumento del tributo per il deposito in discarica dei rifiuti solidi urbani, in vigore dallo scorso 1° gennaio.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Le cifre non lasciano dubbi, il capoluogo pugliese fatica a fare quel salto di qualità riuscito invece ad alcuni centri della provincia. Nel 2008 fu raggiunta quota 17,5%, salita al 18,3% nel 2009 e al 20,9% nel 2010. Dopo una lieve flessione con il 20,7% del 2011, il trend positivo è ripreso nel 2012, attestandosi al 20,9%, con un miglioramento di altri due punti nel 2013. Una risalita però troppo lenta.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Da quest'anno infatti i conti non si faranno solo con l'ambiente, ma anche con la Regione, che dopo tanti rinvii ha rimodellato l'ecotassa in modo tale da penalizzare i paesi meno virtuosi. La tariffa massima è di 25,82 euro per ogni tonnellata di rifiuti prodotta e si applica a tutti quei Comuni che non riescono a varcare la soglia del 40%, con piccoli incentivi per quelli che superano il 30%.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Un'utopia per Bari, che fino all'anno scorso beneficiava di un prezzo di 7,5 euro a tonnellata e ora si troverà a pagare tre volte e mezzo tanto. L'unica salvezza è lo sconto per quei Comuni al di sotto del 30% che miglioreranno entro giugno la loro media almeno del 5%: in quel caso la differenza tra la vecchia e la nuova ecotassa sarà detratta. In pratica, se Bari dovesse passare dal 22,9% al 27,9% entro giugno, continuerà a pagare per altri sei mesi solo 7,5 euro a tonnellata.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma non è in questi "aiutini" che bisogna confidare. Purtroppo a Bari differenziare risulta ancora troppo scomodo, con pochi bidoni spesso troppo lontani da ogni singola abitazione. Né l’idea degli incentivi (buoni spesa in cambio di rifiuti) sembra funzionare. L’unica soluzione sembra risiedere nel "porta a porta", servizio che però a Bari è in funzione solo nei quartieri di Japigia e Poggiofranco.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In questa direzione sono andati ormai da un paio d'anni Rutigliano, Cellamare e Mola di Bari, i tre Comuni che compongono il podio della raccolta differenziata della provincia. Manca ancora qualche dato, ma si tratta di dettagli. Rutigliano ha confermato il 79% dell'anno scorso, seguita da Cellamare al 72% e Mola di Bari, che dal 2011 ha triplicato il suo bottino fermandosi al 60%. In scia ci sono Putignano, Grumo Appula, Cassano delle Murge e Triggiano dove l'introduzione del "porta a porta" ha fatto impennare da un mese all'altro le bassissime percentuali di inizio 2013, con ottime aspettative per l'anno in corso. Stessa cosa per Casamassima, dove questa strategia è stata adotatta dallo scorso autunno.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Al contrario ci sono Comuni a cui la raccolta differenziata sembra proprio non interessare. E’ il caso di Sammichele, fermo al 7,2%, di Gravina in Puglia, (7,1%), di Sannicandro di Bari (6,6%) e di Noicattaro, maglia nera della provincia di Bari che differenzia solo il 5,5% dei suoi rifiuti.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
Ecco nel dettaglio quanti rifiuti hanno differenziato nel 2013 tutti i Comuni in provincia di Bari.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

* dati disponibili fino a novembre
** dati disponibili fino ad ottobre
*** dati disponibili fino a settembre
**** dati disponibili fino ad agosto

Posizione Comune % R.C. 2013 % R.C. 2012
1 Rutigliano 79,8* 79,7
2 Cellamare 72,4 70,0
3 Mola di Bari 60,6 45,6
4 Putignano 44,8 14,4
5 Grumo Appula 44,2** 10,1
6 Triggiano 41,6* 13,7
7 Cassano delle Murge 33,7* 5,6
8 Toritto 31,0* 34,2
9 Molfetta 30,3 30,6
10 Corato 28,9 25,8
11 Poggiorsini 25,5*** 26,9
12 Polignano 24,7* 21,1
13 Gioia del Colle 23,3** 21,9
14 Bari 22,9 20,9
15 Bitonto 22,5 19,7
16 Alberobello 22,2 21,5
17 Turi 20,2 23,8
18 Ruvo di Puglia 19,5 21,7
19 Bitetto* 18,2 26.7
20 Binetto** 18,1 20,9
21 Locorotondo 17,3 17,8
22 Altamura 17,0 13,6
23 Casamassima* 17,0 7,8
24 Bitritto 15,8 18,3
25 Noci** 15,0 18,0
26 Castellana Grotte 14,6 16,5
27 Santeramo in Colle 14,1 17,2
28 Modugno* 13,3 14,1
29 Palo del Colle* 12,9 13,6
30 Terlizzi* 12,4 10.9
31 Conversano** 12,2 12,1
32 Monopoli** 11.9 10.9
33 Capurso 12,0 12,2
34 Acquaviva delle Fonti 10,8 12,9
35 Valenzano 9,8 9,5
36 Adelfia* 9,6 11,2
37 Giovinazzo**** 8,9 8,9
38 Sammichele di Bari* 7,2 8,1
39 Gravina in Puglia 7,1 7,2
40 Sannicandro di Bari 6,6 6,0
41 Noicattaro* 5,5 8,0


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Vincenzo Drago
Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Via Fiume 18/20
70127 Bari (BA) - Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved