di Eugenio Orsi

Don Mario, esorcista: ecco come si svolgono le sue messe ''di guarigione''
ACQUAVIVA DELLE FONTI –Don Mario Cavalera (nella foto) non è solo il prete della parrocchia San Francesco d'Assisi di Acquaviva delle Fonti, in provincia di Bari, ma è anche un esorcista. Lui ogni giovedì celebra una messa di “guarigione e liberazione” alla quale partecipano un gran numero di persone. Così tanta gente che da settembre il parroco ha deciso di quadruplicare gli incontri con i fedeli: da uno al mese a uno a settimana.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Il motivo di tanto entusiasmo? Don Mario, come lui stesso ci ha riferito in una recente intervista, dice di poter guarire dal male attraverso la preghiera, attraverso la «cristoterapia». «La Chiesa Cattolica in tutto questo tempo ha insegnato a scacciare i demoni con delle formule», ci aveva detto don Mario e aveva aggiunto: «Spesso i medici hanno dato per spacciate alcune persone, ma molte volte il male si riesce a estirpare con la preghiera».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Insomma don Mario, al pari di don Michele Bianco, è un vero e proprio esorcista, non “ufficiale” però. Perché in realtà la Chiesa Cattolica nomina per ogni diocesi un esorcista ad hoc, al quale rivolgersi in caso di necessità. Ma questi preti non sono facilmente raggiungibili. Ad esempio per la diocesi di Bari-Bitonto l’esorcista ufficiale è don Ubaldo Aruanno. Noi abbiamo tentato di contattarlo per più di dieci giorni per ottenere un appuntamento, ma non abbiamo avuto alcuna risposta, né telefonicamente, né recandoci direttamente  in Curia, durante l’orario di ricevimento.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
E’ chiaro quindi che chi è in difficoltà, non può far altro che rivolgersi a preti come don Mario, che non lesinano certo di ascoltare le preghiere dei “posseduti dal male” e dei loro congiunti. 
 
Abbiamo quindi deciso di assistere a una delle famose messe di don Mario (vedi video e foto galleria). Questo è il nostro racconto.  
 
Sabato 31 agosto, primo pomeriggio.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
C'è molta gente riunita nella piazzetta della chiesa San Francesco. Ci sono malati in carrozzella, persone claudicanti che si sorreggono grazie a un bastone, donne con in mano la foto di un proprio parente. Tutti attendono con ansia l'inizio della celebrazione della messa di liberazione di don Mario.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
«Ci sono persone che sono tornate con la radiografia che mostrava la propria guarigione - ci dice una signora che viene da Bari - tutto merito delle preghiere di don Mario».  «Una mia amica, gravemente malata, aveva bisogno di un trapianto ma non si trovava un donatore. Dopo la messa di don Mario miracolosamente è stato trovato: il trapianto è riuscito senza problemi e lei è miracolosamente guarita»,ci dice una ragazza prima di entrare in chiesa per l'inizio della funzione.  

 
La chiesa si riempie subito: colma di fedeli che si raccolgono nella confessione e nel rosario. C'è un'aria molto pesante, satura di dolore. Due donne portano una cesta con le intenzioni e le preghiere degli intervenuti, ai piedi di una statua raffigurante la Madonna, mentre il prete conclude la recitazione del rosario.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Don Mario comincia quindi la “preghiera di liberazione per la guarigione dello spirito, liberazione dal male e dalle tentazioni”. Finita questa, a quel punto ci si prepara alla tanto attesa “preghiera di guarigione del corpo dalle malattie”. Sull’altare vengono portate le generose offerte, "i doni della terra" per i poveri e il libro con il nome degli infermi. Segue la celebrazione dell’eucarestia.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Cavalera comincia chiedere a tutti i fedeli di pregare per i malati, scandendo uno per uno il loro nome. Poi, inizia con la preghiera vera e propria, che è di fatto un elenco di tutte le malattie più terribili con cui l’uomo è costretto a combattere. "Guarisci dal cancro al seno, ai polmoni e al pancreas, guarisci dal cancro al fegato", esclama don Mario, per poi continuare con tutte le altre malattie, da quelle cardiovascolari a quelle che colpiscono il sistema nervoso.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
Tutti i credenti cantano e alzano le proprie mani, stringendo rosari e foto dei loro cari. In un secondo momento impugneranno invece bottiglie d'acqua e medicine da benedire.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.
 
La messa di guarigione dura quasi due ore e mezza. I fedeli escono dalla chiesa esausti, molti stringendo al petto l’immagine che ritrae il proprio familiare ammalato. La speranza, in fondo, è sempre l’ultima a morire. E questo la Chiesa lo sa fin troppo bene.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

"Vi sono tre forze, tre sole forze sulla Terra in grado di vincere e incatenare per sempre la coscienza di questi esseri miseri e ribelli, per garantire loro la felicità: il miracolo, il mistero e l'autorità".Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ecco in un video alcuni momenti della messa di don Mario Cavalera:



© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento

Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s.
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved