di Gaia Agnelli

Halloween, è arrivata la notte delle streghe: ma si pronuncia Hàlluin o Halluìin?
Come ogni 31 ottobre in Italia la vigilia di Ognissanti sarà caratterizzata da dolcetti, scherzetti, zucche con il ghigno e macabri travestimenti. Halloween infatti, l’antica festa di origini nordeuropee, è ormai diventata da un po’ di anni a questa parte patrimonio anche del Belpaese.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma come si pronuncia correttamente questa particolare parola? La domanda è lecita, visto che nella Penisola c’è chi dice “hàlluin” ponendo l’accento sulla lettera “a” e chi invece esclama “halluìin” accentando invece la “i”. Il che dà come risultato due suoni completamente diversi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Facile pensare a una libera interpretazione italica, ma in realtà non è così. Perché se si ascolta una qualsiasi delle innumerevoli canzoni (inglesi o americane) che hanno per tema la “notte delle streghe”, si vedrà che nella maggior parte dei casi il termine viene pronunciato come “hàlluin” (quindi con l’accento sulla “a”). Ma al contrario se si guardano film, telefilm o trasmissioni televisive anglosassoni, state certi che l’attore o il presentatore di turno non potrà che proferire la parola come “halluìin” (con l’accento sulla “i”).Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Insomma persino in Gran Bretagna e Stati Uniti non sembrano essere d’accordo sulla versione corretta della notte più horror dell’anno.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Per svelare l’arcano non ci è restato quindi che chiedere lumi a un esperto. Ad aiutarci è stato Vince, docente di madrelingua americano che insegna a Bari.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


«Per capire come pronunciare correttamente la parola bisogna ricorrere alla sua etimologia che affonda le proprie radici nell’inglese antico – sottolinea Vince –. Halloween deriva infatti da All Hallows Even, poi diventato All Hallows Eve. Dove All Hallows vuol dire “tutti i santi” ed Even vigilia”. Ebbene, in questa espressione l’accento va sempre sull’ultima parola (Eve) e così di conseguenza anche la forma contratta Halloween vorrà l’accento tonico sull’ultima sillaba. Quindi è “halluìin”, come del resto viene pronunciato dalla maggior parte degli anglosassoni».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La maggior parte però, non la totalità. «Sì, in effetti ci sono aree geografiche degli Stati Uniti (ma anche del Regno Unito) nelle quali la parola spesso viene un po’ distorta, così come avviene nei dialetti italiani – ammette l’esperto –. Ad esempio ci sono zone dove la prima sillaba “ha” viene pronunciata “ho”, ma soprattutto è facile che l’accento non venga proprio rafforzato, rendendo così “piana” la parola».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E, nel momento in cui un termine perde il suo suono originario, c’è chi ne può “approfittare” per adeguarla a vari contesti. È il caso dei cantanti che, come dicevamo prima, spesso e volentieri nei propri pezzi preferiscono intonare Halloween ponendo l’accento sulla “a”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Perché in questo modo la parola si adatta meglio alla metrica – spiega Vince –. Immaginiamo ad esempio il brano “This is Halloween”, colonna sonora del celebre film “Tim Burton’s Nightmare Before Christmas”. Se il protagonista cantasse “this is halluìin” tutto il ritornello andrebbe a farsi benedire».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Foto di: Michael Gil

Nel video, la canzone “This is Halloween”:



© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Gaia Agnelli
Scritto da

Lascia un commento


Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved - Tutte le fotografie recanti il logo di Barinedita sono state commissionate da BARIREPORT s.a.s. che ne detiene i Diritti d'Autore e sono state prodotte nell'anno 2012 e seguenti (tranne che non vi sia uno specifico anno di scatto riportato)