di Marco Gay e Eloisa Diomede

Bari, quelle misteriose opere adagiate su un campo incolto di via Omodeo: perché sono lì?
BARI – Da qualche settimana chi percorre via Omodeo, nella zona San Marcello di Bari, si ferma inevitabilmente ad ammirare tre grandi e strane opere adagiate sul campo incolto prospicente la storica Villa Giustiniani. Si tratta di calchi di figure umane “abbandonati” in quell’area da quasi un anno e ritornati alla luce recentemente dopo che è stata falciata l’alta erba che li nascondeva. (Vedi foto galleria)

La prima scultura, posta al centro di un sentiero, rappresenta un uomo con le mani e le braccia allargate. La seconda, situata vicino a un masso e a un albero, raffigura un ragazzo sdraiato. La terza, appoggiata a dei tubi di ferro, riproduce un signore in piedi. Sono tutte fatte di cemento grezzo, arricchito però con installazioni di vere scarpe, zip di jeans, lattine, tappi di bottiglia e metri di misurazione.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ma di che si tratta e perché si trovano in quel punto? Questa è la domanda che abbiamo posto a residenti, rappresentanti delle istituzioni ed esperti d’arte contemporanea, ma la risposta è stata all’unisono: «Non lo sappiamo».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In realtà un indizio sulla loro origine si può trovare sui sostegni in legno delle statue, lì dove è scritta a chiare lettere la frase “#Iorestospaziocancelletto”. Un hashtag quindi, che ci riporta al mondo dei social network. Su Instagram e Facebook è possibile infatti scovare alcuni post pubblicati durante l’estate del 2021 che si riferiscono proprio alle opere “misteriose”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Le foto (che non hanno commenti e contano su pochissimi like) sono anche accompagnate dalla frase “Guarda il video attraverso il link e partecipa al gioco”. Link che però rimanda a una pagina non più attiva. Tutto sembrerebbe quindi riportare a un esperimento artistico finito male o forse mai partito veramente.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Le sculture però nel frattempo rimangono lì, quasi a rappresentare un manifesto della “street art”. Anche se secondo l’artista barese Domenico Mazzilli si tratterebbero di meri calchi. «Lì c’erano delle forme preesistenti a rilievo che sono state tolte dal cemento lasciando così la loro impronta sul materiale di scarto – afferma l’esperto –. Probabilmente chi le ha rinvenute vi ha intravisto delle figure umane e, aggiungendovi elementi con la tecnica del collage, ha reso le forme “vive”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Sarà. Ciò che possiamo affermare è che questi lavori, a prescindere dal loro valore artistico, stanno riuscendo ad abbellire un’area non curata che, all’ombra di un antico edificio barese, è divenuta nel tempo una discarica per piccoli e grandi rifiuti. 

Qui la pagina Facebook di “#Iorestospaziocancelletto”

(Vedi galleria fotografica)


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Marco Gay
Scritto da

Eloisa Diomede
Scritto da

Lascia un commento
  • Filomena - Interessante articolo


Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved - Tutte le fotografie recanti il logo di Barinedita sono state commissionate da BARIREPORT s.a.s. che ne detiene i Diritti d'Autore e sono state prodotte nell'anno 2012 e seguenti (tranne che non vi sia uno specifico anno di scatto riportato)