di Mina Barcone

A Santo Spirito c'è un angolo di Buenos Aires: è la "gelateria argentina" dei Rapallo-Lisi
BARI - Nel cuore del quartiere Santo Spirito di Bari c’è un angolo di Argentina dove poter gustare dulche de leche, yerba mate, maracuja e medialunas: è la gelateria RapaLisi, un esercizio commerciale aperto nel gennaio del 2021 dalla famiglia Rapallo-Lisi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Un nucleo composto da papà Ruben Rapallo, mamma Angela Lisi e il 28enne figlio Mauricio, tutte persone nate e cresciute a Buenos Aires ma con “sangue santospiritese” nelle vene. I genitori della donna (Giovanni e Giuseppina) furono infatti costretti a lasciare Bari negli anni 60 per cercare lavoro nel Paese delle Ande, mantenendo però sempre nel proprio cuore la terra natìa.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

E dopo decenni passati in Sud America, la nostalgia ha così preso il sopravvento e la famiglia nel 2020 ha deciso di percorrere all’indietro il viaggio intrapreso, tornando alle proprie radici. Il tutto seguendo un piano prestabilito: quello di sfruttare l’esperienza come pasticcera di Angela per aprire a Santo Spirito una gelateria “inedita”, che unisse l’Italia all’Argentina.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il risultato è RapaLisi, uno dei pochi luoghi di Bari dove è possibile gustare sapori stranieri. Si trova su corso Umberto I, a pochi passi dal porto e noi siamo andati a visitarlo. (Vedi foto galleria)

Il locale è inconfondibile, visto che richiama ovunque i colori simbolo dell’Argentina: il bianco e l’azzurro. Li si trova sulle sedie e sugli sgabelli, sui manifesti che pubblicizzano i prodotti in vendita, sulla bandiera all’entrata con su scritto “gelato argentino” e sul peluche posto all’ingresso con indosso la maglia dell’Albiceleste e una sciarpa del Napoli: un evidente omaggio a Diego Armando Maradona

A venirci incontro è il 28enne Mauricio, che prima di farci entrare ci illustra la storia “nomade” della sua famiglia. «L’idea di trasferirci qui è maturata nel 2009 – afferma – quando venimmo in visita ai tanti parenti che erano rimasti a vivere a Bari. Rimanemmo affascinati da Santo Spirito, dai suoi colori, dai suoi profumi, ma soprattutto dalla sensazione di sicurezza che questo piccolo borgo trasmette. Un modo di vivere totalmente diverso da quello di Buenos Aires, un’enorme città caotica e pericolosa, caratterizzata da un altissimo tasso di criminalità. A quel punto cominciammo a progettare il grande ritorno».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Ritorno che avvenne nel 2020, non prima però di aver ben pianificato ciò che la famiglia avrebbe fatto una volta sbarcata in Puglia. «A Buenos Aires la mamma era titolare di una pasticceria - spiega Mauricio -: decidemmo quindi di portare la sua arte qui, consapevoli comunque del fatto che Santo Spirito fosse piena di esercizi che vendono dolci. Dovevamo puntare su qualcosa che ci differenziasse e la scelta è caduta sui prodotti argentini, che si basano su preparazioni e materie prime in Italia poco utilizzate».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


Accompagnati dal giovane entriamo così nel locale per andare a scoprire il “dolce” mondo di RapaLisi, un nome che unisce in una sola parola i cognomi Rapallo e Lisi.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Dietro al bancone, sul quale si stagliano due orologi che segnano rispettivamente l’ora di Buenos Aires e di Santo Spirito, troviamo mamma Angela e papà Ruben, che ci illustrano i tipici prodotti che è possibile acquistare qui, preparati nel loro “laboratorio d’autore”.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Su un tavolino ad esempio notiamo due prodotti fritti: sono il churro e l’empanadas. «Il primo è un bastoncino di pastella ricoperto di zucchero che viene immerso nella cioccolata calda  - ci spiega Angela -. Il secondo è invece una sorta di panzerotto. Si tratta di un fagottino fatto con farina, acqua e olio dalla forma a mezzaluna e farcito con verdure, carne oppure con prosciutto cotto e mozzarella».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Sul bancone sono poi impilati uno su l’altro gli alfajor, protetti dalla carta stagnola per preservarne il gusto. «È uno dei dolci che va per la maggiore - afferma Mauricio -. È fatto con due biscotti al cioccolato e all’interno farcito con il dulche de leche: una crema densa e spalmabile a base di latte e zucchero dal sapore simile a quello delle caramelle Mou».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Le medialunas sono invece simili ai cornetti, hanno però una consistenza molto più soffice data dall’aggiunta nell’impasto delle uova. E poi ci sono i gelati artigianali dai gusti e nomi sudamericani quali la maracuja, la mandarina, il chocolate de los Andes o la yerba mate. Quest’ultima è una pianta sempreverde dalle cui foglie essiccate si ottiene un infuso commercializzato poi in barattoli di latta.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Da bere infine troviamo la classica birra argentina Quilmes, oltre a superalcolici preparati sempre con dulche de leche o yerba mate. Tutte novità che i baresi sembrano apprezzare.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Mentre Mauricio ci parla notiamo infatti diversi passanti entrare e salutare la famiglia. «Ormai ci conoscono tutti qui, siamo davvero contenti dell’accoglienza che abbiamo ricevuto – afferma soddisfatto il giovane -. Ho soltanto un rammarico, quello di aver perso 5 mesi fa mio nonno Giovanni. Lui ha vissuto molto poco questa nuova avventura, ma chissà, forse tutto ciò che desiderava era tornare e morire nella sua amata Santo Spirito». 

(Vedi galleria fotografica)


© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Mina Barcone
Scritto da

Lascia un commento
  • Michele DAMMICCO - Complimenti vivissimi per la vostra bella iniziativa! Anche la mia famiglia aveva un parente Buenos Aires....si chiamava Luca LOFANO-Verremo a trovarvi! CARI SALUTI


Powered by Netboom
BARIREPORT s.a.s., Partita IVA 07355350724
Copyright BARIREPORT s.a.s. All rights reserved - Tutte le fotografie recanti il logo di Barinedita sono state commissionate da BARIREPORT s.a.s. che ne detiene i Diritti d'Autore e sono state prodotte nell'anno 2012 e seguenti (tranne che non vi sia uno specifico anno di scatto riportato)