di Miriana Moliterno

Castellana, la storia di Paolo, calzolaio a 24 anni: «La crisi aiuta i mestieri manuali»
CASTELLANA GROTTE - Rinunciare alla "moda" di iscriversi all'Università per cimentarsi in un mestiere in via d'estinzione. È l'insolita scelta di Paolo Del Drago (nella foto), 24enne di Castellana Grotte, che nonostante la giovane età esercita da un paio d'anni l'antichissima professione del calzolaio. Una decisione a dir poco coraggiosa, visto che nell'era dell’”usa e getta” in pochi scelgono ormai di far riparare le proprie scarpe rotte: si preferisce buttarle via e acquistarne un nuovo paio.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

«Al termine degli studi superiori, dopo essermi diplomato in ragioneria, non avevo le idee chiare su quale potesse essere il mio futuro - racconta Paolo -. L'unica certezza era quella di abbandonare definitivamente i libri per intraprendere al più presto un lavoro manuale. Poi, riflettendo sul fatto che sin da piccolo mi era piaciuto lucidare scarpe e cambiare lacci, optai per un audace tentativo: trasformare questa “passione” in un vero e proprio lavoro».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Un azzardo che ha comportato anni di lunga gavetta. «Ho fatto pratica in diverse botteghe di Bari, Locorotondo e Terlizzi - prosegue l'artigiano -. Sono state tutte esperienze preziose dove ho imparato gradualmente i trucchi del mestiere. Nel 2014 infine mi sono messo in proprio aprendo un esercizio nel mio paese d'origine».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

Il ragazzo opera nel suo negozio in via Mater Domini 40, a pochi passi dal centro storico. Entrando nella sua attività la sensazione è quella di non trovarsi di fronte alla classica bottega polverosa e claustrofobica, bensì in un luogo dove il vecchio e il nuovo si fondono.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.


L'ambiente è unico, anche se diviso in due parti da una piccola parete separatrice: in quella anteriore sono esposte solette, creme, bombolette spray e tutti quei prodotti utili per la manuntenzione "ordinaria" delle calzature, mentre nello spazio posteriore spiccano una serie di attrezzi ingombranti come la cucitrice, la pressa e un macchinario per smerigliare le scarpe. E poco importa che il laboratorio sia avvolto da un pungente odore di colla, gomma e diluente.Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

La domanda a questo punto sorge però spontanea: si riesce a campare riparando le scarpe? «Direi di sì – afferma il giovane -. Anche se devo dire la verità, sono stato aiutato dalla crisi economica che ha caratterizzato gli ultimi anni. La mentalità dell'usa e getta è ancora dominante, ma sempre più persone a corto di soldi cercano di ridurre gli sprechi e prima di buttar via un oggetto cercano di sfruttarlo ancora un po’ facendolo riparare. Insomma è brutto dirlo, ma la povertà diffusa aiuta la sopravvivenza di diverse arti manuali, compresa la mia».Notizia pubblicata sul portale barinedita.it e di sua proprietà.

In più c’è da dire che Paolo non soffre la concorrenza dei suoi coetanei, quasi tutti impegnati negli studi accademici e con poca voglia di "sporcarsi le mani". Inoltre può introdurre nel suo mestiere innovazioni che sfuggono ai suoi colleghi più anziani. «Non solo rimetto a nuovo le calzature danneggiate - conclude infatti il giovane - ma ho allargato il mio raggio d'azione lavorando il cuoio. In più, con l'aiuto di un mio amico tatuatore, ho imparato a personalizzare scarpe e borse dei miei clienti. Più che calzolaio, mi ritengo un "ciabattino 2.0"».

© RIPRODUZIONE RISERVATA Barinedita



Scritto da

Lascia un commento
  • Aurora - Bellissimo articolo, ammirevole Paolo!